Massimiliano Riverso
No Comments

Sandkite, surfando sulla sabbia. Il quarto episodio di Nissan The Quest

Sandkite, surfando sulla sabbia. Il quarto episodio di Nissan The Quest
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Continua senza sosta il viaggio tra le strade del Vecchio Continente di Jury Chechi, Antonio Rossi e Tonio Liuzzi, sempre alla ricerca di nuovi talenti e sport “unconventional”. Dopo cinque edizioni trascorse ad analizzare, raccontare e affrontare qualsiasi sfida sportiva secondo il plot narrativo del Cross Challenging, Nissan The Quest è ormai un must del palinsesto televisivo Sky, un successo frutto di un format che mette in discussione lo status quo sperimentando tutte quelle idee che sembrano impossibili.

Innovazione, esperienze ed emozioni fuori dal comune sono i punti fermi anche della sesta edizione, trasmessa in prime time e disponibile anche sul web sul canale YouTube di Nissan Italia.

Il quarto episodio della serie è interamente dedicato al Sandkite, una delle varianti più anomale del Kitesurf, sport comunemente praticato in acqua. Special Guest della puntata è Mirko Babini, romagnolo doc e surfista professionista dai primi anni ’80, uno dei pionieri del Kitesurf in Italia.

Il piccolo deserto di Porto Pino, situato a circa 40 km da Cagliari sulla costa Nord-occidentale della Sardegna, un chilometro di spiagge con dune costantemente spazzate dal vento, fa da teatro all’incontro tra i tre conduttori e il campione romagnolo in questa puntata di Nissan The Quest. Babini illustra tutti i segreti del Sandkite, variante del surf sulle dune in cui la forza motrice è data dal vento che gonfia un aquilone.

Il Sandkite nasce qualche anno fa dall’unione di due discipline che rappresentano già delle evoluzioni creative di altri sport, ovvero il sand-boarding e il più conosciuto kitesurfing. Dal primo prende in prestito l’insolita location, dal secondo invece eredita la tavola ma senza le pinne inferiori che si usano nell’acqua e la vela per sfruttare la spinta del vento e raggiungere performance incredibili anche in assenza di condizioni estreme.

Babini spiega come la difficoltà primaria sulla sabbia sia senza dubbio l’attrito, che rende difficile ottenere tanta velocità con il traino dell’aquilone. Non è uno sport facile in quanto, oltre a richiedere una cospicua forza di trazione sulle braccia, soffre dell’on-off sulla sabbia, motivo per cui l’apprendimento della disciplina non è immediato per tutti. Il Sandkite rappresenta tuttavia uno degli sport non-convenzionali e più innovativi che unisce le emozioni del surf con quelle dello skateboard.

Se siete appassionati di Kite dovete assolutamente provarlo! Condividete i momenti più entusiasmanti di questa puntata di Nissan The Quest sulla pagina Facebook di Nissan Italia o anche su Twitter usando l’hashtag #NissanTheQUEST!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *