Antonio Casu
No Comments

Vuelta: Degenkolb è il re delle volate. Caduta per Bouhanni

Il tedesco della Giant batte Boonen e Guarnieri sul traguardo di Logronõ

Vuelta: Degenkolb è il re delle volate. Caduta per Bouhanni
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Che sia Giro, Tour o Vuelta, c’è sempre una squadra a recitare la parte del leone nelle volate: la Giant-Shimano. Cambiano gli interpreti, ma non la sostanza. Da Marcel Kittel a John Degelkolb il passaggio di testimone è relativo, il risultato è sempre lo stesso. Lo dimostra la 12a tappa della Vuelta, corsa nel circuito di Logronõ, che ha regalato la terza gioia al tedesco. Volata condizionata da una caduta negli ultimi chilometri: tagliati fuori Bouhanni, principale rivale di Degenkolb, ed il nostro Guardini.

John Degenkolb, velocista completo tra i favoriti nella terza tappa della Vuelta

Vuelta: John Degenkolb centra il tris

LA SOLITA FUGA E LA SOLITA VOLATA – La tappa scorre via liscia come l’olio. Un’unica fuga, con protagonista l’austriaco Krizek (Cannondale), condiziona la frazione. Il percorso è semplice, nessuna asperità e pochi chilometri (166). Il fuggitivo arriva a guadagnare otto minuti circa, ma per lui non c’è niente da fare: la tappa si concluderà allo sprint. Succede pochissimo anche tra i big della generale. Contador, guidato magistralmente dal gregario Bennati, non rischia nulla e si mantiene in testa al gruppo fino a pochi chilometri dal traguardo. Scelta saggia, visto che ai meno due una caduta spezza il gruppo in più tronconi. Nessun distacco tra gli uomini di classifica, ma tanta rabbia per i velocisti tagliati fuori.

IL TRIS DI DEGENKOLB – Sul traguardo, è ancora una volta Degenkolb ad avere la meglio. Boonen e Guarnieri provano a contrastare il suo strapotere, ma ogni tentativo è vano, devono accontentarsi delle posizioni di rincalzo. È lui il più forte. Quarto il povero Sagan, ancora a secco in questa stagione nei grandi giri. Con questo successo, il tedesco consolida il primato nella classifica della maglia verde, mentre Contador resta stabilmente in maglia roja. La Vuelta è incerta, le volate sono maschie, ma una sicurezza contraddistingue la corsa: i Giant ci sono sempre, gli altri un po’ meno.

Antonio Casu

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *