Simone Viscardi
No Comments

Fiba World Cup, Girone A: Spagna e Brasile in paradiso, all’Iran il derby dei poveri

L'Iran batte l'Egitto e ottiene finalmente una vittoria. Il Brasile supera la Serbia, Spagna super con la Francia

Fiba World Cup, Girone A: Spagna e Brasile in paradiso, all’Iran il derby dei poveri
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

EGITTO-IRAN 73-88

Nella giornata dell’attesissima sfida tra Spagna e Francia, il match che apre le danze del Girone A è quello tra le Cenerentole del raggruppamento. Egitto e Iran si affrontano per dare un senso alla loro Fiba World Cup, fatta di grande impegno e risultati alquanto modesti. Partono fortissimo gli asiatici, che piazzano subito un parziale pesantissimo di 10-0. Manco a dirlo, il mattatore è sempre lo stesso, ossia Haddadi. Insieme a Bahrami, il leader iraniano guida i suoi al 25-17 di fine quarto. Il secondo quarto è quelo della reazione egiziana: i faraoni sistemano difesa e attacco, arrivando a sfiorare il pari. In un terzo quarto molto equilibrato, El Gammal e Bahrami imbastiscono un botta e risposta entusiasmante. A risolvere la questione ci pensa ancora Haddadi, che chiude la pratica a suon di punti riportando i suoi a una tranquilla doppia cifra di vantaggio. Il finale è solo di gestione per l’Iran, che conduce in porto la partita regalandosi la prima vittoria nel torneo, utile a mantenere vive le speranze di ottavi di finale. Per l’Egitto sfuma l’occasione più ghiotta per lasciare un segno in Spagna, e scorrono i titoli di coda sul suo Mondiale.

Tabellino –

EGITTO: Samir, Gendy 2, Kamal 2 (5 rimbalzi), Badr 2, Abouelanin 7, Elgammal 10 (3 assist), Elsabagh 13, Genedy 9, Shousha 15, Elmekawi 5, Ibrahim 8, Rabie.

IRAN: Arghavan ne, Mashayekhi ne, Yakhchali, Kamrani 4, Kazemi 2, Zangeneh 7, Afagh 12, Sahakian 14, Kardoust ne, Jamshidi 2, Nikkhah Bahrami 24 (6 assist), Haddadi 23 (15 rimbalzi).

SERBIA-BRASILE 73-81

Il Brasile cancella dalla memoria la disfatta subita dai padroni di casa della Spagna, e regola la Serbia in quello che molto probabilmente rappresentava lo spareggio per il terzo posto nel girone. Splitter si scrolla di dosso la ruggine dell’ultimo incontro, e trascina i suoi in un avvio che mette fin da subito in chiaro gli intenti bellicosi dei verdeoro. Il primo quarto infatti è tutto di marca sudamericana, e il solo Teodosic evita che il passivo diventi già insormontabile dopo 10 minuti. Anche la seconda frazione segue lo stesso andamento, e con le bombe di Garcia il Brasile arriva fino al +18. Sulla sirena dell’intervallo Barbosa affossa ancora di più le speranze serbe, bucando la retina per il 48-32.  Lo splendido Brasile del primo tempo rimane però negli spogliatoio dopo l’intervallo lungo, e Markovic è bravo ad approfittarne dimezzando immediatamente lo svantaggio. La Serbia continua nel suo incedere, arrivando anche a 7 lunghezze di vantaggio, prima di interrompersi bruscamente. L’eroe della serata brasiliana diventa Marquinhos Viera, il quale – accompagnato da Splitter – riporta definitivamente avanti i suoi, assicurando la vittoria e il terzo posto ai sudamericani. Brasiliani che potranno ambire anche al secondo in caso di qualche risultato favorevole, mentre per la Serbia la strada verso il quarto posto è ormai imboccata.

Tabellino –

SERBIA: Teodosic 14 (5 assist) Simonovic 3, Jovic 2, Bogdanovic 8, Bjelica 8, Markovic 10, Kalinic, Bircevic 8, Krstic 7, Raduljica 11 (5 rimbalzi), Katic ne, Stimac 2.

BRASILE: Machado, Neto 2, Hettsheimer, Taylor 2, Garcia 6, Huertas 6 (5 assist), Barbosa 16, Varejao 4 (9 rimbalzi), Giovannoni 4, Hilario 7, Vieira 21, Splitter 10.

SPAGNA FRANCIA 88-64

La Spagna non molla un centimetro davanti al proprio pubblico, e trionfa anche nella supersfida con la Francia. I transalpini si giocavano l’ultima chance per le posizioni di vertice del girone, ma gli iberici sono davvero in formato Mondiale. Gasol continua ad essere sugli scudi, e appoggiato da Rubio porta i suoi subito avanti. La Francia tiene botta, ma una tripla di Navarro sulla sirena manda la Spagna in vantaggio al primo riposo. Sempre Gasol è protagonista nella seconda frazione, dove la Spagna inizia a dettare la propria legge, altro parziale e doppia cifra di vantaggio. Ibaka vince tutte le sfide nel pitturato, e per i galletti così rientrare è praticamente impossibile. Il vantaggio dei padroni di casa continua a dilatarsi, e quando le triple di Llull e Navarro entrano ad inizio ultimo quarto, è chiaro a tutti che la partita è ormai finita. La Spagna veleggia verso il primo posto del girone, mentre per la Francia adesso è dura.

Tabellino –

SPAGNA: P. Gasol 15, Fernandez 8, Rodriguez 2, Navarro 14, Calderon 2, Reyes 2, Claver 2, Rubio 4 (5 assist), Llull 10, M. Gasol 17, Ibaka 10 (8 rimbalzi), Abrines 2.

FRANCIA: Heurtel 6, Batum 11, Diot 11, Lauvergne 8, Kahudi, Jackson 5, Fournier 9, Pietrus 3 (8 rimbalzi), Gobert 4, Diaw 3 (3 assist), Tillie, Gelebale 4.

Simone Viscardi (@simojack89)

CLASSIFICA GIRONE A – Spagna 4-0, Brasile 3-1, Francia 2-2, Serbia 2-2, Iran 1-3, Egitto 0-4

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *