Giuseppe Landi
No Comments

Italia, Conte: “Sirigu e Marchisio titolari. El Shaarawy in dubbio”

Il ct ha parlato in conferenza alla vigilia della gara amichevole contro l'Olanda: "Daremo il 110% e usciremo sempre con la maglia sudata"

Italia, Conte: “Sirigu e Marchisio titolari. El Shaarawy in dubbio”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell’esordio sulla panchina azzurra: “Domani parerà Sirigu, gli altri 10 li saprete domani. El Shaarawy verrà valutato nelle prossime ore, ha un piccolo problema”.

Sulla vigilia: “Abbiamo voglia di partire bene, nonostante le statistiche negative sugli esordi dei ct azzurri. Mi auguro di dormire qualche ora in più, anche se quando dormo poco mi maturano delle buone idee. Domani ci saranno mia moglie e mia figlia, che ha esordito proprio in questo stadio”.

Sull’obiettivo: “Il mio compito è far crescere i giovani, assemblarli con i veterani. Ho visto un atteggiamento molto positivo e propositivo. Sappiamo che c’è un intero paese che ci guarda, sentiamo tutti un grande senso di responsabilità. E’ un momento difficile per il Paese, e noi con la Nazionale vorremmo essere d’esempio”.

Sulla simpatia: “Mi auguro che i miei calciatori apprezzino il mio modo di fare trasparente e lineare, tipico di una persona che riesce a dire una brutta verità rispetto a una bugia. Non penso che ai miei giocatori in passato sia stato antipatico, quando si vince c’è empatia con tutti”.

Sulle parole di Buffon: “Mi auguro di non smentirlo, sentire questo è molto bello, vuol dire che mi ha apprezzato come calciatore, allenatore e come uomo. Quelli come lui devono accompagnare i giovani nella crescita. Sarebbe molto importante dare spazio ai vivai e ai calciatori italiani”.

Conte si prepara all'esordio da ct contro l'Olanda

Conte si prepara all’esordio da ct contro l’Olanda

Sulla gara: “Domani ci saranno solo sei sostituzioni, giocherà sicuramente Marchisio perchè squalificato per la prossima partita. Cercherò di ruotare i ruoli più dispendiosi, come gli esterni. Sono fiducioso, e anche contento per l’affluenza al San Nicola. Chi è qui lo merita, non è detto che debba giocare per forza chi ha lavorato con me. I miei giocatori hanno capito che idea di calcio vogliamo seguire”.

Sul ritorno a Bari: “Tornare in questo stadio mi ha fatto un bellissimo effetto. Qui ho vinto un campionato, la mia prima vittoria da tecnico. Sono orgoglioso di essere il primo ct meridionale”.

Su El Shaarawy: “Lo abbiamo provato sia da punta che da esterno, in quest’ultimo ruolo ci vuole più tempo perchè si abitui. Ha avuto una piccola distorsione alla caviglia, ma si è sempre allenato. Useremo tutte le precauzioni del caso”.

Sugli attestati di stima: “Quanto ho accettato di diventare il nuovo ct ho pensato solo alla grande responsabilità che mi stavo assumendo verso l’Italia. Proveremo con tutte le nostre forze di rendere felici i tifosi italiani. Daremo sempre il 110% e usciremo con la maglia sudata. Dobbiamo essere una squadra con la S maiuscola, esaltando il talento”.

Sul centrocampo: “De Rossi ha caratteristiche diverse da Pirlo, così come Verratti. Hanno tutti giocate importanti, siamo coperti in quel ruolo”.

Sulla maglia azzurra: “Non ho mai guardato la carta d’identità o la categoria, ma solo il calciatore. Non nego il sogno a nessuno. Se penso al mio esordio azzurro da calciatore mi vengono i brividi, è la maglia a regalare queste sensazioni”.

In conferenza ha rilasciato alcune dichiarazioni anche il difensore dell’Inter, Ranocchia: “Devo meritare il posto, perchè domani potrei non essere qui. Cercherò di diventare importante per questa Nazionale. Sarà bello domani, torno qui a Bari con Bonucci, dove ho fatto la mia prima conferenza. Il ruolo è lo stesso che occupo nell’Inter da due anni. Col mister il rapporto è stato sempre bello e professionale”.

@PepLandi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *