Jacopo Bertone
No Comments

“Conte e Inzaghi sono simili”, parola di El Shaarawy

Il faraone del Milan, si è espresso così per descrivere i "suoi" due allenatori: dichiarazione di facciata o sinistra realtà?

“Conte e Inzaghi sono simili”, parola di El Shaarawy
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Conte e Inzaghi, da sempre vincenti

Conte e Inzaghi, da sempre vincenti

Potrà anche non sembrare il fidanzatino ideale di vostra figlia, ma occhio a fermarsi alle apparenze quando c’è di mezzo Stephan El Shaarawy perchè il mohicano savonese è un ragazzo dotato di grande lucidità e notevole capacità di giudizio, proprio per questo il suo ultimo paragone ha fatto drizzare le orecchie a molti.

CONTE COME INZAGHI – Dal ritiro degli azzurri a Coverciano, a precisa domanda sul paragone tra Conte e Inzaghi, l’italo-egiziano ha dichiarato :”Sono contento di aver trovato due allenatori come loro, sono tecnici simili che mi hanno dato tanto fin da subito, sono entrambi due motivatori con tanto spirito di applicazione, spirito di sacrificio, che hanno sempre voglia di vincere e mettersi in mostra, sempre vogliosi di fare. Mi sono trovato bene con entrambi fin dal primo momento e ho ricevuto tanta fiducia da loro, fiducia che spero di ripagare sul campo”. Non so voi, ma a chi vi scrive queste non sembrano parole di circostanza, assomigliano di più a constatazioni vere, tangibili, di un ragazzo che dopo la sfortuna smodata dell’anno passato si è ritrovato agli ordini di due mastini, capaci di usare il bastone, vedi gli allenamenti massacranti e le dichiarazioni grintose, ma anche la carota, proprio come hanno fatto con l’ex Genoa, apprezzandone la bontà e il talento calcistico, laddove tanti altri lo avrebbero bollato come bidone lasciandolo a casa a guardarsi l’Italia in pantofole. Stiamo dicendo che Inzaghi è bravo come Conte e che il Milan si appresta a vincere 3 Scudetti consecutivi? di grazia, no! Ma è comunque bello apprezzare che nel calcio, come nella vita, le apparenze non contino nulla, non solo per il caso di El Shaarawy, ma anche per quello di questi due allenatori, ad un primo sguardo mastini inflessibili votati solo al pugno di ferro, ma che in verità (e questo è un fatto) hanno dentro qualcosa di più profondo e possiedono abilità da fini psicologi che li rendono così bravi in quello che fanno, a prescindere dai sempre fondamentali risultati finali.

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *