Giuseppe Landi
No Comments

Il giorno di Fernando Torres

L'attaccante spagnolo si presenta in conferenza stampa ai nuovi tifosi rossoneri: "Non serve visitare il museo per vedere quanto sia grande questo club"

Il giorno di Fernando Torres
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E’ stato il giorno di Fernando Torres, che si è presentato in conferenza stampa ai nuovi tifosi del Milan.

Torres si è presentato in conferenza stampa

Torres si è presentato in conferenza stampa

“Ho conosciuto tutti, sono stato a Milanello e a San Siro per vedere la partita contro la Lazio. Arrivo qui per imparare e rendere il meglio possibile. Non serve visitare il museo per vedere quanto sia grande il Milan. Vedere tutti questi trofei mi dimostra in che club sono arrivato. E’ un grande privilegio, ho visto anche chi ha portato la maglia numero 9 prima di me, spero di essere alla loro altezza, è un orgoglio. Sono già pronto per il Parma. Dopo Spagna e Inghilterra arrivo in Italia, un altro grande campionato. Spero di fare molti gol e desidero che il Milan riacquisti il posto che merita tra le grandi”.

“Van Basten, Weah e Inzaghi i precedenti numeri 9? Sono tre punte diverse che hanno fatto storia, spero di raggiungere tutto quello che hanno vinto. Chissà che nei prossimi anni potrà esserci anche il mio numero 9. Inzaghi? È un allenatore che ha da poco iniziato ma mette in campo tutto quello che aveva da calciatore, tutti lo conosciamo. Sono sicuro che sarà capace di estrarre il meglio da me, ho voglia di imparare molto da una grande punta come lui. Serie A? Ho sempre seguito la Serie A, fin dai tempi dell’Atletico ho avuto compagni che venivano dal Milan, Albertini su tutti me ne ha sempre parlato. Ora finalmente sono qua dopo aver affrontato club come Inter, Juventus e Milan stesso. Llorente? E’ un grande amico, ha fatto una grande stagione. Lotteremo e ci confronteremo”.

“L’obiettivo è arrivare nei primi tre posti, ma vedendo la storia del Milan tutti vogliamo subito vincere. Io farò di tutto per poterci riuscire. Bisogna lavorare di squadra per riuscire in una grande stagione. Diego Lopez ha fatto una grande partita ma ripeto, il calcio è sport collettivo e con quello si vince. Spero di essere titolare già dal prossimo incontro. Mourinho? Mi ha parlato confermandomi l’incredibile passione che hanno i tifosi qui. Ho un grande rapporto con lui e mi ha detto che mi sarei trovato bene qui a Milano. Ho parlato con Berlusconi, ci siamo detti molte cose. Mi ha dato il benvenuto, mi ha sempre desiderato. Record nei test di Milan Lab? Non lo sapevo. Mi sono allenato bene, sto bene fisicamente e mentalmente. Ho voglia di cominciare. Balotelli? Tutti sappiamo quanto Mario abbia fatto bene qui,spero di fare meglio e gli auguro una buona annata in Inghilterra. El Shaarawy? L’ho visto bene, rapido, decisivo. È uno di quei calciatori che hanno margini di crescita enormi e spero di poterlo aiutare con le mie conoscenze”.

@PepLandi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *