Giuseppe Landi
No Comments

Fiba World Cup, Girone A: Francia di misura, tutto facile per Brasile e Spagna

Grazie al trio Diot-Jackson-Lauvergne, la Francia ha la meglio sulla Serbia. Iran al tappeto contro i verdeoro, la Spagna surclassa l'Egitto

Fiba World Cup, Girone A: Francia di misura, tutto facile per Brasile e Spagna
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SERBIA – FRANCIA 73-74

Grazie ad una grande prestazione del trio Diot, Jackson e Lauvergne, la Francia si impone di misura sulla Serbia nella seconda gara del Girone A dei Mondiali. Non un avvio di gara da ricordare per i transalpini, che dopo 2′ sono costretti a veder uscire Diaw per 2 falli. La Serbia va sul +5 (8-3) con la tripla di Bogdanovic, ma i Bleus si rifanno sotto, chiudendo il primo quarto sul -1 (21-20). Nel secondo quarto molti gli errori commessi da entrambe le squadre, con la Serbia che approfitta del maggior numero di palle perse degli avversari e piazza un parziale di 7-0. Batum prova a guidare i suoi verso il recupero, ma Teodosic mette canestri importanti e la sua squadra va negli spogliatoi sul 42-34. Al rientro sul parquet Collet cambia i suoi, inserendo un quintetto di piccoli, con Jackson guardia e sena Diaw: mossa azzeccata, con un parziale di 10-0 che impatta la partita sul 48-48. La partita si accende, i ritmi si alzano. A 3′ si è sul 69 pari: Diaw effettua le prime giocate importanti della sua partita, importanti per il 73-73 a 18” dal termine. Bogdanovic ha la palla della vittoria, ma perde il possesso. Sulla rimessa Lauvergne si guadagna un fallo e va dalla lunetta: segna il primo e porta la Francia al successo.

Serbia: Raduljica 21, Bogdanovic 12, Bjelica 11. Rim (26): Raduljica 7. Ass (10): Teodosic 5.

Francia: Lauvergne 19, Diot 15, Jackson 12. Rim (29): Lauvergne 6. Ass (21): Heurtel 6.

@PepLandi

BRASILE – IRAN 79-50

Il Brasile domina e vince nettamente contro l’Iran nella seconda gara mondiale. I mediorientali partono meglio dei sudamericani, con Kamrani che regala il +8 ai suoi (5-13), ma i canestri di Taylor e Garcia valgono il -1 brasiliano. Nel secondo periodo Nenè Hilario si scatena, gli avversari non riescono a fermarlo; all’intervallo si va sul 40-24 Brasile. I verdeoro continuano a macinare punti nella ripresa, con un grande Barbosa. Nell’ultimo quarto entrano le seconde linee per concedere del riposo ai titolari.

BRASILE: Machado 8, Neto 2, Hettsheimer 6, Taylor 7, Garcia 12, Huertas 2 (6 assist), Barbosa 11, Varejao 4, Giovannoni 5, Hilario 8, Vieira 4, Splitter 10 (6 rimbalzi).

IRAN: Arghavan 4, Mashayekhi ne, Yakhchali 6, Kamrani 11, Kazemi 2, Zangeneh, Afagh 4 (2 assist), Sahakian 2, Kardoust, Jamshidi 13, Nikkhah Bahrami 4, Haddadi 4 (7 rimbalzi).

@PepLandi

SPAGNA – EGITTO 91-54

Tutto facile per la Spagna di Orenga che centra la seconda vittoria in altrettante gare nel girone A  del Mondiale FIBA. La vittima questa volta è l’Egitto che subisce un ulteriore knockout dopo quello ricevuto ieri  dalla Serbia. Partita senza storia che vede la Roja dominare dall’inizio alla fine, forte di uno strapotere tecnico e fisico impossibile da contenere per la compagine nordafricana. La Spagna ritrova Serge Ibaka ed il lungo di OKC  si presenta alla manifestazione iridata con 18 punti ed un dominio sotto le planche che ne sottolineano un completo recupero. Il match non è che un’esibizione per il team padrone di casa, il quale è già sul +16 dopo il primo quarto, preceduto da uno strappo iniziale di 17-0. Rubio è in pieno controllo del gioco, sfornando assist da showtime; per il P.G dei Twolves saranno 7 a fine partita. L’Egitto non riesce mai ad uscire dall’angolo e capitola fino al 91-54 finale.Da domani inizierà invece il vero Mondiale per la Spagna che se la vedrà contro il Brasile.

TABELLINO

Spagna Ibaka 18, PFernandez 14, P.Gasol 12

Egitto: Elgammal 16, Kamal, Genedy 8.

Top: IBAKA 8- Non poteva chiedere un rientro migliore; dominante assoluto del pitturato

Flop: Gasol 5,5- Nonostante i  12 punti messi  a referto, da lui ci si aspetta molto di più; gioca con i freni tirati vista la caratura dell’avversario, ma avrebbe potuto fare ugualmente meglio

Simone Gianfriddo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *