Simone Gianfriddo
No Comments

Fiba World Cup, Girone A: la Spagna inizia forte con l’Iran. Bene la Serbia, Francia ko contro il Brasile

Super Teodosic contro i sudafricani da incubo. Nel piatto forte della prima giornata del Fiba World Cup il Brasile supera di misura la Francia 63-65 con finale da cardiopalma annesso. In serata la Spagna debutta alla grande travolgendo l'Iran

Fiba World Cup, Girone A: la Spagna inizia forte con l’Iran. Bene la Serbia, Francia ko contro il Brasile
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

EGITTO – SERBIA 64-85

Nessuna sorpresa nella partita inaugurale a Granada del girone A del Mondiale spagnolo di basket dove la Serbia non si lascia sorprendere dalla possibile outsider Egitto che invece  mostra le clamorose lacune offensive paventate all’inizio della manifestazione iridata. La Serbia non parte fortissimo ma non paga dazio viste le imbarazzanti percentuali al tiro degli avversari che sono completamente inefficaci specie nelle conclusioni da dietro l’arco. Gli uomini di coach Dordevic continuano a rimanere avanti coadiuvati dalle ottime prestazioni di Milos Teodosic e Nemanja Bjelica, ma nonostante ciò il primo tempo termina 43-31 con l’Egitto non completamente fuori dai giochi. Al rientro dagli spogliatoi la trama della partita non cambia con la Serbia che anzi rincara la dose piazzando un break decisivo di 9-0 che piega definitivamente i “Faraoni” sul 31 a 52. Il quarto periodo è solo garbage time , con  Teodosic che ne approfitta per rimpinguare il bottino nella voce punti. Il finale è 64-85 con titoli di coda annessi.

TABELLINO

EGITTO: Samir 2, Gendy 11, Kamal 8, Badr, Abouelanin, Elgammal 12, Elsabagh 3 (5 assist), Genedy 9, Shousha 6, Elmekawi 7 (5 rimbalzi), Ibrahim 6, Rabie.

SERBIA: Teodosic 15, Simonovic 4, Jovic 6 (4 assist), Bogdanovic 3, Bjelica 7, Markovic 2, Kalinic 11, Bircevic 11 (9 rimbalzi), Krstic 5, Raduljica 13, Katic 4, Stimac 4.

TOP E FLOP

TOP – Milos Teodosic 7: 15 punti e partita in pieno controllo per il play del Cska Mosca, nonostante la partenza dalla panchina.

FLOP – Seifeldin Samir 4

Simone Gianfriddo

FRANCIA – BRASILE 63-65

Il Brasile si aggiudica il match clou del Girone A del Mondiale di basket spagnolo  contro la Francia, falcidiata dagli infortuni. I galletti partono forte e, grazie  ad una grande concretezza offensiva, aprono clamorosamente con un  15-3 che mette subito all’angolo gli avversari . Il Brasile tenta faticosamente di rimettersi in carreggiata ma Gobert si erge in versione slum dunk contest e schiaccia il 18-11 che chiude i primi dieci minuti di gioco. I  verdeoro compiono il sanguinante errore di non sfruttare a dovere i miss match nel pitturato ed evitano il tracollo solo grazie all’entrata del veterano Barbosa e di un redivivo Varejao che , coadiuvato dal neocampione Nba Splitter, risuona la carica per i suoi i quali entrano finalmente in partita ed addirittura prima impattano ancora con Splitter ed in seguito mettono  la freccia con Neto; situazione completamente ribaltata con il risultato fissato sul 24-26 per il Brasile prima della sosta lunga. Gli uomini di coach Magnano continuano a giocare con grande intensità e, nonostante le grandi imprecisioni nelle manovre di contropiede, riescono ad evitare parzialmente il ritorno dei francesi che comunque rimangono ancora in partita; il terzo periodo finisce 41-46 con un dominio evidente a rimbalzo dei brasiliani (16-4 nei rimbalzi offensivi) forti delle gravi assenze nel pacchetto  lunghi nelle fila degli avversari. Il quarto periodo vive il più alto picco di patos dell’incontro, con il Brasile sempre avanti ma mai in grado di sferrare il colpo finale, nonostante le verve di Marcelino Hueltas e di Marquinhos; Boris Diaw è l’ultimo baluardo della compagine d’oltralpe e guida i suoi ad accarezzare il sogno del pareggio  nei secondi finali del match , senza però il lieto fine. Il Brasile vince meritatamente una partita iniziata male ma poi guidata con grande autorità.

TABELLINO

FRANCIA – Diaw 15, Batum 13, Gelabale 9

BRASILE – Huertas 16, Vieria 10, Varejao 8, Barbosa 8

TOP E FLOP

TOP – Anderson Varejao 7,5: Determinante per la vittoria verdeoro; quando entra in partita domina a rimbalzo e sale di livello difensivamente. Vero asso nella manica  per coach Magnano.

FLOP– Nenè 4: Semplicemente un fantasma. Chiude i primi 2 quarti con nessun punto e non risulta mai un vero fattore durante la partita. Dopo quello che ha fatto vedere negli scorsi Playoff Nba in maglia Wizards, da lui ci si aspetta molto di più.

Simone Gianfriddo

IRAN-SPAGNA 60-90

Comincia alla grande il Mondiale dei padroni di casa, che rifilano un trentello a un Iran arrivato a Granada con ben poche speranze. Il debutto delle Furie Rosse è tutto nel segno di Pau Gasol, che con 33 punti in mezz’ora di gioco piega i mediorientali, guidati in campo dalla coppia Kamrani-Haddadi. Asiatici in partita per un quarto, poi Navarro e i fratelli Gasol decidono di alzare il ritmo, lasciando le briciole agli avversari. Il secondo tempo è una passerella per i beniamini di casa, che veleggiano fino a un comodo vantaggio regalando anche qualche minuto di riposo ai big. Gli Usa sono avvisati, la Spagna non intende arrivare seconda ai Mondiali casalinghi, e se il buongiorno si vede dal mattino la coppa delle Furie Rosse regalerà parecchie soddisfazioni.

IRAN: Arghavan, Mashayekhi ne, Yakhchali 4, Kamrani 18, Kazemi, Zangeneh, Afagh 2, Sahakian 3, Kardoust, Jamshidi 8, Nikkhah Bahrami 9 (4 assist), Haddadi 16 (15 rimbalzi).

SPAGNA: P. Gasol 33, Fernandez 12, Rodriguez 6, Navarro 10, Calderon 3, Reyes ne, Claver 6, Rubio 3 (5 assist), Llull, M. Gasol 15 (10 rimbalzi), Ibaka ne, Abrines 2

Simone Viscardi (simojack89)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *