Enrico Cunego
No Comments

Fiba World Cup, Girone B: Blatche fa tremare la Croazia, Argentina ok

L'ex centro dei Nets disputa una partita eccezionale da 28 punti e 12 rimbalzi, costringendo Saric e compagni all'overtime. Tutto facile per l'Albiceleste contro il Portorico

Fiba World Cup, Girone B: Blatche fa tremare la Croazia, Argentina ok
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

CROAZIA – FILIPPINE 81-78

Nella gara inaugurale di questo attesissimo campionato del mondo di basket si è subito rischiata una clamorosa sorpresa. Le Filippine infatti, trascinate dai propri rumorosissimi supporter, ha sfiorato la vittoria contro una Croazia apparsa in difficoltà e vittima delle giocate di Andray Blatche, assolutamente strepitoso con i propri 28 punti e 12 rimbalzi messi a referto. Solo nel necessario supplementare sono arrivati i fondamentali 4 tiri liberi trasformati da Bojan Bogdanovic, MVP balcanico. Una gara che sembrava potesse essere fin da subito positiva per i bianco-rossi, che dopo il 4-4 iniziale hanno preso il largo con un prepotente parziale di 13-0 orchestrato dalle giocate di Darijo Saric, giovane ala grande classe ’94 in odore di NBA e grande speranza della palla a spicchi croata. Il primo quarto si concludeva sul rassicurante 23-9, frutto anche di una pessima difesa filippina e di un Blatche disastroso al tiro con un 1/7 decisamente negativo. Ricaricate le batterie, però, le Filippine rientravano sul parquet decise a rimediare al brutto inizio di gara e grazie ad una maggiore attenzione difensiva ed a un aggiustamento della mira riuscivano a diminuire in maniera considerevole lo svantaggio, tanto da arrivare sotto di soli 6 punti (37-31) all’intervallo. Alla ripresa del gioco la musica non cambiava: Filippine sempre in costante pressione e Croazia sostenuta solamente dai punti di Bojan Bogdanovic. A pochi secondi dal finale di periodo Lewis Tenorio sembra distruggere le possibilità di rimonta degli asiatici: fallo tecnico e conseguenti 2 tiri liberi messi a segno a cui si aggiunge la tripla di Damir Markota: 57-49 il parziale. Nell’ultimo periodo esplode tutta la cattiveria agonistica di Andrew Blatche, che punto dopo punto trascina i suoi al primo vantaggio nella gara (66-67) a 2:49 dalla fine. Poco dopo la Croazia riesce a piazzare un parziale di 5-0 ma le Filippine riescono a riagguantare il risultato grazie ai canestri di William. Risultato finale sul 71-71: è necessario un tempo supplementare. La squadra asiatica lotta per tutto il periodo ma alla fine affiora la stanchezza: quattro tiri liberi di Bogdanovic consegnano la vittoria alla squadra di Jasmin Repesa. Partita molto piacevole che ha mostrato delle Filippine combattive e assolutamente degne avversarie di una Croazia che deve ringraziare la verve di Bogdanovic per non essere incappata in una problematica sconfitta

TABELLINO 

CroaziaLafayette (4 punti), Simon (12), Saric (10), Bogdanovic (26), Tomic (8) –quintetto iniziale-, Ukic (5), Zoric (4), Rudez (4), Markota (5) y Babic (3)

FilippineTenorio (2 punti), Chan (17), Norwood (2), Aguilar (-), Blatche (28) –quintetto iniziale-, William (6), Pingris (10), Dalistan (2), De Ocampo (5), Fajardo (2) y Alapag (4).

TOP 

Bojan Bogdanovic: la nuova guardia tiratrice dei Brooklyn Nets dimostra di avere fin da subito la mano calda: 26 punti che salvano da una figuraccia la propria squadra. Estremamente decisivo, garanzia assoluta per coach Repesa

Andray Blatche: da un neo Nets a un ex della compagine di Brooklyn. Il filippino “acquisito” si sveglia negli ultimi 2 quarti trascinando i suoi verso una clamorosa rimonta e divorando assolutamente tutto ciò che viaggia sotto canestro. Leader indiscusso.

FLOP

Oliver Lafayette: anche lui è “acquisito” ma gioca nella Croazia. Ed oggi la guardia tiratrice dell’Olympiakos non ha offerto una prestazione all’altezza: solo 4 punti e troppi errori al tiro. Estremamente anonimo

Lewis Tenorio: il pesantissimo fallo tecnico sul finire del terzo quarto rischia di spezzare la rimonta delle Filippine e di lanciare la Crozia. Errore che poteva costare molto caro

Enrico Cunego

PORTORICO – ARGENTINA 75-98

Tutto facile per l’Argentina nell’esordio mondiale contro i portoricani. Avvio di gara di dominio sudamericano con Nocioni ed Herrmann che dilagano, portandosi subito sul +13 (10-23). Timida reazione degli avversari, che con Barea e Balkman cercano di accorciare, chiudendo la prima frazione di gara sul -8 (19-27). Nel secondo quarto Scola e un Safar in grande spolvero fanno ancora male alla difesa portoricana, e all’intervallo si va sul 38-45. Nel terzo quarto partenza show dell’Albiceleste, che con delle triple si portano sul massimo vantaggio di +12 (46-58). Nocioni ne mette un’altra, poi Delia timbra il +21. Il Portorico molla, e la gara si conclude com’era iniziata.

PORTO RICO: Clemente 2 (6 rimbalzi), Barea 24 (4 assist), Franklin 2, Arroyo 6, Vassallo 9, Rivera 5, Diaz, Sanchez 6, Huertas 5, Balkman 10, Galindo 6, Santiago.

ARGENTINA: Scola 20, Gallizzi ne, Mata 2, Campazzo 8, Prigioni 9 (10 assist), Laprovittola ne, Gutierrez 3, Delia 8, Herrmann 12, Nocioni 18 (11 rimbalzi), Bortolin ne, Safar 18.

@PepLandi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *