Alex Rivolta
No Comments

Vuelta 2014, presentazione dell’ottava tappa

E' una frazione per velocisti l'ottava tappa della Vuelta di Spagna che riparte dopo il successo di ieri del nostro De Marchi. Unico rischio...le cadute

Vuelta 2014, presentazione dell’ottava tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Alessandro De Marchi vincitore della tappa di ieri

Alessandro De Marchi vincitore della tappa di ieri

L’ingresso nella seconda settimana della Vuelta è abbastanza soft con una tappa dedicata ai velocisti dopo che ieri l’Italia si è goduta il primo successo al giro di Spagna con il successo di Alessandro De Marchi.

BAEZA – ALBACETE – Nessun GPM nei 207 chilometri di questa tappa riservata alle ruote veloci che vede addirittura negli ultimi 70 km lunghissimi tratti in leggera discesa. Difficile che vadano in porto delle fughe da lontano proprio a causa della velocità del tracciato che favorirà la compattezza del gruppo permettendo così agli sprinter di giocarsi il trionfo. Uniche insidie per il finale sono due rotonde e un curva situati in prossimità dell’ultimo chilometro dove sarà già cominciata la bagarre, ma fortunatamente non sembra essere prevista pioggia sulla corsa, così da consentire ai corridori di giocarsi al meglio le loro carte.

I FAVORITI – Tappa pianeggiante con arrivo in volata e allora i favoriti non possono che essere Nacer Bouhanni della FDJ, mattatore al giro d’Italia, che proverà a prendersi la rivincita su John Degenkolb dopo le polemiche sulla volata di tre giorni fa in cui a spuntarla fu proprio il tedesco della Giant-Shimano. Altri nomi caldi per il successo sono quelli degli italiani Andrea Guardini dell’Astana e di Matteo Pelucchi e Oscar Gatto della Cannondale; per gli stranieri Michael Matthews della Orica GreenEdge e l’esperto Tom Boonen hanno la possibilità di giocarsi al meglio le loro carte.

La maglia rossa Alejandro Valverde non dovrebbe incorrere in pericoli e con lui anche tutti gli altri uomini di classifica che oggi cercheranno di spendere il minimo possibile per preservarsi in vista delle montagne su cui si daranno battaglia per la maglia rossa finale. Occhi puntati anche su Chris Froome che ieri nonostante una caduta è riuscito a rientrare in gruppo e a guadagnare 3 secondi nella generale, vedremo se passata l’adrenalina della tappa avrà riscontrato strascichi a livello fisico.

Alex Rivolta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *