Matteo Masum
No Comments

Vuelta 2014, presentazione della sesta tappa

Primo arrivo in salita, entrano in scena i big. Purito Rodriguez il favorito, ma i competitors sono diversi

Vuelta 2014, presentazione della sesta tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Joaquim Rodriguez, il favorito per la vittoria di tappa

Joaquim Rodriguez, il favorito per la vittoria di tappa

Si comincia a far sul serio in terra di Spagna. La tappa odierna della Vuelta prevede tre Gpm, di cui uno di prima categoria, con tanto di arrivo in salita. Certo, oggi non verrà deciso nulla, ma i big dovranno, volenti o nolenti, mostrare le loro carte, se non tutte, almeno una parte.

BENALMADENA-LA ZUBIA- Tappa breve, misura solo 157,7 km, ma molto insidiosa. I primi 50 km sono pianeggianti, poi, a Velez Malaga, inizierà un breve ascesa, non catalogata come Gpm. La salita vera inizierà intorno al km 60; si tratta dell’Alto de Zaffarara (2a categoria), 12,3 km al 5,7% di pendenza media. Da lì in poi, il percorso è piuttosto frastagliato, con continui saliscendi. La seconda asperità di giornata è l’Alto de Bermejal, lungo solo 5,8 km ed abbastanza pedalabile (la pendenza media, per questa salita di 3a categoria, è del 5,2%). Lo scollinamento si avrà ai meno 45 km dall’arrivo. L’ultima fatica porterà al traguardo di La Zubia. Cumbres Verdes è una salita breve ma molto dura, con punte del 13%, e, negli ultimi metri, al 12%.

I FAVORITI- Giornata riservata agli scalatori, ma il percorso si adatta anche ad un’azione da lontano. Nel caso in cui i big volessero conquistare la tappa, e le relative squadre annullare tutti i tentativi, il favorito è Joaquim Rodriguez, tra i migliori al mondo su salite brevi ma dure, e dotato di uno spunto veloce anche quando le pendenze si fanno arcigne, come negli ultimi 100 del Cumbres Verdes. Attenzione anche ad Alejandro Valverde, nel caso in cui la Movistar, e Quintana, gli consentissero di provare la sparata. Quintana che, pur non essendo in possesso di uno scatto micidiale, sul ritmo può fare male ai rivali. Chris Froome è un’altra delle ruote veloci tra gli scalatori, potrebbe provare a dire la sua. Possibili sorprese Julian Arredondo, molto veloce, ed Alberto Contador, che, come Quintana, può mettere in fila tutti con il suo passo.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *