Antonio Guarino
No Comments

Basket, il punto sulle qualificazioni ad Euro 2015

Ad un turno dalla fine, solo Bosnia, Israele, Belgio e Lettonia hanno già festeggiato la qualificazione: andiamo a scoprire, girone per girone, quali sono i verdetti ancora da scrivere.

Basket, il punto sulle qualificazioni ad Euro 2015
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Si presenta più avvincente del previsto l’ultimo turno delle Qualificazioni agli Europei di basket del 2015 che – in attesa di scoprire quale sarà la sede che li ospiterà – sta per conoscere il quadro completo delle sue partecipanti.

ULTIMO ROUND Vi avevamo raccontato in precedenza delle nazionali già qualificate che, in quest’ultimo turno di gare, saranno raggiunte dalle 13 nazionali in grado di strappare il pass per la prossima rassegna continentale.

GIRONE PER GIRONE – A 40′ di gioco dalla fine, solo Bosnia, Israele, Belgio e Lettonia hanno già tolto dal frigo lo champagne, mentre è grande bagarre, negli altri gironi, per accaparrarsi i punti necessari – sia in classifica, sia a referto – per poter fare altrettanto ed alzare al cielo i calici.

GIRONE A – E’ l’unico raggruppamento, oltre a quello dell’Italia, con tre squadre. L’unica gara in programma è quella tra Islanda e Bosnia, con quest’ultimi già qualificati e i padroni di casa alla ricerca del successo che gli garantirebbe – nella peggiore delle ipotesi – un piazzamento sicuro tra le migliori seconde classificate. Fuori dai giochi, invece, il Regno Unito, che ha chiuso le sue qualificazioni con 4 sconfitte in altrettante partite.

GIRONE B – Con Israele già qualificata, occhi puntati sul match tra Paesi Bassi e Montenegro: le due squadre sono a pari punti (8) in classifica e solo vincendo potranno alimentare le loro speranze di figurare tra le migliori sei seconde classificate. Nell’altra gara in programma, Israele ospiterà la Bulgaria, fanalino di coda del girone con 5 sconfitte in 5 gare.

GIRONE C – Discorsi tutt’altro che chiusi, invece, in questo raggruppamento. La Polonia, capolista del girone con 9 punti, riceve l’Austria, seconda a pari punti con la Germania ad 8 punti, attesa dalla trasferta contro il già eliminato Lussemburgo. Insomma, saranno tutti artefici del proprio destino, con Polonia e Germania (che ha il vantaggio del doppio scontro diretto vinto con l’Austria) leggermente avvantaggiati e con maggiori possibilità di qualificazione rispetto agli austriaci.

Zaza Pachulia, centro dei Milwaukee Bucks, tenterà di portare la sua Georgia ai prossimi Europei in programma nel 2015

Zaza Pachulia, centro dei Milwaukee Bucks, tenterà di portare la sua Georgia ai prossimi Europei in programma nel 2015

GIRONE D – Situazione meno complessa in questo girone, col Belgio, già qualificato, che riceverà la Danimarca ultima in graduatoria. Nell’altro match del girone la Macedonia, prima alla pari dei belgi, attende la Bielorussia – già fuori dai giochi – per mettere in cascina quei punti utili per ottenere senza patemi il pass continentale tra le migliori seconde classificate.

GIRONE E – Finale al cardiopalma anche in questo girone, dove la Repubblica Ceca – prima con 9 punti – è attesa dalla trasferta in Ungheria, seconda con 8 punti alla pari della Georgia. La nazionale caucasica ha sconfitto proprio gli ungheresi nell’ultimo turno disputato, riaprendo – di fatto – la corsa ad Euro 2015 e riceve in casa la cenerentola Portogallo, ultimo con 5 sconfitte in 5 partite.

GIRONE F – In questo raggruppamento, invece, i giochi sono praticamente già fatti: la Lettonia (10 punti) ha festeggiato la qualificazione con un turno d’anticipo, mentre la Romania (9 punti) ha spento le ultime speranze della Svezia (6 punti) andando a vincere in Scandinavia (86-88). L’ultimo turno prevede l’incontro tra Romania e Lettonia – utile solo ai rumeni per garantirsi i punti necessari per ottenere matematicamente l’accesso agli Europei – mentre il match tra la già eliminata Svezia e il fanalino di coda Slovacchia (5 punti) servirà solo per alimentare le statistiche.

GIRONE G – Chiudiamo col girone della nostra Italia: gli Azzurri, secondi con 5 punti, hanno perso in casa nell’ultimo match disputato contro la Russia (prima con 6 punti), ma hanno la possibilità di chiudere comunque primi e ottenere, così, la qualificazione. Tutto verrà deciso nell’ultimo match in Svizzera (ultima con 4 punti), in programma questa sera a Bellinzona: senza distrazioni e col livello di gioco mostrato nelle precedenti uscite, la nazionale di coach Pianigiani non dovrebbe incontrare particolari problemi nel riaffermare il divario tecnico tra le due compagini, già evidenziato nel successo 90-60 ottenuto nella gara d’andata giocata a Cagliari lo scorso 17 agosto, e festeggiare una tanto attesa quanto meritata qualificazione.

Antonio Guarino (@GuarinTony)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *