Matteo Masum
No Comments

Vuelta 2014, presentazione della quinta tappa

Un solo Gpm ed un arrivo adatto ai velocisti, ma attenzione alle sorprese

Vuelta 2014, presentazione della quinta tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nacer Bouhanni, vincitore della seconda tappa della Vuelta 2014

Nacer Bouhanni, vincitore della seconda tappa della Vuelta 2014

La quinta tappa della Vuelta prenderà il via da Priego de Cordoba ed arriverà a Ronda dopo 182,3 km. Un percorso adatto alle ruote veloci del gruppo, sebbene il Gpm nel finale potrebbe complicare i piani delle squadre dei velocisti.

PRIEGO DE CORDOBA-RONDA- Una giornata apparentemente tranquilla, poichè la tappa non prevede asperità fino al Puerto el Sotillo. Non che la strada sia totalmente pianeggiante, anzi, il tragitto è particolarmente frastagliato, ma nulla tale da meritare la classificazione di Gpm. Fino, appunto, al Km 152, quando il gruppo affronterà il Puerto el Sotillo. Salita facile, 12,5 km al 3,3% di media, e cima fissata a poco meno di 18 km dal traguardo. Difficile che qualcuno possa tentare un’azione per sorprendere le squadre dei velocisti, ma comunque l’attenzione in gruppo dovrà rimanere alta, anche perchè seguirà poi un finale in discesa, intervallato da una serie di strappettini, potenziali rampe di lancio per un colpo da finisseur.

I FAVORITI- In ogni caso, quasi sicuramente la tappa terminerà in volata. Favorito è Nacer Bouhanni, la ruota più veloce in gruppo. John Degenkolb proverà a bissare il successo di ieri, mentre Michael Matthews, oltre alla vittoria, proverà a guadagnare qualche abbuono che gli consenta di rafforzare la sua leadership, prima dell’arrivo delle tappe più dure. Attenzione anche a Sagan, se la Cannondale gli consentirà di partecipare alla volata, e a Ciolek.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *