Davide Terraneo
No Comments

US Open, day 1: azzurro vivo in terra americana

Nell'ultimo Slam stagionale Seppi passa senza troppa fatica, Bolelli sorprende Pospisil al quinto. Bene Errani e Vinci, ko Giorgi e Knapp

US Open, day 1: azzurro vivo in terra americana
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il primo giorno dello US Open termina con notizie confortanti per la spedizione azzurra, che ha visto passare 4 dei 6 atleti impegnati. Nessuna sorpresa tra i big, con le agevoli vittorie di Djokovic, Murray e Raonic al maschile e Radwanska, Jankovic e Sharapova tra le donne.

SORPRESA BOLELLI – La prestazione più sorprendente è stata quella di Bolelli, capace di eliminare Vasek Pospisil, finalista nel torneo di Washington e reduce da risultati positivi anche a Toronto e Cincinnati. Il tennista bolognese si è imposto in cinque set con il punteggio di 26 64 62 36 63, e ora affronterà la testa di serie numero 16 Tommy Robredo. Bene anche Andreas Seppi, che ha sconfitto in tre set l’ucraino Stakhovsky restando in campo meno di due ore. Tra le italiane, prestazioni convincenti per Sara Errani, vincitrice sulla belga Flipkens 61 75, e Roberta Vinci, 63 63 all’argentina Ormaechea. Escono invece Karin Knapp, annichilita dalla bulgara Pironkova, e Camila Giorgi, che si è arresa all’australiana Rodionova dopo aver dominato il primo set.

Fernando Verdasco, tennista spagnolo che con il successo al primo turno dello US Open ha ottenuto la vittoria numero 400 in carriera

Fernando Verdasco, tennista spagnolo che con il successo al primo turno dello US Open ha ottenuto la vittoria numero 400 in carriera

DJOKOVIC AVANTI – Esordio allo US Open senza intoppi per il numero 1 del seeding ATP Novak Djokovic, che si è sbarazzato in tre rapidi parziali dell’argentino Schwartzman. Ora il serbo troverà sulla sua strada il francese Mathieu, vincitore al quinto set dopo più di 4 ore di battaglia sul lussemburghese Muller. Successo anche per lo svizzero Wawrinka, che si è imposto 62 76 (6) 76 (3) sul ceco Vesely. Solo un sussulto al terzo parziale per Milos Raonic, che ha sprecato l’occasione di servire per il match per poi chiudere al tie break contro il giapponese Daniel. Murray e Tsonga sono passati lasciando un set per strada, mentre Verdasco celebra la sua vittoria numero 400 battendo lo sloveno Rola 64 al quinto.

AVANTI MASHA – Soliti alti e bassi per Maria Sharapova, che dopo essere stata sotto 4-2 contro la connazionale Kirilenko ha messo il turbo e infilato una serie di 10 giochi consecutivi, scacciando i fantasmi di un’eliminazione prematura. Qualche brivido per Caroline Wozniacki, che ha usufruito del forfait della slovacca Rybarikova quando la danese conduceva 2-0 nel terzo set. Ha giocato circa 50 minuti la polacca Radwanska, umiliando la malcapitata Fichman 61 60. Qualche intoppo per la testa di serie numero 2 Simona Halep, che ha regolato solo al terzo la wild card Collins, e Venus Williams, 26 63 63 contro la giapponese Date Krumm. Facile 62 63 per Jelena Jankovic contro la connazionale Jovanowski, mentre Lisicki ha battuto Abanda 63 75. Primi verdetti di uno US Open che si preannuncia ricco di sorprese.

Davide Terraneo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *