Simone Viscardi
No Comments

Gabriele Oriali è il nuovo Team Manager della Nazionale

Il Campione del Mondo di Spagna '82 prende il posto di Riva al fianco del Ct Conte. Impresa ardua per Oriali, dopo le macerie del Mondiale brasiliano

Gabriele Oriali è il nuovo Team Manager della Nazionale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Anche l’ultimo tassello ha finalmente trovato il suo posto, andando a comporre l’intricato puzzle della nuova Nazionale. Gabriele Oriali è infatti il nuovo Team Manager dell’Italia, e affiancherà il Ct Conte già nella prima uscita degli azzurri post macerie brasiliane, in programma il 4 settembre a Bari contro l’Olanda. L’annuncio è stato fatto dallo stesso presidente federale Tavecchio, in occasione dell’inaugurazione della mostra “Eroi del calcio – Storie di calciatori” a Vicenza.

UNA VITA DA MEDIANO – Nato a Como nel 1952, Oriali ha essenzialmente legato il suo nome a due colori: il nero e l’azzurro. Cresciuto calcisticamente nell’Inter, con la maglia della Beneamata ha trascorso praticamente tutta la carriera, prima di chiudere alla Fiorentina. Tornato “a casa” come dirigente, ha affiancato per anni Marco Branca nel ruolo di consulente di mercato, divenendo l’artefice principale della costruzione della squadra del “Triplete”, grazie a colpi come quelli di Cambiasso, Julio Cesar e Maicon, tutti – o quasi – arrivati spendendo pochissimo. Nel 2010 viene inspiegabilmente allontanato dalla dirigenza interista, riciclandosi come apprezzato opinionista in varie trasmissioni televisive.

Il nome di Oriali è stato fortemente voluto dal presidente Tavecchio.

Il nome di Oriali è stato fortemente voluto dal presidente Tavecchio.

RUOLO DELICATISSIMO – Per Oriali quindi partirà una nuova avventura, con un compito tutt’altro che facile. Il ruolo di Team Manager è stato occupato per oltre vent’anni da Luigi Riva, che lo abbandonato – non senza grandi rimpianti nell’ambiente azzurro – un anno fa per motivi di salute. Nessuno lo ha rimpiazzato allo scorso Mondiale, e i risultati in termini di coesione del gruppo si sono visti. Il Team Manager infatti è il preziosissimo mediatore tra il Ct (che deve consigliare con la sua esperienza), gli organi di palazzo e soprattutto lo spogliatoio (di cui ha fatto parte e del quale conosce le dinamiche), fungendo da “confessore” dei malumori della squadra.

LUCI E OMBRE – Il presidente federale voleva assolutamente un ex Campione del Mondo per questo incarico, e Oriali sembra decisamente essere il nome giusto. Certo, qualche perplessità la desta la “fedina sportiva” non certo immacolata, se si ricorda la condanna per lo scandalo dei passaporti falsi (in particolare quello di Alvaro Recoba) che lo coinvolse. Ma se si somma questa macchia agli arcinoti guai giudiziari di Tavecchio e all’agghiacciande (cit.) squalifica di Conte per il calcioscommesse un’ottima cosa è certa: non sentiremo più parlare di Codice Etico.

Simone Viscardi (@simojack89)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *