Redazione

Liga, Barcellona-Elche 3 a 0: Messi immenso, Munir neo-fenomeno

Liga, Barcellona-Elche 3 a 0: Messi immenso, Munir neo-fenomeno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Barça di Luis Enrique non steccano la prima: 3 a 0 all'Elche per merito della doppietta di Messi e del canterano Munir. Qui la sintesi

El Haddadi Munir, classe '95, prima da titolare, gol e prestazione maiuscola

El Haddadi Munir, classe ’95, prima da titolare, gol e prestazione maiuscola

“Un maturo e determinato Luis Enrique per il nuovo, straripante e sorprendente ciclo blaugrana. Preparatevi”. Ecco, questo potrebbe uno slogan in grado di  rappresentare al meglio l’idea del Barcellona. Per farlo, però, non possono solo servire né i milioni versati per Suarez, né i nuovi e talentuosi innesti della Cantera. Per farlo servono i “tituli”, le vittorie sul campo e uno straordinario calcio, come quello dei tempi d’oro del Barça di Pep Guardiola, tanto recente quanto incredibilmente distante. Così, per iniziare con i migliori presupposti il nuovo ciclo catalano, ecco il 3 a 0 al Camp Nou, nella prima di Liga, contro un modestissimo Elche.

LA SINTESI – PRIMO TEMPO

Sotto i riflettori del meraviglioso Camp Nou, la prima di campionato viene subito interrotta da un’insolita invasione di campo: un gatto nero, scacciato con poco garbo da Mascherano. Frastornati dallo strano ed immediato stop, il Barça riprende comunque, come ben sa fare, a decidere ritmi e tempi di gioco, attendendo con pazienza il gol. Al 5’ munito il primo sussulto, con un’occasione mancata da Rafinha, messo in porta da Leo Messi. Poco dopo tocca al croato Rakitic presentarsi ai suoi nuovi tifosi, con una conclusione a dir poco insufficiente. Intanto, dopo un vano e timido tentativo dell’Elche, al 22’ è il giovane talento Munir a sfiorare il gol con un tiro che sfiora l’incrocio dei pali, mentre dieci minuti dopo a provarci sarà Iniesta, che, però, colpisce in pieno la traversa. Il Barça non perde la pazienza e, meritatamente, al 42’ si sblocca il match: Messi, come sempre, apre le danze al Camp Nou con un diagonale imprendibile per il portiere avversario. I blaugrana, però, si rilassano troppo presto ed ecco il monito dell’Elche, con Mascherano costretto a falciare Rodrigues, a tu per tu con il nuovo portiere Claudio Bravo. Rosso per il centrale blaugrana e fine primo tempo.

SECONDO TEMPO

Il Barcellona, costretto a giocare 45 minuti in 10 uomini, riprende da dove aveva iniziato. Ecco, perciò, la rete al 47’ minuto dell’esordiente Munir, su un meraviglioso assist di Ivan Rakitic. 2 a 0 e match virtualmente chiuso. Intanto, Messi infiamma il Camp Nou con tutta la classe, il talento e la dinamicità che ha a disposizione. Sembra proprio esser tornato nella migliore condizione fisica e, soprattutto, psicologica. Nel putiferio scatenato dal campione argentino, non può pertanto mancare il terzo gol, che sarà firmato, ovviamente, dallo stesso Leo Messi. La partita è ormai destinata ad un glorioso epilogo per gli uomini di Luis Enrique, che, perciò, terminano senza strafare con un eccellente 3 a 0.

Alessandro Triolo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *