Antonio Foccillo
No Comments

Mario Balotelli, l’ultima chance

Intervistato dal Corriere della Sera, il procuratore mette in guardia il suo assistito, sottolineando che Super Mario non può permettersi un altro passo falso.

Mario Balotelli, l’ultima chance
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Grazie a Mino Raiola, Balotelli è il nuovo attaccante del Liverpool

Grazie a Mino Raiola, Balotelli è il nuovo attaccante del Liverpool

Sarà un caso, ma dietro le trattative più importanti del panorama calcistico europeo c’è sempre lui: Mino Raiola è indiscutibilmente tra i procuratori numeri uno degli ultimi dieci anni. Annoverare nella propria scuderia giocatori del calibro di Ibrahimovic, Mhkytarian, Pogba e Balotelli non è da tutti e proprio a proposito del suo assistito più chiacchierato, Raiola si è espresso al Corriere della Sera con parole importanti.

” FALSA LA RICHIESTA DI UNA PERCENTUALE ELEVATA, TRATTO CON IL LIVERPOOL DA MESI ” –  Il potente manager di Super Mario ci tiene subito a chiarire la faccenda della commissione che, secondo i tabloid inglesi, ammonterebbe addirittura a 5 mln di euro : “Non è vero che ho chiesto al Liverpool una percentuale esagerata. Con gli inglesi c’è una trattativa molto fluida, corretta, basata sui contenuti. Va avanti da tre mesi. Non è uno scoop.”

Sull’interesse del Liverpool e sul contratto a rischio multe per ‘balotellate’ spiega: ” Il Liverpool è sempre stata l’unica squadra che ho trattato per Mario in Inghilterra. Mario non avrà un contratto diverso dagli altri giocatori del Liverpool: dovrà rispettare il codice di comportamento del club come tutti gli altri”

”ULTIMA SPIAGGIA? A QUESTI LIVELLI SI’ . NON E’ UN LEADER .”- Chiarissimo inoltre anche in merito a quella che in molti definiscono come l’ultima chance per Balotelli di affermarsi nel calcio che conta: “O la va o la spacca. Mario ha 24 anni. Non ha più l’alibi dell’età. Mario ha giocato bene 6-7 mesi al Milan, dando un apporto determinante per andare in Champions.

Al Milan c’era chi paventava un futuro da capitano per responsabilizzarlo, ma il procuratore sembra chiaro anche su questo aspetto  spiegando perchè la scelta del Liverpool: ”Si è visto che non è pronto per essere un leader. Ho cercato per lui una squadra dove può essere un elemento importante senza che gli chiedano di fare il leader. Il Liverpool ha Gerrard: lì Mario sarà protetto e potrà esprimersi al meglio. Ora tocca a lui. Un altro flop non è consigliabile. Non tutti sono nati per essere leader. E non sempre un buon attaccante lo è. Mario ha bisogno di togliersi dalle spalle questa pressione: deve sentirsi libero di fare gol e basta”.

Niente Twitter, niente multe, niente errori. L’unico imperativo per Mario sarà uno solo: fare goal e basta. Anche Raiola è stato chiaro.

Antonio Foccillo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *