Kevin Brunetti
No Comments

Real sottotono, l’Atletico si porta a casa la Supercoppa!

La rete di Mandzukic dopo 1'30'' spiana la strada ai Colchoneros, Simeone può quindi mettere in bacheca il quinto trofeo della sua gestione con l'Atletico

Real sottotono, l’Atletico si porta a casa la Supercoppa!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo sette anni di passamano tra Barcellona e Real (l’ultima altra squadra a vincere era stata il Siviglia nel 2007 n.d.r.), la Supercoppa di Spagna ha cambiato mani, a vincere la battaglia del Vicente Calderon infatti è stato l’Atletico. La squadra di Simeone ha gestito al meglio il pareggio ottenuto fuori casa nella sfida d’andata, partenza a mille, Real in crisi e rete Colchoneros.

PARTENZA A RAZZO – Dopo il pareggio ottenuto all’andata all’Atletico sarebbe bastato uno 0-0 per vincere la coppa, ma si sa, chiudersi in difesa contro squadre come il Real è la peggior strategia possibile. Ecco quindi che la mentalità del Cholo risulta decisiva: pronti, via e Mandzukic ha già infilato Casillas. Dopo apena 1’30” infatti due sponde di testa, prima quella del croato per Griezmann, poi quella del francese che ricambia il favore al compagno, e Mandzukic si trova solo contro Casillas, destro di controbalzo e 1-0 Atletico. Dopo la rete il Real va in crisi, Ramos e Varane perdono tutti i contrasti aerei e l’Atletico sembra giocare in 15 vs 11, la condizione fisica degli uomini del Cholo è sembrata più che perfetta. Dopo 25′ però arriva la sciocchezza di Simeone, discussione un po’ troppo animata con il quarto uomo, e l’arbitro che lo invita ad uscire. Nonostante ciò però l’Atletico ha disputato una partita eccellente, e ha alzato meritatamente la coppa. 

TATTICA – Se Simeone ha azzeccato tutto, non si può dire altrettanto del nostro Carlo Ancelotti. La scelta di rinunciare a un trequartista e spostare James sulla sinistra non ha portati i frutti sperati. Il colombiano è apparso fuori dal gioco, e solo un lontano parente del fuoriclasse ammirato al mondiale.. e dopo la prestazione di ieri viene da chiedersi, siamo proprio sicuri che a questo Real Di Maria non serva neanche un po’? Male anche l’approccio alla gara della difesa, Ramos e Varane sono apparsi spaesati per l’intera durata del primo tempo, persino Griezmann (non proprio un gigante, è alto 176 cm) è riuscito a sovrastarli costantemente nei colpi di testa. Deludente anche Xabi Alonso, entrato in campo per fare da diga davanti alla difesa, è stato una diga che ha fatto acqua da tutte le parti. Complimenti quindi ai bellissimi Colchoneros del Cholo Simeone, il Real dovrà rivedere diverse cose in vista dell’imminente esordio in Liga.

Kevin Brunetti (@Kevinbrunetti)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *