Filippo Miosi
No Comments

Europa League: vincono Tottenham e Villarreal

La squadra inglese batte i ciprioti dell'Apollon Limassol. Il Villarreal passeggia contro l'Astana.

Europa League: vincono Tottenham e Villarreal
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La giornata di ieri di Europa League ha visto in campo numerose squadre in tutti gli angoli d’Europa.  Vi erano impegnate infatti anche numerose squadre blasonate che, se dovessero passare il turno, potrebbero ambire alla conquista del trofeo continentale.

Il Villarreal affrontava i kazaki dell’FC Astana, il Tottenham era impegnato nell’insidiosa trasferta a Cipro per affrontare l’Apollon di Limassol, la Real Sociedad ospitava i russi del Krasnodar ed il Borussia Moenchengladbach affrontava i bosniaci del Sarajevo.

FC ASTANA – VILLARREAL 0-3

FC ASTANA(4-2-3-1):

Eric, Beysebekov, Anicic, Postnikov, Shomko , Canas , Zhukov, Dzholchiev, Essame, Kethevoama, Nuserbajev.

VILLARREAL(4-4-2):

Asenjo, Gaspar, Musacchio, Paulista, Costa, Cani, Tigueros, Soriano, Cheryshev, Dos Santos, Uche.

Passeggiata di salute per gli spagnoli in terra kazaka. Ad opporsi alla squadra guidata da Marcelino c’era infatti il modesto Astana,  alla prima esperienza in Europa. I “sottomarini gialli” sono padroni del campo e della partita e già nel primo tempo passano in vantaggio con Cani al 33′. Ad inizio ripresa ci pensa Giovanni Dos Santos a raddoppiare. Chiude la partita(ed il discorso qualificazione) Mario all’84’.

APOLLON LIMASSOL – TOTTENHAM 1-2

APOLLON LIMASSOL(4-2-3-1):

Fegrouche, Carlitos, Sielis, Cadu, Edmar, Nikolaou, Guidileye, Adrian, Diego, Bebe, Gikiewicz.

TOTTENHAM(4-2-1-3):

Lloris, Naughton, Dier, Vertonghen, Davies, Holtby, Bentaleb, Paulinho, Townsend, Soldado, Kane.

Trasferta insidiosa per il Tottenham che andava ad affrontare l’Apollon Limassol, oramai abituè delle competizioni europee. I ciprioti partono forte e passano in vantaggio, al 14′ è Adrian a battere Lloris per l’1-0 Limassol. Gli Spurs non riescono a recuperare la partita, che sembra destinata all’1-0 per i ciprioti. Al 72′ però Pochettino, tecnico degli inglesi, effettua il cambio che cambia la partita: esce Townsend ed entra Lamela. L’ex-giocatore della Roma si rivela subito decisivo: al 74′ effettua un preciso assist per il gol del pareggio di Soldado. All’80’ il calciatore argentino si ripete servendo a Kane il pallone del definitivo 2-1.

REAL SOCIEDAD – KRASNODAR 1-0

REAL SOCIEDAD (4-3-3):

Zubikarai, Gorka, Martinez, De La Bella, Pardo, Bergara, Canales, Agirretxe, Prieto, Castro.

KRASNODAR (4-1-4-1):

Dikan, Jędrzejczyk, Sigurdsson, Granqvist, Petrov, Gazinskiy, Pereyra, Izmailov, Ahmedov, Joaozinho, Ari.

La Real Sociedad, orfana del talento Griezmann andato all’Atletico Madrid, affrontava il Krasnodar, squadra russa alla prima esperienza in Europa League.  Al 5′ c’è la prima grande occasione della partita per la Real Sociedad: calcio d’angolo dalla destra, svetta su tutti Bergara che impatta il pallone di testa. Dikan si esibisce in una parata strepitosa. Al 34′ occasione anche per il Krasnodar: Ari, sbaglia a tu-per-tu con Zubikarai. Al 65′ è ancora il Krasnodar ad avere la palla dell’1-0: da ottima posizione Joaozinho tira a lato. A questo punto il Real Sociedad sale in cattedra e punisce gli errori del Krasnodar: al 70′ infatti gli spagnoli passano in vantaggio con un preciso destro di Prieto.  AL 90′ chanche per il raddoppio per la Real Sociedad. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Gorka impatta il pallone che sbatte sulla traversa. 

SARAJEVO – BORUSSIA MOENCHENGLADBACH 2-3

SARAJEVO(4-2-3-1):

Bandovic, Beberovic, Tatomirovic, Dupovac, Puzigaca, Radovac, Cimirot, Okic, Stojcev, Velkoski, Bilbija.

GLADBACH(4-4-2): 

Sommer, Johnson, Stranzl, Jantschke, Dominguez, Hanh, Nordveit, Xhaka, Traore, Raffael, Hrgota.

Trasferta insidiosa per il Gladbach, impegnato in terra bosniaca contro il Sarajevo. I tedeschi, compatti e con un gioco spumeggiante passano in vantaggio: all’ 11′  Traorè serve di tacco Raffael che entra in area, la difesa del Sarajevo respinge ma più lesto di tutti arriva Hanh che insacca con un potente destro al limite dell’area. E’ 1-0.  Al 25′ però il Sarajevo pareggia: punizione dalla sinistra su cui svetta più in alto di tutti Puzigaca che batte Sommer per il pareggio. Al 40′ il Borussia torna in vantaggio: cross dalla destra di Hanh, papera in uscita di Bandovic: Hrgota ne approfitta e segna a porta sguarnita. Ma il Sarajevo è duro a morire. Al 58′ arriva di nuovo il pareggio: azione insistita sulla destra di Velkoski che mette un pallone in mezzo, lo controlla Duljevic che, appena entrato, batte con il sinistro Sommer. Ma il Borussia è più forte e torna prepotentemente in vantaggio: al 73′ Xhaka serve Hrgota. Il calciatore svedese fa partire un destro imparabile che si stampa sul palo ed entra in rete. E’ il gol del definitivo 3-2 con cui il Gladbach supera il Sarajevo.

Di seguito il resto dei risultati della giornata di ieri:

Aktobe-Legia Varsavia 0-1

Dinamo Mosca-Omonia Nicosia 2-2

Ruch-Metalist Kharkiv 0-0

Qarabag-Twente 0-0

HJK Helsinki-Rapid Vienna 2-1

PSV Eindhoven-Shakhtyor 1-0

Karabukspor-St. Etienne 1-0

Elfsborg-Rio Ave 2-1

Dinamo Minsk-Nacional 2-0

Petrolul-Dinamo Zagabria 1-3

Apollon Limassol-Lokomotiv Mosca 1-1

Young Boys-Debrecen 3-1

Zorya-Feyenoord 1-1

Panathinaikos-Midtjylland 4-1

Zwolle-Sparta Praga 1-1

Trabzonspor-Rostov 2-0

Zimbru-Paok Salonicco 1-0

Spartak Trnava-Zurigo 1-3

Asteras-Maccabi Tel Aviv 2-0

Grasshoppers-Bruges 1-2

Partizan Belgrado-Neftçi 3-2

Lione-Astra 1-2

Lokeren-Hull City 1-0

Sarajevo-Borussia Monchengladbach 2-3

Rijeka-Sheriff 1-0

Filippo Miosi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *