Enrico Steidler
No Comments

Palio di Siena, anello al naso delle “scimmie nude”

Per quanto dovremo ancora sopportare uno spettacolo indecente come il Palio?

Palio di Siena, anello al naso delle “scimmie nude”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dimmi per cosa ti diverti, e ti dirò chi sei. Detto questo, qualsiasi editoriale, reportage o commento sul palio di Siena si potrebbe già ritenere più che ampiamente sviscerato e concluso. C’è forse bisogno di aggiungere altro? No, almeno in teoria; ma se la pratica è fatta di giornali che riportano la cronaca del becero rituale come se si trattasse di un evento solenne, o addirittura sportivo (e di tg che presentano una vergogna nazionale come se fosse una “gloria”), allora vale la pena di spendere due righe sulla “razza umana padrona” e questo mondo fatto a sua immagine e somiglianza.

IL PIANETA DEI MANGIA-BANANE – Se un viaggiatore alieno in cerca di forme di vita intelligente nell’universo piombasse sulla Terra e si ritrovasse in mezzo a Piazza del Campo durante il palio, ci metterebbe meno di un nano-secondo a catalogarci alla voce “carne da macello” o “creature sacrificabili”. Non tutte, magari – le bellezze architettoniche e artistiche del luogo non sfuggirebbero di certo alla sua attenzione – ma gli scalmanati presenti sicuramente sì. D’altra parte, si sa, siamo solo “scimmie nude” (come ci definì lucidamente l’etologo inglese Desmond Morris nel suo omonimo best-seller), e il nostro comportamento è affine in tutto e per tutto a quello degli altri Primati. A distinguerci davvero da loro, in fondo, non è tanto l’intelligenza, quanto la mera assenza di pelo, che poi – forse per una strana regola di compensazione – ci è ricresciuto copiosamente sullo stomaco.

FATTI NON FUMMO A VIVER COME BRUCHI E CIVETTE – Semplici scimmie nude quindi, ma anche un po’ evolute, malgrado le apparenze. Al contrario di macachi e scimpanzè, noi siamo capaci di costruire strumenti, infatti, come ad esempio i frustini che consumiamo selvaggiamente sulla pelle di creature sacrificabili come noi, o l’anello che amiamo appenderci al naso per non perdere il contatto con le nostre meravigliose “tradizioni”, con quello che fummo in un lontano (e raramente fulgido) passato e che ancora siamo – diciamolo chiaramente – sia pure in versione 2.0.

E cosa resta alla fine del gran varietà medioevale? Nausea a parte, resta solo una piccola domanda: c’è almeno qualcosa che si salva in tutto ciò? C’è qualcosa di positivo, o addirittura di “dignitoso” in una simile melma? Sì, sembra incredibile, ma c’è. Per trovarlo, però, dovete guardare ai cavalli.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *