Filippo Miosi
No Comments

Amichevoli: brillano Fiorentina ed Atalanta

La viola stende 2-1 il Real Madrid. L'Atalanta sconfigge il Chievo in un test dal sapore di Serie A. In campo anche Cagliari e Sampdoria

Amichevoli: brillano Fiorentina ed Atalanta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

A due settimane dall’avvio del campionato, le compagini di Serie A continuano la loro preparazione in vista della giornata d’esordio: le squadre scese in campo nelle amichevoli nella giornata di ieri hanno potuto mettere minuti importanti nelle gambe ed affinare gli ultimi schemi.

L'Atalanta batte 3-0 il Chievo in amichevole

L’Atalanta batte 3-0 il Chievo in amichevole

ATALANTA-CHIEVO VR. 3-0

ATALANTA (4-4-1-1): 

Consigli (25’ st Sportiello), Zappacosta (25’ st Raimondi,), Benalouane (1’ st Stendardo), Biava (1’ st Cherubin), Dramè (25’ st Brivio); Bonaventura (22’ st D’Alessandro), Cigarini (25’ st Migliaccio), Carmona (25’ st Grassi), Estigarribia (1’ st Spinazzola); Moralez (1’ st Boakye); Denis (1’ st Bianchi R.).

CHIEVO (4-3-1-2):

Bardi (1’ st Seculin), Frey (20’ st Sardo), Gamberini (20’ st Zukanovic), Cesar, Edimar; Izco (28’ st Guana), Mangani (20’ st Radovanovic), Hetemaj; Lazarevic; Meggiorini (20’ st Birsa), Paloschi (20’ st Maxi Lopez).

Atalanta e Chievo si affrontavano in amichevole, nella cornice dello stadio “Atleti Azzurri d’Italia” per un’amichevole dal sapore di Serie A. Colantuono e Corini hanno avuto modo di provare le rispettive formazioni titolari in vista dell’esordio in campionato.  La partita è subito frizzantina, l’Atalanta gioca meglio ma è il Chievo ad avere subito una grande occasione: al 19′ viene fischiato un rigore per il Chievo. Sul dischetto si presenta Paloschi che si fa ipnotizzare da Consigli. Al 31′ minuto l’arbitro fischia un altro rigore  questa volta a favore dei bergamaschi: Denis non sbaglia dagli 11 metri ed è 1-0 per la Dea. Nel secondo tempo, dopo la consueta girandola di cambi, l’Atalanta dilaga: al 51′ raddoppia Boakye, abile a sfruttare una palla vagante in area.  A chiudere la partita ci pensa il neo-entrato Rolando Bianchi che sigla il 3-0 con un perfetto colpo di testa in tuffo. Vince quindi l’Atalanta, apparsa già in forma campionato e più agguerrita che mai. Da rivedere invece il Chievo, troppo imballato e fiacco, incapace di creare grossi pericoli per la porta difesa da Consigli.

CELTA VIGO –  CAGLIARI 4-0

CAGLIARI (4-3-3):

Colombi (70′ Cragno), Pisano (35′ Balzano), Ceppitelli, Capuano, Avelar (46′ Murru), Capello (46′ Donsah), Crisetig, Ekdal, Farias, Sau (46′ Longo), Cossu (46′ Ibarbo). 

CELTA VIGO:

Ruben Blanco Veiga, Hugo Mallo (78′ David Costas), Fontas (46′ Cabral), Sergi Gomez, Jonny (46′ Jota), Radoja (63′ Borja Fernandez), Santi Mina (46′ Nolito), Madinda (70′ Jordan), Alex Lopez (46′ Krohn Deli), Charles (70′ Larrivey), Augusto (46′ Orellana).

Batosta per il Cagliari targato Zeman in terra di Spagna: i rossoblù ospiti della squadra di casa, il Celta Vigo, vengono travolti 4-0 e non entrano mai in partita. Gli spagnoli passano subito in vantaggio: al 7′ Santi Mina si accentra dalla sinistra e segna con un perfetto tiro a giro, incolpevole Colombi.  Il Cagliari prova a reagire, ma con un centrocampo orfano di Conti la palla ristagna a metà campo ed i pericoli creati sono pochi. Nel secondo tempo il Celta dilaga: al 3′ minuto Cabral raddoppia con un perfetto colpo di testa, al 14′ Orellana si procura e trasforma un calcio di rigore. Due minuti più tardi è Nolito a chiudere la partita con un potente destro da fuori area.  Pessimi segnali quindi per il Cagliari, incapace di creare pericoli e molto fragile in difesa.

FIORENTINA –  REAL MADRID 2-1

FIORENTINA:

Neto; Tomovic (dall’80’ Piccini), Gonzalo (dall’80’ Hegazi), Savic, Marcos Alonso (dall’80’ Lazzari); Vargas (dall’80’ Pasqual), Pizarro (dal 75′ Wolski), Aquilani (dal 68′ Brillante); Borja Valero (dall’85’ Gigli); Babacar (dal 75′ Bernardeschi), Gomez (dal 68′ Ilicic).

REAL MADRID:

Keylor Navas; Arbeloa (dal 75′ Vazquez), Varane (dal 75′ Ramos), Nacho, Marcelo (dal 46′ Coentrao); Khedira (dal 75′ Medran), Illaramendi (dal 75′ Burgui), Xabi Alonso (dal 46′ Kroos); Ronaldo (dal 46′ Benzema), James (dal 46′ Carvajal), Di Maria.

Amichevole di lusso di scena a Varsavia per la Fiorentina: di fronte alla squadra di Montella si oppone il Real Madrid, campione d’Europa e fresco vincitore della Supercoppa Europea a spese del Siviglia. La squadra di Montella appare molto propositiva ed in forma ma è il Real Madrid a passare in vantaggio: al 3′ minuto è il solito Cristiano Ronaldo ad insaccare in rete, sfruttando un preciso cross di James Rodriguez. Ma la Viola sta bene in campo, e gioca a viso aperto con i campioni d’Europa. Al 27′ arriva il pareggio della Fiorentina: Xabi Alonso perde palla in disimpegno, Aquilani scodella la palla in mezzo e Gomez insacca di testa. E’ 1-1. Pochi minuti dopo è lo stesso Aquilani ad avere sul destro il pallone del 2-1: Pizarro scodella il pallone in area, Aquilani impatta al volo di destro e centra la traversa. Nella ripresa la viola continua a macinare gioco e passa in vantaggio al 69′: Alonso supera con un rimpallo Arbeloa e Khedira e batte Navas per il 2-1 Fiorentina. Pochi minuti dopo la squadra di Montella ha la chance di portarsi sul 3-1: gran tiro da fuori di Vargas respinto da Navas con un miracolo. Pochi minuti dopo Di Maria ha la chance per il pareggio: a tu-per-tu con Neto però spreca tutto. La Fiorentina seppur orfana di Rossi e Cuadrado, riesce nell’impresa di battere il Real Madrid. Ottimi segnali in vista del campionato per Vincenzo Montella.

ATLETICO MADRID – SAMPDORIA 2-0

SAMPDORIA (4-3-3):

Viviano; Gavazzi, Rizzo, Costa, De Silvestri; Krsticic, Campaña, Duncan; Wszolek, Bergessio (Piovaccari, 29’), Fedato.

ATLETICO MADRID (4-4-2):

Oblak; Jesús Gamez, Alderweireld, Gimenez, Insua; Carlos Ramos, Mario Suarez, Saul, Cristian Rodríguez (Roberto, 85’); Raul Gimenez (Iván Alejo, 79’), Hector (Leo Baptistao, 65’).

Amichevole di spessore per la Sampdoria che affrontava i campioni di Spagna dell’Atletico Madrid per la finale del torneo “Carranza”. L’Atletico Madrid, imbottito di baby-fenomeni, è per quasi tutto l’incontro padrone del campo: al 30′ Hector solo davanti a Viviano lascia partire un missile dall’interno dell’area di rigore:  traversa, ma sulla respinta il più lesto di tutti è Saul che sigla l’1-0. Nel secondo tempo a chiudere le marcature ci pensa Raul Gimenez, che sfrutta una corta respinta sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La Samp si fa vedere solo nel finale: al 90′ Fedato colpisce il palo, per un gol che poteva riaprire la partita.

LAZIO – SPORTING FIUMICINO 16-0

LAZIO (4-3-3):

Berisha (46′ Marchetti); Cavanda (66′ Pereirinha) Novaretti, Ciani (66′ De Vrij), Braafheid; Onazi (46′ Gonzalez), Biglia (66′ Parolo), Cataldi (46′ Ederson)(66′ Lulic); Felipe Anderson (46′ Keita); Klose (66′ Tounkara), Mauri (66′ Candreva).

SPORTING FIUMICINO (4-4-2):

Chessa (46′ Giacchetti); De Franco (60′ Stendardo), Pompei (46′ Paoliello), Commentucci (46′ Geminiani), Marzi (46′ Macaluso); Gentili (46′ Rosi), Della Vecchia (46′ Palermo), Bufalini, Pischedda,; Mambrini, Di Meglio (46′ De Fabiis)

Passeggiata di salute per la Lazio, che liquida con un sonoro 16-0 lo Sporting Fiumicino, squadra militante nel campionato di eccellenza. I marcatori per i biancocelesti che vanno a segno con Keita(tripletta), Tounkara, Onazi e Felipe Anderson(doppiette) e con  Cavanda, Mauri, Klose, Cataldi, Biglia, Lulic e Candreva.

Filippo Miosi (@FiloMiosi)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *