Filippo Di Cristina
No Comments

Ramsey-goal, la maledizione colpisce ancora

Ancora una volta la strana coincidenza si realizza. C'è da preoccuparsi?

Ramsey-goal, la maledizione colpisce ancora
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ramsey festeggia il suo goal, i Vip un po' meno

Ramsey festeggia il suo goal, i Vip un po’ meno

Doti tecniche e balistiche impressionanti, faro del centrocampo dell’Arsenal ed un futuro radioso che, siamo certi, gli riserverà ancora tanti successi. Qual è il problema di Aaron Ramsey? La maledizione dei suoi goal

STRANE COINCIDENZE – I Vip più superstiziosi toccheranno ferro quando il buon Aaron la mette dentro. E’ già, perché ogni volta che il centrocampista dei gunners segna un Vip muore. In barba alla superstizione si dice che alcuni divi di hollywood abbiano l’abitudine di giocare “Ramsey primo marcatore” ma le coincidenze che danno vita alla leggenda sono impressionanti.

LE VITTIME DEL GUNNER – Il primo episodio risale al 2011 quando Ramsey segna contro lo United di Ferguson, 24 ore dopo muore Osama Bin Laden. Altro goal, stavolta a Londra contro il Tottenham datato 2 Ottobre 2011, passano 3 giorni a muore uno dei più grandi geni dell’informatica, Steve Jobs. Anche in Champions League il “buon” Ramsey va in rete, contro il Marsiglia per la precisione, ed indovinate un po’? L’indomani muore il colonnello Muammar Gheddafi. Non vi bastano questi esempi? Udite udite, c’è dell’altro. 11 Febbraio 2012, Ramsey va in goal contro il Sunderland e nemmeno a dirlo la mattina dopo un Vip viene trovato morto; si tratta di Whitney Houston, trovata morta di overdose. Non c’è due senza tre si suol dire e la maledizione di Ramsey non si nega alla saggezza popolare, dopo il goal al Wigan un altro dittatore, Jorge Videla, muore a sole 24 ore dal goal del gallese. Goal al Cardiff per il 24enne centrocampista della squadra londinese datato 30 Novembre che “costa la vita” all’attore ed idolo di molti appassionati di cinema, l’attore Paul Walker, protagonista della serie Fast n’furious. Ultimo dei casi, il più recente, è quello della morte di Robin Williams che ha sconvolto il mondo. Chi aveva segnato il giorno prima nella finale di coppa tra Arsenal e City? Un certo Aaron Ramsey. Ironicamente ci viene da ringraziare il cielo che il gallese non abbia la media realizzativa di Messi e Cr7

Filippo Di Cristina (Twitter – @Fil_dicri)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *