Jacopo Gino
No Comments

Inter, circola il nome di Biabiany: come lo userebbe Mazzarri?

Il mercato dell'Inter gira intorno a Biabiany: in che modo l'arrivo dell'esterno d'attacco francese può cambiare gli schemi tattici di Mazzarri?

Inter,  circola il nome di Biabiany: come lo userebbe Mazzarri?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il mercato non dorme mai, nemmeno se hai raggiunto tutti gli obiettivi dichiarati a giugno: Ausilio lo sa bene e per questo continua a muoversi e a restare vigile, in cerca di qualche ghiotta occasione da regalare a Walter Mazzarri. Su tutti circola il nome di Jonathan Biabiany, che andrebbe a completare il reparto avanzato dell’Inter. Un eventuale arrivo del giocatore del Parma suscita però un dubbio tattico: in che modo Mazzarri potrebbe usare il velocista francese? SportCafe24 prova a mettere ordine e a leggere nella mente del tecnico toscano, che con il ritorno di Biabiany potrebbe sperimentare nuovi moduli.

DUTTILITA’ E VELOCITA’ AL SERVIZIO DELLA SQUADRA – Sono le due qualità princ

Un ipotetico 3-4-2-1 con Biabiany

Un ipotetico 3-4-2-1 con Biabiany

ipali del gialloblu: Biabiany nasce esterno d’attacco (nella sua prima esperienza all’Inter giocava a destra nei tre dietro la prima punta nel 4-2-3-1 di Benitez) ma negli anni, sotto la guida esperta di Donadoni, è maturato e ha imparato a coprire al meglio anche il ruolo di seconda punta e quello di esterno di centrocampo. La sua velocità sarebbe inoltre fondamentale nell’idea tattica di Mazzarri, fondata sul contropiede e sulla rapidità nei rovesciamenti di fronte.

COME SI SCHIEREREBBE L’INTER CON BIABIANY – Nel 3-5-2 classico mazzarriano il giocatore del Parma potrebbe giocare sia da seconda punta, coprendo quindi il ruolo di vice Palacio, sia da esterno tuttocampo  a destra (estremamente spregiudicato, da usare in caso di situazione di svantaggio). Ma Biabiany consentirebbe a Mazzarri anche di sperimentare la difesa a 4, in quanto potrebbe giocare sia esterno di centrocampo in un 4-4-2 (con Dodò o Alvarez dall’altro lato), sia attaccante esterno in un 4-3-3, insieme a Palacio e Icardi. Il francese sarebbe, forzando un po’ la mano, il Lavezzi dell’Inter: Mazzarri ai tempi del Napoli usava l’argentino come jolly offensivo per dare velocità e imprevedibilità all’azione della sua squadra. Per essere più completo però Biabiany dovrà migliorare sottoporta: solo 21 gol in 204 partite con la maglia del Parma, troppo pochi per un attaccante.

 Jacopo Gino (@jacopogino)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *