Redazione
No Comments

Semplicemente, “La Lupe”

Col Diavolo in corpo

Semplicemente, “La Lupe”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
La lupe

La Lupe

Guadalupe Victoria Yoli Raymond,conosciuta come La Lupe, si diede alla musica dopo la sua carriera di docente. E’ del 1962,il disco: “Mongo presenta a La Lupe”, con il contributo fondamentale del percussionista Mongo Santamaría. Il 1974 fu un anno particolare: l’artista cubana incise “Un encuentro con la Lupe”,suonò dal vivo al Carnegie Hall,e formò un gruppo con il leggendario Tito Puente.

“Talento naturale e carattere esuberante;al limite del controllabile”… questo forse il mix vincente.

LA RED – Nel 1955 Guadalupe si trasferì a La Habana,dove iniziò la sua carriera artistica nel night club El Roco,ma fu nel club La Red che raggiunse la sua consacrazione definitiva e adottò il suo nome artistico:”La Lupe”. In questo night ebbe modo di farsi ascoltare(tra gli altri)da Ernest Hemingway,Tennesse Williams, e persino Marlon BrandoIl suo primo 33 giri era intitolato “Con el diablo en el cuerpo“, un calipso che rende bene l’idea del caratterino della “ragazza”, e di ciò che gli spettatori avrebbero visto nelle sue esibizioni dal vivo. Nel 1960 vinse il Disco d’Oro dalla casa discografica Victor;premio vinto anche fu assegnato anche da Benny Moré,Pacho Alonso e Luis García. Nel 1962 andò, grazie a un contratto che le fu offerto da un impresario italiano, a Città del Messico. Poi da lì seguì per Miami e, nel 1963, arrivò a New York, dove si stabilì definitivamente, con sporadiche permanenze a Porto Rico.

LA CONSACRAZIONE – La consacrazione della cantante cubana avvenne con l’orchestra di Tito Puente. Il suo modo di interpretare la musica;che si trattasse di una guaracha,una bomba,un son o un bolero,lasciarono una traccia indelebile. Il suo primo grande successo con l’orchestra di Puente fu il bolero “Qué te pedí” nel quale la cantante si esibiva  non solo con dei bolero, ma anche con bossa nova, cha cha cha, guaracha, guaguancò, joropo,bomba e merengue e come un qualcosa di unico.

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA:

Homenaje a Rafael Hernández (1966),lavoro premiato a Puerto Rico con un Disco d’Argento.

The king and I (1967)

La pareja (1978).

tutte sotto la firma della casa discografica Puente Records.

BRANI CONSIGLIATI:

Bolero Carcajada final.

La tirana.

Puro teatro.

Fu un trionfo completo,ma anche l’inizio del suo declino artistico.

La Lupe morì in un ospedale di New York nel Febbraio del 1992.

Claudio Callegari 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *