Redazione
No Comments

La probabile formazione del Milan 2014-2015

In attesa di qualche altro possibile colpo di mercato, il Milan ad oggi rimane con poche certezze di formazione

La probabile formazione del Milan 2014-2015
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Agosto è il mese di Galliani. L’amministratore delegato del Milan sembra essersi mosso per rafforzare la squadra con qualche colpo di mercato prima dell’inizio del campionato. Ultimi acquisti sono stati il portiere Diego Lopez e Armero. Il primo arriva dal Real Madrid con l’obiettivo di dare maggiore sicurezza tra i pali, dove Agazzi non è stato pronto durante le amichevoli precampionato. Il secondo, invece, arriva dopo la partenza di Constant e potrebbe essere una valida alternativa come terzino destro o sinistro.

Prima di loro sono approdati alla corte di Inzaghi altri rinforzi. Primo su tutti Alex, che arriva dal Psg per sistemare una difesa che nel precedente campionato non è stata impeccabile. Per l’attacco è arrivato Menez, sempre dal Psg. L’esterno francese, però, non è ancora sceso in campo nelle amichevoli ufficiali.

L’ALLENATOREFilippo Inzaghi è anche lui una novità della prossima stagione rossonera. Un tecnico emergente e dal costo contenuto, ma con i numeri per riallocarsi nell’olimpo del calcio italiano e non solo italiano. Con lui verrà portata avanti la linea verde e prestata la massima attenzione al vivaio. L’ex attaccante rossonero per il momento schiera il Diavolo con un 4-3-3.

LA PROBABILE FORMAZIONE – Diego Lopez; Abate (ARMERO), ALEX, Rami, De Sciglio; Montolivo, De Jong, Poli; MENEZ, Balotelli, El Shaarawy.

Grandi alternative in panchina. Armero può giocare su tutte e due i lati e garantisce grande quantità. Montolivo sarà out ancora per parecchio. Ci si aspetta l’esplosione di Saponara e Poli. Per l’attacco Balotelli rimane il punto di riferimento. El Shaarawy ritorna dopo l’infortunio durato una stagione intera e sembra pronto a fare bene. Il mercato, però, non è finito. Gli ultimi nomi accostati al Milan sono stati quelli di Cerci (esterno del Torino) e quello di Taarabt che aveva fatto grandi cose nella seconda metà della scorsa stagione.

Daniele Fornesi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *