Jacopo Rosin
No Comments

Milan: dopo la firma di Diego Lopez è assalto a Cerci

Con l'arrivo del nuovo portiere rossonero, il Milan si concentra ora sul sogno del mercato estivo: Alessio Cerci. Intanto Agazzi è vicino al Sassuolo

Milan: dopo la firma di Diego Lopez è assalto a Cerci
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Giorni caldi per il mercato del Milan che ieri ha regalato Diego Lopez ad Inzaghi, con l’obiettivo di ultimare il regalo di compleanno con Alessio Cerci. Il giocatore granata rimane in cima alla lista dei desideri non solo del tecnico rossonero, ma anche della dirigenza che continua a lavorare per capire come poter arrivare al costoso gioiello di Cairo.

Alessio Cerci con la maglia dell'Italia

Alessio Cerci, obiettivo di mercato n°1 del Milan

NOVITÁ DI CASA MILAN – Si è dovuto aspettare fino ad agosto inoltrato per poter vedere anche il Milan operare sul mercato. L’obbligo di cedere prima di acquistare ha condizionato in modo sensibile la politica rossonera e costringe ora il club ad accellerare i tempi per mettere a segno l’acquisto dei tasselli mancanti. A quanto risulta, comunque, il Milan potrebbe chiudere diverse operazioni già in settimana, sfruttando i contatti attivati da Adriano Galliani durante l’estate, in particolare con Cairo per Alessio Cerci. Gli ottimi rapporti con il Real Madrid hanno fatto sì che la trattativa per Diego Lopez si chiudesse in tempi brevissimi. Per il nuovo portiere rossonero contratto di 4 anni a 2,5 milioni di Euro a stagione. Portiere che va, portiere che potrebbe partire: Agazzi è seguito dal Sassuolo che nei prossimi giorni dovrebbe decidere fra l’estremo difensore rossonero e Storari. Intanto, domani arriva Armero che sosterrà le visite mediche per poi firmare il contratto di prestito secco. Martedì Galliani parlerà con Joorabchian, agente di Taarabt, cercando di capire come ci si possa muovere al meglio per far tornare il giocatore marocchino a San Siro, dopo aver ben impressionato i tifosi nei sei mesi trascorsi a Milano in prestito dal QPR. La giornata chiave del mercato rossonero, però, sarà mercoledì, quando Galliani e Inzaghi incontreranno ad Arcore il presidente Silvio Berlusconi per definire le strategie migliori per muoversi negli ultimi giorni del mercato rossonero. L’argomento di discussione più importante del vertice sarà proprio Alessio Cerci, costoso sì, ma non impossibile dopo il tesoretto di circa 20 milioni che la società ha incassato dalle cessioni fatte finora.

SEMPRE E SOLO CERCI – Una telenovela che appare infinita quella tra Alessio Cerci e il Milan. A Forte dei Marmi si sono spesso incontrati Galliani e Cairo, legati da ottimi rapporti, e c’è chi giura che tra i due ci sia già un accordo di massima per portare Cerci a Milano. I rossoneri, però, devono stare attenti alla concorrenza dell’Atletico Madrid: Cairo ha rifiutato un’offerta di 15 milioni fatta qualche tempo fa dagli spagnoli. L’interesse colchonero è quindi più che concreto, ma il presidente granata non è disposto a scendere dai 18 milioni richiesti per lasciar partire il suo giocatore più importante. Cairo vuole prima capire la disponibilità di Cerci di rimanere al Torino, per poi valutare un’eventuale cessione in caso di richiesta esplicita dell’ex Roma e Fiorentina. In casa Milan si dovrà invece valutare se il numero 1 rossonero sia disposto a fare un sacrificio economico per mettere sul piatto la cifra richiesta dalla società piemontese, sforzo che i tifosi si augurano di vedere dopo la pessima stagione conclusa senza qualificazione all’Europa e, soprattutto, dopo anni di colpi perlopiù a parametro zero e con poco appeal per una tifoseria abituata a grandi campioni e a tanti successi. Alessio Cerci sarebbe un segnale che la società ha davvero voglia di rivincita, e non solo a parole.

Jacopo Rosin(@JacopoRosin)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *