Ruggiero Daluiso

Mercato Milan: si lavora per Lass Diarra, problema d’ingaggio. Due le condizioni per rivedere Kakà

Mercato Milan: si lavora per Lass Diarra, problema d’ingaggio. Due le condizioni per rivedere Kakà
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Lassana Diarra-Milan: Galliani cerca la volontà del giocatore e...la riduzione dell'ingaggio. Aquilani lontano da Milano e convocato dal Liverpool per il ritiro precampionato. E intanto ci sono due condizioni per vedere Kakà in rossonero...

Lass Diarra, centrocampista del Real Madrid

MILANO, 28 GIUGNO – Adriano Galliani è alla ricerca di un centrocampista. Fino a qualche ora fa, negli ambienti di Via Turati 3 si vociferava l’affare Lass Diarra dal momento che la trattativa con il Liverpool per riportare Alberto Aquilani in maniera definitiva a Milano si è complicata non poco: per il primo il problema è l’ingaggio, per Aquilani manca la buonuscita del Liverpool.

AQUILANI IN RITIRO CON IL LIVERPOOL – Dopo il rinnovo contrattuale di Flamini (1,5 milioni netti per una sola stagione), gli acquisti di Montolivo, Traorè e Constant, i rossoneri sono alla ricerca di un centrocampista-regista in grado di giocare davanti alla difesa. Adriano Galliani in queste ore sta pensando alla situazione di Alberto Aquilani, che quest’anno ha giocato in maglia rossonera in prestito dal Liverpool e proprio il club inglese ha convocato il centrocampista ex Roma nel ritiro reds precampionatdal momento che, almeno per ora, non vogliono concedergli la buonuscita. E il Milan? I rossoneri hanno preso atto di questo gesto “d’amore” dei reds nei confronti di Aquilani e stanno già pensando al possibile sostituto, che risponde al nome di Lass Diarra.

LASS, IL PROBLEMA E’ L’INGAGGIO – C’è solamente un ostacolo che divide il mediano del Real Madrid con il Milan: l’ingaggio da 4,5 milioni di euro. Paradossalmente Diarra percepisce al momento più di Thiago Silva (attualmente 4 milioni annuali, ma diventeranno presto 7,5) e in questo caso se il giocatore gradisse la destinazione milanese si dovrebbe limare (e non poco) sull’ingaggio. Secondo indiscrezioni Adriano Galliani vorrebbe convincere il giocatore ad abbassarsi l’ingaggio a 2/2,5 milioni di euro garantendogli un posto fisso in squadra, cosa di cui non è certo con Mourinho avendo Khedira e Xabi Alonso davanti a lui (oltre l’altro obiettivo rossonero Sahin). Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori aggiornamenti in merito.

Berlusconi e Kakà: come padre e figlio

KAKA’, ECCO LE CIFRE PER TORNARE A MILANO. MA C’E’ LA CLAUSOLA ADIDAS – Ma in casa Milan c’è una questione che tiene banco: il possibile ritorno di Kakà in maglia rossonera. Il figliol prodigo del patron Berlusconi avrebbe manifestato ad amici l’intenzione di voler tornare a Milano per finire la carriera, riabbracciando così i suoi ex tifosi: ma a quali condizioni? La condizione principale per questo possibile ritorno è quella che il campione brasiliano dovrebbe ridursi l’ingaggio da 11 milioni annuali (quelli percepiti dal Real fino al 2015) a 11 milioni dilazionati in 3 anni (3,5 milioni netti annuali). Un secondo problema è la clausola che Ricky ha con l’Adidas (marchio del Real e del giocatore stesso), la quale sottoscrive che qualora Kakà dovesse andare via da Madrid prima della scadenza del contratto dovrebbe pagare una pesante penale alla multinazionale tedesca. Due buoni motivi per far si che la trattativa naufraghi prima ancora di salpare verso “un ritorno a casa” molto difficile…

a cura di Ruggiero Daluiso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *