Jacopo Bertone
No Comments

Calciomercato: la top 11 dei colpi più anonimi della Serie A

Il calciomercato riserva sempre sorprese, ecco gli 11 nomi demodé che potrebbero far ricredere molti nel campionato 2014-2015

Calciomercato: la top 11 dei colpi più anonimi della Serie A
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ecco la nostra Top 11 degli acquisti più anonimi del campionato, pronti a stupire gli scettici

Ecco la nostra Top 11 degli acquisti più anonimi del campionato, pronti a stupire gli scettici

Ogni storia ha il suo outsider, il suo sfavorito, la sua mezza-calzetta che si prodiga al meglio per smentire gli scettici e alla fine di riesce, la favola del calcio non fa eccezione: abbiamo scelto per voi gli 11 nomi meno pubblicizzati e al contempo più interessanti del prossimo campionato, enjoy!

NICOLA LEALI – Di questo ragazzo si è sempre detto un gran bene, la Juventus l’ha pagato a peso d’oro qualche anno fa per strapparlo al Brescia del vulcanico Corioni, il quale dichiarò:”La Juve si è appena accaparrata il nuovo Buffon”. Il paragone era importante e quantomai scomodo, ma nei due campionati passati a “farsi le ossa” con Lanciano e Spezia, Leali non ha affatto sfigurato, confermando di avere un’esplosività tra i pali e un’agilità nelle uscite davvero rimarchevoli per un giovane, eppure il suo arrivo al Cesena, con cui avrà la possibilità di calcare per la prima volta i campi del massimo campionato, è stato accolto dal silenzio generale: futuro Buffon o meno, il ragazzo ha tutto per far bene.

HORDUR MAGNUSSON – Altro giocatore passato dal bianconero sabaudo a quello della riviera, che come il suo predecessore ha passato un anno in Serie B a farsi le ossa, con risultati più che buoni. Difensore finlandese dagli occhi di ghiaccio e dalla grande stazza fisica, Magnusson ha ben figurato nelle 20 partite giocate con lo Spezia, mettendo in mostra una buona tecnica che gli ha permesso di venire impiegato anche nel ruolo di mediano. Tuttavia a notare il nativo di Reykjavik è stato più il pubblico femminile che quello degli addetti ai lavori, le qualità per far bene però ci sono tutte e vedremo se il sergente Bisoli riuscirà a temprare e far migliorare anche questo ragazzo.

CRISTIANO BIRAGHI – Difensore dallo spirito operaio, l’ex Catania si è ben disimpegnato nella sua prima stagione in Serie A, incamerando ben 22 presenze in un’annata sfortunata a livello di risultato ma comunque importantissima per la sua maturazione. L’Inter ha scelto la sempre ottima officina del Chievo per far migliorare ulteriormente il prodotto del proprio vivaio, chiamato a dimostrare di essere ben più di una promessa ripartendo dal tranquillo ambiente gialloblù.

DODO’ – Non vi incanti lo sguardo da cerbiatto, il brasiliano è un giocatore tosto, votato molto più all’attacco che alla difesa ma che nella sua ultima stagione a Roma ha dimostrato discreti miglioramenti, destinati a impennarsi sotto la guida di mister Mazzarri. Bollato dalla critica come uno dei classici carioca tutto Samba e poca sostanza, in questo precampionato il classe ’93 sta ben impressionando, creando le premesse per un’annata di tutto rispetto.

JOSE’ CAMPAñA – Vi abbiamo già parlato di questo ragazzo  , canterano del Siviglia e neo-acquisto della Sampdoria. Nonostante la giovane età, questo centrocampista completo vanta già esperienze in Inghilterra e Germania, che di fatto lo rendono molto più maturo e pronto di quanto possa sembrare. Agli ordini di Mihajlovic può fare il salto di qualità.

JOSHUA BRILLANTE – Altro comprimario non passato inosservato agli occhi di Sportcafe24 , questo canguro dall’aspetto rude è esattamente ciò che sembra: un incontrista nato, che fa della rottura degli schemi avversari il suo punto di forza, aiutato anche da un baricentro basso e da una struttura muscolare da Wrestler. Il saggio Vincenzo Montella saprà sicuramente scolarizzarlo e metterlo in campo nel modo giusto, al resto ci penserà il cuore (anch’esso barbuto?) di Joshua!

TIBERIO GUARENTE – Può un ventinovenne con un passato sfortunatissimo riservare ancora qualche sorpresa in un campionato difficile come la Serie A? assolutamente si, se quell’uomo è Tiberio Guarente, il quale si appresta a vivere forse la sua terza vita calcistica dopo l’infortunio di Siviglia e le annate magre con Bologna, Catania e Chievo. Sotto la guida del ruspante Sarri, Guarente dovrà svolgere il ruolo di chioccia di una squadra molto giovane e inesperta, senza dimenticarsi di avere numeri e qualità di tutto rispetto: NON è il vostro campione tutto colpi di tacco e rabone, ma Tiberio nel contesto tranquillo ma ambizioso di Empoli ha davanti a sè una grande possibilità di riscatto.

ALFRED DUNCAN – Centrocampista ghanese dotato di grandi qualità atletiche, Duncan viene da una stagione e mezza a Livorno dove è stato quasi sempre schierato da titolare con il compito di fare da filtro, per altro ottenendo buoni risultati. L’onnipresente Inter è proprietaria del suo cartellino e ha scelto di affidarlo alle mani capaci di uno di casa, Sinista Mihajlovic, per prepararlo al meglio a un possibile futuro nerazzurro. Il ventunenne si appresta ad affrontare il suo primo campionato in una squadra che non punta necessariamente alla salvezza, ma anzi cova sogni europei, vedremo se saprà reggere la pressione.

DIEGO PEROTTI – Tanto talento per questo ragazzo, in passato cercato ripetutamente dalle grandi d’Europa, in primis la Juventus. Esterno sinistro d’attacco, Perotti ha incamerato ben 160 presenze e 16 goal con la maglia del Siviglia, prima di fare un (momentaneo) ritorno in patria nel Boca Juniors, con modestissimi risultati. Ha scelto l’Italia e in particolare il Genoa per ripartire, con quel mago di Gasperini pronto a trovargli un posto nel coloratissimo scacchiere tattico del Grifone.

MARCO D’ALESSANDRO – E’ stato uno degli artefici del miracolo-Cesena della scorsa stagione, mettendo la sua firma su uno dei goal decisivi per la promozione. Cresciuto nelle giovanili della Roma, Marco ha passato diverse stagioni nei campi meno nobili della serie B, e a 23 anni è pronto per disputare la sua prima vera stagione nel massimo campionato. Un vecchio lupo di mare del calciomercato come Pierpaolo Marino non se l’è lasciato scappare e per soli 2 milioni di euro l’ha portato a Bergamo, da sempre meta ideale per i talenti non ancora espressi del nostro calcio. Centrocampista offensivo, D’alessandro porterà sicuramente un grande contributo a livello di assist e di corsa alla squadra di Colantuono.

SAMUELE LONGO – Neanche a farlo apposta, ecco un’altro giovane di scuola interista che cerca il suo spazio nel calcio che conta, con la speranza di averlo trovato a Cagliari, con un guru come Zeman ad indicargli la via. Dopo tante stagioni in Spagna in cerca di conferme, Longo arriva in Sardegna con tanti dubbi e una speranza: quella di riuscire finalmente ad esprimere il suo grande potenziale anche tra i professionisti, dopo un passato da grande bomber nelle giovanili. I rossoblù sembrano l’ideale per lui, i più vicini al ragazzo dicono che finalmente rivedono la fiducia nei suoi occhi, solo il campo ci dirà la verità.

Ieri, come oggi, vi chiediamo di dirci la vostra!

Jacopo Bertone

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *