Antonio Guarino
No Comments

Basket: Italia tritatutto, Bosnia sommersa 99-71

Prova di forza degli uomini di Pianigiani, che surclassano la Bosnia nella serata in cui Datome raggiunge quota 1000 punto in Azzurro e Peppe Poeta festeggia le 100 presenze in Nazionale.

Basket: Italia tritatutto, Bosnia sommersa 99-71
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Un rullo compressore che abbina tanta qualità ad una solidità fisica e mentale di grande spessore! E’ così che può essere descritta, sinteticamente, la Nazionale italiana allenata da coach Pianigiani che, ieri sera, ha fatto un sol boccone della malcapitata Bosnia.

PARTENZA A RAZZO – Che l’Italia avesse brutte intenzioni, gli uomini di Dusko Ivanovic lo avevano capito sin dalle primissime battute, quando Alessandro Gentile – a suon di triple e schiacciate – ha vestito i panni del protagonista e trascinato i suoi al primo parziale di 9-2. Stavolta, più che nelle precedenti uscite, è l’intero collettivo che porta il suo grande contributo alla causa azzurra: Cervi segue le orme di Gentile e mette a referto 6 punti consecutivi, poi i vari Della Valle, Polonara e Stefano Gentile – con una tripla a testa – creano il primo grande solco tra l’Italia e i bosniaci.

Gigi-Datome, ala dei Pistons di Detroit ed ex Virtus Roma, ha tagliato ieri il traguardo dei 1000 punti con la casacca Azzurra.

Gigi-Datome, ala dei Pistons di Detroit ed ex Virtus Roma, ha tagliato ieri il traguardo dei 1000 punti con la casacca Azzurra.

APPLAUSI A SCENA APERTA – Lo spettacolo in campo, però, resta sempre lui: Gigi Datome. Vederlo giocare è un vortice lussurioso per gli occhi e il “PalaTrieste” rimane incantato nel vederlo sfoderare tutto il suo repertorio: due triple di fila gli consentono di toccare quota 1000 punti in Nazionale, margine ampiamente superato a fine gara quando, a referto, risulteranno 19 i punti messi a segno dall’ala dei Detroit Pistons. L’Italia è implacabile, probabilmente la più bella vista finora in questo tour estivo di avvicinamento alle Qualificazioni Europee, e la Bosnia resta attaccata al match solo grazie alla classe di Mirza Teletovic, ala NBA dei Brooklyn Nets, che con i suoi 15 punti in 16 minuti (saranno 20, in tutto, a fine partita) accorcia il distacco dei suoi – alla fine del primo tempo – a -11 (48-37).

VIA, VERSO IL LARGO – Gli Azzurri non mollano un centimetro e, ad inizio terzo quarto, danno il via ad una terribile offensiva che chiude praticamente il match, portando il parziale sul 74-55 alla terza sirena. L’ultimo quarto di gioco diventa una pura formalità e l’Italia, matura al punto giusto e con mentalità da grande squadra, non concede nulla agli avversari: Pianigiani fa ruotare gli uomini a sua disposizione, concedendo gloria più che meritata a tutti i componenti del gruppo. A tre minuti dalla fine siamo addirittura a +30 (92-62), prima del definitivo 99-71, frutto anche degli 8 punti di Palonara, ai 6 di Pascolo, i 15 di Alessandro Gentile e i 17 di un sempre incisivo Pietro Aradori.

ULTIMO IMPEGNO – Nell’altra gara, la Serbia ha sconfitto il Canada 78-73, grazie soprattutto ai 19 punti dell’ala ex Fenerbhace, Bojan Bogdanovic. Stasera gli Azzurri se la vedranno proprio con i serbi nell’ultimo decisivo match che assegnerà, di fatto, il quadrangolare di Trieste (ore 20,30 con diretta Tv su RaiSport 2). Domani, invece, è previsto il trasferimento a Cagliari, dove l’Italia giocherà le decisive sfide che potrebbero aprire le porte per gli Europei del 2015.

Antonio Guarino (@GuarinTony)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *