Antonio Guarino
No Comments

Calciomercato Napoli: Fellaini sempre più vicino!

La trattativa per portare il centrocampista belga all'ombra del Vesuvio vive le sue fasi conclusive. Bigon, alle prese anche con lo sfoltimento della rosa, resta comunque attivo su altri fronti.

Calciomercato Napoli: Fellaini sempre più vicino!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Alla fine, pare proprio che questo matrimonio si farà! Il Napoli e Maourane Fellaini sono sempre più vicini: in Inghilterra, almeno, danno la cosa quasi per fatta! Nello specifico, il tabloid The Daily Star si è sbilanciato, annunciando come le visite mediche di rito, prima di formalizzare il passaggio del giocatore al club azzurro, siano previste per oggi stesso!

STRETTA FINALE – La fantasia d’Oltremanica (tweet presidenziali permettendo!) è sempre stata piuttosto accesa: buttala di qua e buttala di là, capiterà pure di prenderci! Di certo, però, l’offensiva degli Azzurri per la folta chioma (nel pacchetto sono compresi anche i piedi, ovviamente) del centrocampista belga del Manchester United vive una fase piuttosto avanzata: i club hanno trovato un accordo sia per la formula del trasferimento di Fellaini all’ombra del Vesuvio (prestito con diritto di riscatto), sia per l’ingaggio del calciatore (4 milioni di euro circa) che peserebbe per metà sui bilanci del Napoli e per metà sulle casse dei Red Devils. Direte voi, allora cosa manca per concludere l’affare? Ci arriviamo insieme, mettetevi comodi…

Fellaini, in gol agli ultimi Mondiali con il suo Belgio nella gara contro l'Algeria

Fellaini, in gol agli ultimi Mondiali con il suo Belgio nella gara contro l’Algeria

I DETTAGLI FANNO LA DIFFERENZA – Come vi dicevamo, la formula individuata è quella del prestito con diritto di riscatto e, a tal proposito, resta proprio da concordare il prezzo a cui il Napoli, qualora risultasse soddisfatto delle prestazioni del “Capellone” di Etterbeek, potrà far suo il cartellino del giocatore. Si tratta di un dettaglio di non poco conto, specie se si considerano i quasi 33 milioni di euro che lo United ha versato, non meno di un’estate fa, nelle casse dell’Everton, e il rendimento piuttosto altalenante dello stesso Fellaini nell’ultima (ed unica) stagione vissuta all’Old Trafford. Ergo: i britannici non possono di certo pretendere la cifra sborsata un anno fa, e pur di limitare al massimo la minusvalenza – che verrebbe a generarsi dalla cessione del giocatore – attraverso un suo rilancio presso altri lidi, sono disposti a venire incontro alle esigenze partenopee. Possiamo tranquillamente dirlo: il fascicolo “Fellaini” è stato ottimamente studiato dai dirigenti del Napoli e il ds Bigon ha colto l’attimo giusto per bussare alla porta dei Glazer.

E BENITEZ CHE DICE? – Già in precedenza vi avevamo messi al corrente del “Rafa pensiero”: il tecnico spagnolo ha sempre pubblicamente espresso piena fiducia sia negli uomini che – allo stato attuale – dirige nelle doppie sedute di Castel Volturno, sia nell’operato della società sul mercato. Don Rafé, però, è un buongustaio e, da buon padre di famiglia e uomo d’azienda qual è, sa quali sono le prerogative economiche e di bilancio da rispettare, ma si aspetta quanto prima un rinforzo, specie in mediana. E Fellaini è il profilo giusto per Benitez? Ci sbilanciamo e diciamo sì, viaggiando un po’ contro corrente rispetto a quanto sentito in questi giorni: in primis, perché è un calciatore di caratura a dir poco internazionale ed il Napoli – per compiere il definitivo salto di qualità – ha bisogno come il pane di profili come quello di Marouane; in secondo luogo, perché è un calciatore duttile che, all’occorrenza, può essere schierato sia da schermo davanti alla difesa, sia da interno di centrocampo (per un’eventuale ipotesi di centrocampo a tre, spesso provata in ritiro da Rafa), sia da trequartista; in terzo luogo perché porta centimetri, tanti centimetri, che aiuterebbero non poco il Napoli nelle situazioni di palla da fermo su cui, l’anno scorso, ha più che sofferto.

NON FINISCE QUI – Ok, Fellaini potrebbe essere il profilo giusto per il Napoli di Benitez, ma siamo anche sicuri che all’ombra del Vesuvio i rinforzi in mediana non finiranno qui: agli Azzurri manca ancora un calciatore a centrocampo, con caratteristiche più da incontrista rispetto a quelle rintracciate nel centrocampista belga dello United, ma ugualmente educato con i piedi. Ed ecco spuntare, all’orizzonte (ma neppure così tanto) i profili di Lassana Diarra Lucas Leiva: per entrambi i calciatori il problema principale è legato sempre all’ingaggio troppo elevato per gli standard partenopei (5 milioni per il francese, i cui 29 anni dell’anagrafe – però – allontanano lo sviluppo dell’affare, 4 quelli incassati dal brasiliano del Liverpool, pupillo di Rafa per cui ancora non sono state perse le speranze per un’apertura dei Reds).

VALIGIE ALLA MANO – Il Napoli ha, però, soprattutto bisogno di sfoltire la rosa: salutato Valon Behrami, accasatosi – con non pochi rimpianti da parte della tifoseria – all’Amburgo, si cerca una sistemazione anche per gli esodati Rosati Donadel, ampiamente ai margini del gruppo. Su Britos c’è da registrare l’interesse della Lazio, mentre per Gargano si sono fatte vive Parma e Cesena (che ha chiesto informazioni anche su Radosevic). Sul futuro di Vargas, invece, si saprà di più dopo l’amichevole di prestigio, in casa, contro il PSG degli ex Cavani e Lavezzi, in programma il prossimo 11 agosto: Benitez sta provando l’adattabilità del cileno nel ruolo di vice-Callejon e, qualora tale soluzione non dovesse ritenersi idonea, il Napoli valuterà le offerte che perverranno per l’ex Valencia, salvo poi rituffarsi sul mercato (probabilmente dopo il preliminare di Champions) alla ricerca di un calciatore proprio in quel ruolo (M’Poku il nome più gettonato e per cui si lavora sotto traccia). Congelata, invece, al momento la cessione di Blerim Dzemaili, in attesa di definire meglio la situazione in mediana: sullo svizzero restano sempre vigili Siviglia, Milan e i russi dello Spartak Mosca.

Antonio Guarino (@GuarinTony)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *