Nadia Gambino
No Comments

Serie A 2014/15: le favorite sono sempre le stesse, ma occhio alle outsiders

Analisi delle Big della Serie A 2014/15. Juve, Napoli e Roma per lo scudetto, Inter e Fiorentina subito dietro, Milan non pervenuto

Serie A 2014/15: le favorite sono sempre le stesse, ma occhio alle outsiders
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Conte-Allegri. La staffetta porterà altre vittorie alla Juve?

Conte-Allegri. La staffetta porterà altre vittorie alla Juve?

Manca poco all’inizio della stagione di Serie A 2014/2015 e le big del nostro campionato, tra amichevoli estive e calciomercato si preparano a ripartire.

RIFONDAZIONE JUVENTINA – La Juventus ricomincerà senza Conte ma con il contestato Allegri che proverà a vincere il quarto scudetto di fila. Fare meglio del tecnico salentino, in campionato significherà vincere ancora una volta il tricolore, ma è impossibile ripetere i numeri della squadra di Conte. Per fare di più Allegri dovrà far sognare in Champions, dove le avversarie europee sono molto più temibili di quelle italiane. Per questo Marotta sta provando a non cedere Vidal, non cederà l’altro gioiello di centrocampo Pogba e con gli innesti giusti, si proverà ad andare più in là dei gironi, dove l’anno scorso la Juve lasciò il suo sogno europeo. Alvaro Morata, sarà forse l’uomo giusto per cambiare il 3-5-2 di Conte in un 4-3-3. Pereyra e Romulo sono gli altri acquisti da Udinese e Verona, mentre Evra e tutta la sua esperienza nel Manchester United è l’uomo giusto per indicare ai compagni la via europea. Acquisti forse giudicati troppo poco incisivi per l’ex miste,r che dal suo gruppo forse non aveva più nulla da “spremere”.

ROMA E NAPOLI LE PRETENDENTI – Chi parte agguerrito invece è Garcia, il tecnico della Roma l’anno scorso ha cullato il sogno-scudetto fino alla fine e quest’anno ci vuole riprovare. Strappare Iturbe proprio alla vecchia signora è il segnale giusto per iniziare a dar battaglia ai rivali bianconeri, così come l’aver strappato Astori alla Lazio, significa per i giallorossi aver vinto il primo derby stagionale in chiave mercato. La Roma dovrà fare i conti con il Napoli di De Laurentiis e Benitez che vogliono far meglio del terzo posto dello scorso anno e che ripartono dopo aver vinto la Coppa Italia. Juve, Roma e Napoli appaiono dopo i primi test stagionali e dopo i primi colpi di mercato, ancora una volta le favorite per la vittoria finale. Potrebbero essere di nuovo loro le regine della Serie A.

INTER E FIORENTINA OUTSIDERS- La squadra di Montella ripartirà con due importantissime novità: i recuperi degli infortunati di lusso Pepito Rossi e Mario Gomez. Perchè se già senza i due top players fuori per infortunio l’anno scorso Montella ha fatto benissimo, figuriamoci con loro in campo e con i loro gol, dove potrebbero arrivare i Viola. Discorso a parte per le milanesi. L’Inter riparte con il nuovo Presidente Thohir che sta cercando di ricostruire la squadra e i suoi conti in rosso nel miglior modo possibile. Le amichevoli fin qui giocate hanno mostrato i nerazzurri in palla e con tanta voglia di far bene. Icardi è il leader in attacco, dove oltre al vice campione del mondo Palacio, giocherà il nuovo acquisto Osvaldo, mentre Vidic ex difensore del Manchester United sembra già a suo agio nella difesa interista.

MILAN IN ALTO MARE – Le cose non vanno bene per l’atra squadra milanese, il Milan che non sembra in grado di trovare la quadratura del cerchio. Tutta da rivedere la difesa, a cominciare dai portieri. Il nuovo acquisto Agazzi sembra aver deluso Inzaghi. L’unico ad offrire garanzie è il solito Abbiati ma senza la difesa, nulla può da solo. Il reparto arretrato è quello che ormai da anni, dall’addio di Thiago Silva soffre molto. In attacco poi si aspetta il ritorno al gol di El Shaarawy e Pazzini, con Balotelli sempre sul punto di partire. Nella tournee americana in tre gare i rossoneri hanno subito 10 gol segnandone appena uno. Mentre il mercato è fermo da settimane sul nome di Cerci e sull’addio di Robinho. Troppo poco per ricominciare. Troppo poco per ambire ad un posto in Champions. Se Galliani non si darà una mossa, anche l’Europa League diventerà utopia. Urgono rinforzi. Urge un progetto serio di rinascita. Altrimenti così si rischierà di perdere un’altra stagione e di bruciare il tecnico. Non lo merita Inzaghi per quello che ha dato al Milan e non lo meritano i tifosi.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *