Filippo Miosi
No Comments

Inter già in forma: può competere per il terzo posto?

La squadra di Mazzarri ha ben figurato nella Guinness Cup. I neroazzurri visti negli USA possono puntare al terzo posto

Inter già in forma: può competere per il terzo posto?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La tournée negli Stati Uniti dell’Inter ha dato numerosi segnali positivi a Mazzarri ed alla dirigenza neroazzurra: la compagine milanese infatti si è ben comportata nelle amichevoli disputate oltreoceano, risultando molto compatta e combattiva ed incassando appena un gol in 3 partite. E’ possibile quindi che la squadra di Mazzarri sia già pronta ed attrezzata per la lotta ad un posto Champions?

Dodò, nuovo colpo dell'Inter

Dodò, nuovo arrivato in casa Inter che ha sorpreso nella tournée americana

I NUOVI ACQUISTI – Una delle chiavi dell’ottimo pre-campionato disputato dai neroazzurri sino ad ora è certamente l’ottima campagna acquisti effettuata da Ausilio e dalla dirigenza interista: dopo aver salutato i reduci del Triplete dell’ormai lontano 2010,  con una spesa minima e con formule di trasferimento innovative il DS neroazzurro ha potuto regalare a Mazzarri degli ottimi giocatori. I nuovi acquisti (Dodò, M’Vila e Vidic), dal canto loro, son riusciti subito ad imporsi nella formazione tipo impostata da Mazzarri, esibendosi in prestazioni molto convincenti. Spicca su tutti Nemanja Vidic. Il difensore serbo, arrivato a parametro zero tra lo scetticismo di alcuni addetti ai lavori, si è subito imposto come leader dentro e fuori dal campo. Si pensava che il calciatore avrebbe avuto problemi a giocare con la difesa a tre, problema che è stato subito smentito dallo stesso calciatore che ha dimostrato con delle ottime prestazioni in campo di non soffrire il modulo di Mazzarri. La rosa interista inoltre potrebbe arricchirsi di due ulteriori tasselli fondamentali: Osvaldo, attaccante del Southampton, molto vicino ai neroazzurri e Gary Medel, mastino del centrocampo di proprietà del Cardiff City. L’italo-argentino andrebbe ad arricchire un attacco che attualmente conta soltanto due elementi: Icardi e Palacio. Il centrocampista cileno sarebbe l’uomo di rottura ideale da schierare nell’ipotetico centrocampo neroazzurro.

MODULI E FORMAZIONI – Se dapprima si pensava che Mazzarri per questa stagione avrebbe optato per un modulo con la difesa a 4, i risultati e il dinamismo della squadra lo stanno facendo tornare sui suoi passi: il 3-5-2, il cavallo di battaglia del tecnico toscano, dovrebbe essere ancora il modulo di riferimento per i neroazzurri, la cui formazione tipo dovrebbe essere la seguente: Handanovic, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus, Johnatan, M’Vila, Medel, Kovacic, Dodo’, Hernanes, Palacio, Icardi. Con un Osvaldo motivato pronto ad entrare dalla panchina e D’Ambrosio e Nagatomo pronti a dare il cambio agli esterni, Mazzarri ha finalmente a disposizione una rosa completa per poter competere su due fronti: Campionato ed Europa League

CONTINUITA’, QUESTA SCONOSCIUTA – Le perplessità però sull’Inter sono ancora presenti. Nello scorso campionato la squadra neroazzurra, pur con una buona rosa ed un’ottima partenza in campionato, non è mai stata veramente in corsa per un posto Champions. La colpa è certamente da attribuirsi alla mancanza di continuità: ad ottime prestazioni e vittorie convincenti seguivano partite con amnesie difensive gravi e sconfitte inaspettate. Se l’Inter riuscirà a dare continuità al bel gioco e allo spirito combattivo visto sino ad ora nella tournee americana il terzo posto potrebbe non essere più un sogno fuori portata.

Filippo Miosi (@FiloMiosi)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *