Connect with us

Focus

Galliani compie 70 anni. Miglior DS di sempre?

Pubblicato

|

milan real madrid mercato

Doppia festa di compleanno in casa Milan: Adriano Galliani e Barbara Berlusconi condividono infatti la stessa data di nascita, 30 luglio del 1944 per lo storico DS rossonero e 30 luglio 1984 per Lady B.

Galliani compleanno berlusconi milan

La coppia Galliani – Berlusconi ha collezionato 28 trofei

ANTICHI FASTI – Come diceva Mateo Aleman “La gioventù non è una stagione della vita, è uno stato mentale”.
Lo stesso Galliani ha infatti dichiarato “spero di continuare ancora per tanto tempo. Vogliamo riportare in alto il Milan”.
I rossoneri, infatti, arrivano da 2 stagioni deludenti, anche se lo scorso anno riuscirono a centrare in extremis l’obiettivo Champions. Per questa stagione i tifosi milanisti dovranno accontentarsi di guardare la massima competizione europea come spettatori, potendo solo sperare che Inzaghi riesca a riportare il Milan nei primi 3 posti in classifica.

CARRIERA DA VINCENTE – I 70 anni di Galliani possono anche rappresentare uno spunto per ripercorrere tutta la sua carriera, essendo considerato dai più il miglior DS di tutti i tempi. Insieme a Berlusconi ha collezionato la bellezza di 28 trofei, portando il Milan ad essere, almeno per alcuni anni, il club più titolato al mondo. 8 scudetti, 2 Coppe Intercontinentali, 1 Mondiale per club, 5 Supercoppe d’Europa, 6 Supercoppe d’Italia, 1 Coppa Italia, ma soprattutto 5 Champions League. Tanti i trofei vinti, ma soprattutto i soldi spesi, dimostrando, purtroppo come tutti i dirigenti delle squadre italiane, poca visione per il futuro. Soprattutto negli ultimi 10 anni le vendite di lusso del Milan sono state molteplici: Shevchenko, Kakà e Thiago Silva gli ultimi nomi eccellenti ceduti ai ricchi del calcio, sempre in nome di un bilancio in perdita che solo di fronte al fair play finanziario ha cominciato a rifiatare. Galliani ha fatto però la storia del calcio italiano, non solo del Milan, riuscendo ad acquistare dei veri e proprio gioielli: Van Basten, Weah, Desailly solo per citare nomi storici, mentre nel recente passato Inzaghi, Nesta, Kakà, Seedorf, Pirlo, Thiago Silva e Ibrahimovic, tra i quali alcuni presi a prezzo di saldo e altri sotto suggerimento di Leonardo (come Serginho, Pato, Dida).

QUALCHE ERRORE DI TROPPO – Per l’oggettività vanno anche segnalati i quasi bidoni, come Redondo, Rivaldo, Ayala, e i bidoni, tra i quali troviamo Roque Junior, Javi Moreno, Bogarde. Tra i bidoni si potrebbe anche scorrere i tre quarti della rosa attuale del Milan, con giocatori dagli stipendi faraonici che bloccano il mercato e che hanno dissanguato i recenti bilanci rossoneri. Questo solo per segnalare che anche i migliori sbagliano, anche Galliani, caduto più volte ultimamente sotto la mira dei tifosi del Milan che ne hanno anche chiesto le dimissioni.
Ai tifosi chiedo un atto di fede: non deluderemo” le parole del DS rossonero per il suo compleanno. Insomma, il palmares di Galliani parla per lui, ma si sa, il perdono non è per sempre e si spera che possa ritrovare il vecchio entusiasmo per ripetere anche solo la metà di quello fatto in passato.

Luca Porfido

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending