Alex Rivolta
1 Comment

Juventus: mercato di prospettiva o addio sogno Champions

Pereyra, Romulo, Evra, Morata, queste le facce nuove arrivate per ora alla Juventus, nomi non altisonanti che ad alcuni fanno storcere il naso ma che potrebbero essere frutto di un progetto preciso

Juventus: mercato di prospettiva o addio sogno Champions
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Come se non bastassero gli strascichi legati all’addio del condottiero Antonio Conte e la nomina a nuovo allenatore del discusso Max Allegri, una grossa fetta dei tifosi della Juventus non sembra essere soddisfatta del mercato in entrata fatto fino ad ora dalla dirigenza, vari buoni giocatori ma nessun nome che faccia saltare sulla sedia.

POCHI SOLDI O SCELTA PRECISA? – La domanda è legittima, i bianconeri dopo l’addio di Conte hanno ingranato la marcia e stanno piazzando vari acquisti sul mercato, tutti giocatori senza nomi di grandissimo richiamo e che non hanno portato a grossi sborsi economici. Pereyra e l’imminente acquisto Romulo sono entrambi giocatori su cui si è deciso di puntare investendo in totale una cifra attorno ai 22 milioni che però verranno sborsati solo fra un anno essendo arrivati in prestito, Evra è arrivato a parametro zero dal Manchester United e il vero investimento fino ad ora è stato lo sfortunato Alvaro Morata, giovane di talento ma tutto da valutare pagato 20 milioni. Ciò che si nota è la volontà dei bianconeri di ringiovanire la rosa, per il 33enne Evra che entra, insieme a lui arrivano tre giocatori tra i 20 ed i 27 anni mentre sono stati ceduti tutti giocatori trentenni (Vucinic, Peluso e Quagliarella) e questo certamente è una nota positiva. Se – giustamente – non bastasse l’età, i giocatori arrivati, Romulo e Pereyra in primis, sono calciatori molto duttili che possono ricoprire svariati ruoli nello scacchiere della squadra permettendo al tecnico di avere più alternative tattiche.

Juventus: Carlos Tevez, unico "top player" arrivato sotto la gestione di Andrea Agnelli

Juventus: Carlos Tevez, unico “top player” arrivato sotto la gestione di Andrea Agnelli

L’OSSESSIONE PER IL TOP PLAYER – Queste motivazioni potrebbero comunque non essere sufficienti a placare gli animi, il tifoso juventino nonostante i trionfi italici del triennio appena concluso ha la forte volontà di vedere la sua squadra imporsi ai massimi livelli europei. A ben vedere però si tratta di uno scenario abbastanza complesso e di difficile realizzazione: la Juventus non ha la potenza economica per arrivare a certi profili e spesso si tende a dimenticare il fatto che il costo di un giocatore per la società non è solamente legato ai cartellini ma anche – soprattutto – all’ingaggio. I bianconeri sono la prima squadra italiana eppure possono permettersi al massimo 3-4 calciatori con ingaggi tra i 4 e i 5 milioni di euro netti, spiccioli per squadre come Real Madrid, PSG o Manchester City che fanno a gara a chi paga di più i giocatori anche grazie a dei fatturati decisamente superiori rispetto a quelli delle squadre italiane.

La scelta dunque di puntare su giocatori giovani e di prospettiva che sembra abbia intrapreso la Juventus è in controtendenza rispetto ai nomi dell’usato sicuro fra le big: solo il tempo dirà se questa scommessa sul lungo periodo si trasformerà in una strategia di successo oppure se sarà un flop.

Alex Rivolta

Share Button

One Response to Juventus: mercato di prospettiva o addio sogno Champions

  1. marco 29 luglio 2014 at 14:34

    Ciao a tutti, e grazie per l’opportunità; sono un tifoso JUVENTINO da più o meno 40 anni e,
    devo dire che la scelta della mia dirigenza di puntare sui giovani talenti anzichè sui top players già affermati mi trova concorde, anche perchè per vincere ci vuole FAME e se hai già “mangiato tanto” è ovvio che l’appetito diminuisce!! quindi ribadisco con forza bravi e continuate su questa strada; che i risultati sicuramente a medio termine ARRIVERANNO

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *