Giuseppe Landi
No Comments

Pagelle Gp Ungheria: Ricciardo show, Alonso commovente

Negli ultimi quattro giri il pilota della Red Bull sopravanza prima Hamilton, poi il ferrarista spagnolo, ottenendo il secondo successo in carriera

Pagelle Gp Ungheria: Ricciardo show, Alonso commovente
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Daniel Ricciardo conquista il Gran Premio d’Ungheria, che gli vale il secondo successo in carriera. Alle sue spalle un grande Fernando Alonso, capace di mettere dietro le due Mercedes di Hamilton (rimonta pazzesca) e Rosberg. Il ferrarista ha resistito al comando fino al terzultimo giro, quando ha dovuto lasciare la posizione al più veloce australiano della Red Bull.

LE PAGELLE DEL GP D’UNGHERIA

TOP:

Alonso 9,5 – Commovente. Il pilota spagnolo approfitta delle caratteristiche del tracciato ungherese, e di alcuni episodi, come l’ingresso della Safety Car, rendendosi protagonista di una grande gara e sfiorando addirittura la vittoria. Successo mancato a causa degli pneumatici ormai ridotti all’osso, ma in questo momento delicato che attraversa la Rossa è sicuramente ossigeno puro.

Hamilton 9 – Rimonta da urlo per il britannico. Partito dai box va subito lungo, ma poi riesce a rimediare giungendo addirittura sul podio. Rimontare su una simile pista non era affatto facile, ma per un pilota caparbio e sportivamente aggressivo niente è impossibile. Chapeau Lewis.

Dani Ricciardo, vincitore del Gp d'Ungheria

Dani Ricciardo, vincitore del Gp d’Ungheria

Ricciardo 9 – Partito quarto va a vincere al fotofinish. Una vittoria frutto soprattutto dell’ottima strategia del Team Red Bull, risultata azzeccata al contrario di quella adottata per il compagno Sebastian Vettel (sarà contento il tedesco?). Anche lui favorito senz’altro dagli ingressi della Safety Car. Guida pulita e ottima scelta di tempo, il futuro non può che essere suo.

FLOP:

Rosberg 5,5 – Parte davanti a tutti, ma non riesce a tenere la posizione. Al termine del giro 8 entra la Safey Car, ma è costretto a rientrare una tornata più tardi a causa del passaggio sul traguardo prima della vettura di sicurezza. A metà gara deve fare anche i conti con i freni posteriori che fumano. Nel finale prova una clamorosa rimonta, guadagnando sul trio d’avanti anche 4” a giro, ma non basta a sopravanzare almeno il compagno-rivale Hamilton.

Vettel 4,5 – Il campione del mondo non può e non deve essere contento per un 7° posto. Il tedesco non riesce ad approfittare di un Rosberg in affanno, perdendo delle posizioni all’ingresso della Safey Car. Rischia grosso nell’ultima curva che porta al rettilineo finale, sfiorando il muretto dei box. I suoi tifosi, che avevano sperato in un riscatto, soprattutto dopo l’eccellente sessione di qualifica, devono ricredersi.

Force India 4 – La scuderia indiana non porta nessuna delle due vetture sotto la bandiera a scacchi. Sia Perez che Hulkenberg infatti, escono di scena, causa anche l’asfalto umido. Prima è il pilota tedesco ad andare lungo, poi il compagno di Team nel 23° giro perde il controllo della sua vettura all’ultima curva e va a sbattere contro il muretto dei box. Dopo aver sorpreso tutti nei precedenti Gp, una giornata da dimenticare per la Force India.

Giuseppe Landi (@PepLandi)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *