Antonio Guarino
No Comments

Napoli: il punto tra mercato, nuovi arrivi e sogni di gloria

Presentata, oggi, la nuova maglia 2014/2015. Insigne, intanto, chiarisce: "Silenzio in rispetto di Ciro Esposito"

Napoli: il punto tra mercato, nuovi arrivi e sogni di gloria
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Col graduale rientro dalle vacanze dei reduci dal Mondiale (mancano ancora all’appello i soli Henrique, Zuniga, Mertens, Fernandez e Higuain), la stagione azzurra inizia ad entrare nel vivo e – in attesa dei primi impegni ufficiali – andiamo a vedere quali sono le principali novità in Casa Napoli.

AZZURRO VIVACE E COCCARDA IN VISTA – Oggi è stato il giorno della nuova maglia, ufficialmente svelata al pubblico nella cornice del Teatro Comunale di Dimaro. Modelli d’eccezione sono stati, per l’occasione, il capitano Marek Hamisk, Lorenzo Insigne e i due nuovi acquisti, l’attaccante spagnolo Michu e il difensore francese Koulibaly. Due le novità sostanziali della nuova divisa disegnata in stile Polo: la coccarda tricolore – cucita sul petto dopo la vittoria della Coppa Italia dello scorso 3 maggio – e il nuovo secondo sponsor, Pasta Garofalo. “Il nostro azzurro, pur mantenendo la tradizione, è diventato negli anni sempre più moderno”: questo il commento dell’Head of Operations, Alessandro Formisano, che promette novità anche per la terza maglia con cui – conclude il dirigente azzurro – “ci avvicineremo ancora al mondo della moda”.

NEMO PROPHETA PATRIA – A tenere banco, però, nel ritiro azzurro è il broncio con cui Lorenzo Insigne si è presentato ieri sul palco della piazza di Dimaro per la presentazione ufficiale della squadra ai tifosi. Il malumore mostrato al suo pubblico dallo Scugnizzo di Frattamaggiore – che anche in passato non è stato “tenero” con i sostenitori partenopei –  non ha di certo fatto felici i tanti presenti che, ieri sera, hanno gremito la piccola località trentina: il comportamento de “Il Magnifico” è stato, dapprima, accolto con qualche fischio, prontamente tramutatisi in cori di incitamento. Come se un padre, dopo aver sgridato un suo figlio, gli porgesse la mano per chiedergli “Cosa c’è che non va?”. La notizia è subito rimbalzata sui principali quotidiani e network televisivi dello Stivale, ma a spegnere qualsiasi polemica è stato, però, lo stesso fantasista azzurro che, proprio a margine della presentazione della nuova maglia del Napoli, interrogato sul tema ha dichiarato: “Dopo quanto accaduto in Coppa Italia non mi andava di dire nulla per la morte di Ciro, non ho nulla contro i tifosi”.

DA UNA PRESENTAZIONE ALL’ALTRA – E’ tempo di calorosi benvenuti in quel di Dimaro: prima della presentazione della squadra al pubblico e di quella della nuova divisa da gioco, era toccato al neo acquisto Michu – proveniente dallo Swansea  City, con cui ha realizzato 28 gol in 67 presenze totali – togliere la maschera e salutare i suoi nuovi tifosi. “Voglio restare qui a lungo e vincere tanto”: questo il pensiero del fantasista spagnolo, che è sembrato a suo agio di fronte ai microfoni dei giornalisti e non ha nascosto le sue ambizioni e i suoi obiettivi con la maglia del Napoli.

“CI GIOCHEREMO TUTTO” – Sempre scoppiettante, invece, il Presidente Aurelio De Laurentiis. Il patron, dopo essere uscito allo scoperto e aver fissato nello Scudetto l’obiettivo stagionale, è intervenuto durante la presentazione dello stesso Michu e ha riaffermato con maggior decisione il suo pensiero – “Dobbiamo lottare senza se e senza ma, al di là di come andrà bisogna puntarci” – e spegne le polemiche di questi giorni in merito ai suoi interventi su Mazzarri – “Non dico che altri non la pensavano così se no domani esce un altro titolo in prima pagina”.

IL MERCATO – La possibilità di successi del Napoli passa anche, e sopratutto, dagli intrecci del calciomercato. Sempre attivo il Ds Bigon, alla ricerca del mediano da regalare a Benitez che – a sua volta – ha richiesto un rinforzo entro il 6 agosto, in modo da poter preparare al meglio il preliminare di Champions, primo grande obiettivo stagionale. I nomi che circolano sono sempre gli stessi (da Suarez a Javi Garcia, finendo con Lucas Leiva e M’Poku), mentre – in uscita – il Milan continua ad essere interessato a Blerim Dzemaili, e sulla stessa falsariga il Torino insiste  per portare sotto La Mole il roccioso attaccante colombiano Duvan Zapata. La strategia di Cairo, stavolta, è cambiata: non più prestito con diritto di riscatto, bensì affondo per l’acquisizione definitiva del cartellino del giocatore.

IL RITIRO – In attesa di sapere quale sarà il nuovo tassello del suo Napoli, Rafa Benitez continua a lavorare sui campi di Dimaro. Stamattina seduta caratterizzata da una pioggia battente, mentre nel pomeriggio è previsto il replay: si lavora in vista di lunedì 28 luglio, quando il Napoli sarà atteso dal suo secondo test stagionale contro i greci del Kalloni.

Antonio Guarino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *