Enrico Steidler
No Comments

Federcalcic Park 2, la vendetta dei Veterosauri

E’ arrivato in tutte le sale il sequel del fortunato “L’isola degli Abetedàttili”, l’avventurosa tragicommedia surreale che ha appassionato e divertito gli spettatori di tutto il mondo (ma un po’ meno gli italiani)

Federcalcic Park 2, la vendetta dei Veterosauri
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ricordate il meteorite Ruiz-Godin e l’improvvisa scomparsa dell’Abetedàttilo? Avevate riso (e pianto) anche voi per l’indecorosa zuffa fra gli eredi dell’estinto super-predatore – i Veterosauri dell’indomabile Archeotavècchius – e i giovani cospiratori capitanati dall’Agnelliraptor spolpatore? E pure voi non vedevate l’ora di conoscere l’esito del confronto “fratricida” tra la seducente Barbaràtopa e l’astuto Gallianodonte? Bene, il seguito dell’appassionante avventura è stato trasmesso ieri pomeriggio in anteprima mondiale durante l’assemblea della Lega di Serie A, e ora tutti sanno com’è andata a finire: i Veterosauri hanno stravinto su tutta la linea conquistando 18 presidenti su 20. Solo Juventus e Roma, infatti, si sono schierate per il candidato dell’Agnelliraptor Demetrio Albertini (per saperne di più vedi il prequel “Vai avanti tu che a me viene da ridere”). Questo significa che Carlo Tavecchio, già forte dell’appoggio della Serie B, della Lega Pro e dei Dilettanti, è ormai sicuro di salire sul trono che fu di Giancarlo Abete: il prossimo 11 agosto, giorno stabilito per la solenne elezione del nuovo presidente della Figc, sarà per lui una pura e semplice formalità.

Demetrio Albertini

Demetrio Albertini

LARGO AI VECCHI – I “poveri” Raptor, quindi, battono in ritirata leccandosi le ferite: dalla loro parte sono rimasti solo i tecnici e i calciatori, e questo pur caloroso sostegno – che si assomma a quello dei media e di milioni di calciofili desiderosi di cambiamento ma privi del diritto di voto – non è sufficiente per conquistare lo scettro del potere e governare i destini del calcio italiano. I Grandi Elettori, superato per un attimo il rancore che da sempre li divide, si sono schierati compatti di fronte al nemico comune, e ora per Demetrio Albertini – il giovane ex vice Abete per 7 anni sostenuto dalla “specie” che da sempre imperversa sulla (Pen)Isola Perduta, gli Agnellosauri – non c’è più niente da fare. Hanno vinto i soliti noti, anzi hanno stravinto, e il “nuovo” che cercava di avanzare è naufragato miseramente. Un finale col “botto”, insomma, il sorprendente e degno epilogo di un’avventura che già aveva entusiasmato – e fatto ridere a crepapelle – il pubblico di tutto il mondo, spagnoli, inglesi, tedeschi e francesi in testa.

DULCIS IN FUNDO – Non solo, “La vendetta dei Veterosauri” è un trionfo del “made in Italy” sotto tutti gli aspetti. Il produttore e il distributore del film (ispirato a una storia maledettamente vera), infatti, sono rispettivamente Aurelio De Laurentiis e Massimo Ferrero, e dopo la fugace alleanza stretta per affossare Albertini i due loquaci presidenti sono subito tornati agli usi e costumi che da sempre contraddistinguono i dirigenti del calcio tricolore. “Ferrero? – ha dichiarato il numero uno del Napoli riferendosi al pari-grado blucerchiato – Un esercente, non un collega!”. Immediata la secca replica del “Viperetta”: “Senza Massimo Ferrero che ti mette il film nelle sale la tua commedia è inutile.

E va be’, che volete farci? Questa è l’Italia del calcio: vinciamo nella fiction, ma perdiamo nella realtà. D’altra parte, tutto non si può avere, vero Agnelliraptor?

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *