Massimiliano Riverso
No Comments

Nissan The Quest: Chi ha detto che il surf non possa essere uno sport urbano?

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo cinque anni passati a raccontare le sfide sportive più avvincenti, il format tv Nissan The Quest in onda su Sky arriva anche sul web, sul canale Youtube Nissan Italia dove è già disponibile il primo episodio “River Surf” e dove ogni settimana sarà possibile scoprire un nuovo episodio.

Venti episodi imperdibili danno vita alla sesta edizione di uno dei programmi più cool del momento fondato sul concetto di “What If?”.
Cos’è il “What If?” Mettere in discussione lo status quo e sperimentare tutte quelle idee folli che sembrano impossibili dando vita ad esperienze uniche e fuori dal comune.

Conduttori d’eccezione dell’edizione 2014 sono tre icone delle sport italiano: Jury Chechi, Antonio Rossi e Tonio Liuzzi, che vedremo spostarsi nel Vecchio Continente a bordo del nuovo Qashqai.

Come da tradizione i campioni olimpici Jury Chechi e Antonio Rossi hanno indossato i panni dei talent scout, setacciando l’Italia e l’Europa in lungo e in largo alla ricerca degli sport meno convenzionali e di veri e propri talenti che quotidianamente riscrivono le regole di ogni disciplina tradizionale.

A Tonio Liuzzi, ex pilota del tema Toro Rosso in F1, spetterà il compito di condurre il “What if? Break”, parte centrale di ogni appuntamento, durante il quale verranno passate in rassegna tutte le sfide alle convenzioni del mondo Nissan.

LA PRIMA PUNTATA

Chi ha detto che il surf non possa essere uno sport urbano?

Nella prima puntata di Nissan The Quest, la guest star è Giorgio Pietrangeli, pioniere del surf made in Italy sin dagli anni ’60, considerato da tutto il movimento del Bel Paese come una leggenda vivente di questo sport.

Pietrangeli ha scelto come palcoscenico della sua insolita impresa Monaco di Baviera, cuore economico della Germania situata ai piedi delle Alpi, famosa per l’Oktober Fest e per i numerosi affluenti del fiume Isar, uno dei quali è stato scelto dal protagonista come luogo della sua performance ai limiti dell’estremo.

L’Eisbach è da qualche anno il luogo d’incontro di una decina di surfisti che praticano il “River Surf”, cavalcando un’onda statica avente un’altezza media di circa 1 metro. Si tratta di un’onda piccola, ma incredibilmente tecnica e poco adatta ai principianti. Come racconta uno dei protagonisti, surfare in un fiume è possibile solo per pochi, anche per chi ha cavalcato le onde oceaniche. La differenza principale tra il river surf e il surf classico è che nei fiumi tale disciplina non convenzionale è molto simile allo skateboard e il tutto è reso complicato dal fatto che l’onda proviene dalla direzione opposta.

In qualsiasi posto del mondo, con un po’ di creatività, è possibile individuare situazioni idonee a praticare surf e il fiume Eisbach offre delle garanzie nonostante sia distante migliaia di chilometri dalle Hawaii.

Pietrangeli ha emulato i suoi colleghi usando una tavola di dimensione ridotte e appositamente progettata per adattarsi alle onde prodotte dal fluire dei fiumi nei periodi di piena. Dopo piccole difficoltà iniziali, la leggenda italiana è riuscita a domare la furia dell’onda, dimostrando come questa versione urbana del surf richieda una preparazione particolare e professionale.

C’è da dire che Nissan sa sempre come stupire, sia nel campo dell’automotive che dello sport. Non ci saremmo mai aspettati che il surf potesse essere praticato in luoghi così “anomali” come un fiume nel pieno centro di Monaco di Baviera, e siamo certi che gli altri episodi di Nissan The Quest non saranno da meno.

E voi cosa ne pensate di questa innovativa disciplina sportiva? Scrivete i vostri pareri e condivideteli con tutti gli altri “fanatici dell’unconventional” sulla pagina Facebok Nissan https://www.facebook.com/NissanItalia e sull’account Twitter https://twitter.com/Nissanitalia usando l’hashtag #NissanTheQUEST

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *