Antonio Casu
No Comments

Pagelle Tour de France: Nibali è uno Squalo, Valverde un falco

Il siciliano conquista anche l'Hautacam ed entra nella leggenda. Lo spagnolo tenta il colpo in gobbo in discesa, ma non riesce nell'impresa

Pagelle Tour de France: Nibali è uno Squalo, Valverde un falco
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ogni dubbio è ormai legato unicamente alla scaramanzia. Vincenzo Nibali conquista anche lHautacam, ottiene il quarto successo personale in questo Tour de France e ipoteca la maglia gialla, sempre più tatuata sulla sua pelle. L’unico a tentare di contrastarlo è il solito, inossidabile, Alejandro Valverde, che tenta una pazzia sull’ultima discesa di giornata, accompagnato da due gregari, ma lo Squalo mantiene il sangue freddo e annulla il suo tentativo. Tutti gli altri sono inermi, interessati unicamente a lottare per le posizioni di rincalzo.

Tour de France: Rafal Majka conserva la maglia a pois

Tour de France: Rafal Majka conserva la maglia a pois

LE PAGELLE DEL TOUR DE FRANCE | TAPPA 18 

TOP

Nibali 10 | Non ci sono più aggettivi per definirlo. Nibali corre da vero Squalo, divora con freddezza Valverde in discesa e azzanna poi tutti gli altri non appena inizia l’Hautacam. Dieci chilometri di poesia sportiva, l’unico avversaria è stata la strada stessa. Il Cannibale dal cuore tenero ha conquistato tutti, persino i francesi.

Majka 8 | Dopo aver conquistato due tappe, aveva un solo obiettivo: gestire la maglia a pois. Ci riesce, ma che fatica. Nibali avrebbe potuto sfilargliela con i punti presi sull’Hautacam, ma lui prova ad inseguirlo, viene ripreso da Pinot, Peraud e Van Garderen  a pochi chilometri dal traguardo, non demorde e arriva terzo in volata. La maglia è salva, questo è anche il suo Tour.

Pinot 7 | Nibali è un alieno, lui è il primo degli umani. Stacca con forza Valverde, prova a fare lo stesso con Peraud, ma lo scalatore dell’Ag2R è un cagnaccio e molla la sua ruota solo a pochi metri dal traguardo. Ora è secondo nella generale, i francesi festeggiano, ma non è ancora finita.

FLOP 

Valverde 5,5 | I Pirenei sono il suo terreno, ma si è visto solo in discesa. Tenta un attacco d’altri tempi nel momento in cui la strada scende giù veloce, è un falco astuto e leggiadro, ma Nibali annulla il suo tentativo. Sull’Hautacam le ali si spezzano e lui non ne ha più: perde il secondo posto (ora è quarto), ma salva l’onore, come sempre.

Rojas 4 | Che cosa combina un velocista in una frazione con arrivo in salita? Fa di tutto per arrivare sano e salvo al traguardo, con mezzi più o meno leciti. In tappe del genere, i giudici di gara chiudono un occhio quando qualcuno cerca di sfruttare la scia delle ammiraglie, ma lui esagera e “purtroppo” l’altro occhio è rimasto aperto. Conseguenza? Beccato, e scatta la squalifica per lui.

Il solito fenomeno 0 | Essere sull’Hautacam in una giornata del genere, ad assistere alle gesta del re Nibali, è il sogno di un qualunque appassionato di ciclismo. Sogno di tutti, meno che di una ragazza più interessata a farsi dei selfies e sorridere alla telecamera. Nibali è protagonista di una cavalcata leggendaria, ma lei rimane di spalle quasi in mezzo alla strada. Per poco Nibali non le finisce addosso. La prossima volta è consigliabile che resti a casa, possibilmente davanti ad una webcam, visto il suo amore per l’obiettivo.

Antonio Casu

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *