Enza Maugeri
No Comments

Napolitano sulle riforme “non si miri a un nuovo nulla di fatto”

“Non si evochi lo spettro di autoritarismi” sulla riforma del Senato

Napolitano sulle riforme “non si miri a un nuovo nulla di fatto”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Per Napolitano le priorità sono l'occupazione e la crescita

Per Napolitano le priorità sono l’occupazione e la crescita

Il presidente Napolitano, durante la cerimonia di consegna del Ventaglio al Quirinale, ha commentato la necessità che sulle riforme “non si miri a un nuovo nulla di fatto”. Il Capo dello Stato oltre a difendere le riforme, cerca di bloccare le accuse del M5S che parlano di “svolta autoritaria” del governo. “Non si agitino spettri di insidie e macchinazione di autoritarismo” sulla riforma del Senato, questo chiede il presidente della Repubblica.

NIENTE SPETTRI DI AUTORITARISMO- Per Napolitano è fondamentale “superare l’estremizzazione dei contrasti e del dissenso” sulle riforme. Un’estremizzazione che definisce “ingiusta e rischiosa”. Risponde poi così alle accuse di autoritarismo mosse da M5S a questo governo, “Non si agitino spettri di insidie e macchinazioni autoritarie e non si miri a un nuovo nulla di fatto. Sulle riforme la discussione è stata libera, estremamente articolata, non c’è stata improvvisazione o improvvisa frettolosità”. Inoltre, il Capo dello Stato chiede maggiore cooperazione e mediazione a tutte le forze politiche, “perché senza ampie convergenze ci troveremmo ancora una volta davanti al naufragio della revisione della seconda parte della Costituzione”. Il tema delle riforme ribadisce “è un impegno di cui il governo Renzi si è fatto iniziatore su mandato dello stesso Parlamento, che si espresse a schiacciante maggioranza nel maggio 2013”.

“PRIORITÀ OCCUPAZIONE GIOVANILE E CRESCITA”- Napolitano indica come “priorità” di ogni riforma: l’occupazione, soprattutto giovanile e la crescita del Paese. Nel corso della cerimonia, ha ricordato che la ripresa dell’economia italiana ed europea “è tuttora incerta” ed è legata a “riforme strutturali”. Infatti, per il presidente della Repubblica “la riforma dell’assetto parlamentare non è meno importante delle riforme del mercato del lavoro e della spesa pubblica”. Poi rivolgendosi ai giornalisti precisa che resterà al suo posto, per garantire la continuità istituzionale nel semestre di presidenza italiana dell’Ue. “Non esercitatevi in premature e poco fondate ipotesi e previsioni. Io sono concentrato sull’oggi e ho ritenuto opportuno e necessario garantire la continuità ai vertici dello stato nella fase così impegnativa del semestre italiano di presidenza europea”.

NAPOLITANO AFFRONTA I FATTI DI CRONOCA- Nel corso del suo intervento, Napolitano ha trattato anche i recenti fatti di cronaca. “Spontaneo e profondo è l’orrore che suscitano in ogni persona sensibile notizie e immagini come quelle delle stragi di disperati, adulti, donne, bambini, nei nostri mari”. Parla anche della guerra a Gaza, “dei tanti incolpevoli e inermi uccisi nei bombardamenti di Gaza in una spirale di uso indiscriminato della forza, di cui è innegabilmente parte il fittissimo lancio di missili su Israele”, conclude il Capo dello Stato.

Enza Maugeri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *