Jacopo Rosin
No Comments

Borini rifiuta il Sunderland: Inter e Juve alla finestra

Rifiutato il trasferimento con i Black Cats, l'ex attaccante della Roma vuole restare ad alti livelli e potrebbe anche ritornare in Italia

Borini rifiuta il Sunderland: Inter e Juve alla finestra
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Fabio Borini è a cacca del suo futuro. L’attaccante, classe ’91, sembrava ormai vicinissimo al suo definitivo passaggio al Sunderland dove aveva giocato nella scorsa stagione in prestito dal Liverpool, segnando 7 gol in Premier League e 3 nelle coppe nazionali. I Black Cats avevano deciso di riscattare il cartellino di Borini versando nelle casse dei Reds 14 milioni di Sterline, circa 17 milioni di Euro. Il Liverpool aveva dato il via liera alla cessione dell’ex attaccante di Parma e Roma che però, all’ultimo momento, ha bloccato tutto, rifiutando il traferimento.

Borini, festeggiato dopo il gol decisivo contro il Chelsea

Borini, festeggiato dopo il gol decisivo contro il Chelsea

RISVOLTI – L’importante cifra che il Sunderland era intenzionato a spendere per Fabio Borini rapprenta una bella rivincita per il giocatore, troppo spesso scaricato dai club di appartenenza, nonostante le ottime stagioni fin qui disputate in carriera. Passato ai Reds nell’estate del 2012 per circa 14 milioni di Euro, dopo la bella annata in Serie A con la maglia giallorossa, Borini non è riuscito a confermarsi agli stessi livelli mostrati nella Capitale, anche a causa di due brutti infortuni – soprattutto il primo – che ne hanno condizionato la prima stagione ad Anfield. La Kop, però, l’ha sempre sostenuto, trattasi infatti di una tifoseria che apprezza chi in campo scende con l’armatura, più che in calzoncini e scarpette. Borini è quel genere di lottatore: un attaccante che gioca e si sacrifica per la squadra, non dimenticandosi di fare gol quando se ne presenta l’occasione. La salvezza che il Sunderland ha ottenuto nella stagione scorsa è anche merito della grinta di Borini, con i suoi gol decisivi e pesanti nei matches chiave – gol vittoria allo Stamford Bridge contro il Chelsea – festeggiati con il consueto coltello tra i denti. Borini, però, vorrebbe poter tornare a competere a livelli più alti, ecco perchè sembra intenzionato a convincere Brendan Rodgers a tenerlo nella rosa del Liverpool, in vista della nuova stagione di Premier.

MERCATO – A quanto pare però, I Reds avrebbero già in mano l’attaccante del QPR, Loïc Rémy, trattativa che si sbloccherebbe ufficialmente solo con la partenza di Borini. Ecco perchè potrebbero esserci nuovi risvolti di mercato per l’attaccante emiliano che non disdegnerebbe un ritorno in Italia se dovesse presentarsi l’occasione giusta, anzi. Su di lui sembrano essere puntati i cannocchiali di Inter e Juventus, con i nerazzurri in cerca di una punta per rinforzare il reparto offensivo di Mazzarri, apparso già povero di soluzioni nello scorso campionato, con i soli Palacio e Icardi come giocatori di livello. La Juventus, invece, ha sempre manifestato il suo gradimento per Borini, già sondato in passato. La rivoluzione in panchina con l’abdicazione di Conte e l’arrivo di Max Allegri, più la conclusione positiva dell’affare Morata, però, obbligano la società bianconera a rivalutare i piani di mercato precedenti; Borini resta un giocatore gradito, ma il reparto juventino al momento sembra completo. Comunque, il prezzo è praticamente già stato fissato: 14 milioni di Sterline, cifra che il Liverpool aveva accettato dal Sunderland. Non è da escludere comunque un’eventuale riduzione del costo del cartellino, anche in considerazione di una pressione dello stesso giocatore sulla società inglese per tornare in Italia e dell’intenzione mai celata dei Reds di venderlo, o magari, arrivando a lui con una possibile modifica della formula di trasferimento: prestito con diritto/obbligo di riscatto invece che una cessione definitiva, opzione alternativa sempre molto gratita alle povere casse dei club italiani.

Jacopo Rosin (@JacopoRosin)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *