Antonio Casu
No Comments

Tour de France: Majka eroe del giorno, Nibali ancora il più forte

Il ciclista polacco della Tinkoff-Saxo vince la seconda e ultima tappa alpina. Lo Squalo consolida la maglia gialla

Tour de France: Majka eroe del giorno, Nibali ancora il più forte
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

È l’eroe che ti aspetti, è l’eroe che al Tour non ci sarebbe neanche dovuto andare. Rafal Majka, scalatore ventiquattrenne della Tinkoff-Saxo, ha vinto la seconda ed ultima tappa alpina del Tour de France, partita da Grenoble e arrivata a Risoul. Dietro il polacco si è piazzato il solito Vincenzo Nibali, che batte in volata il francese Peraud e consolida la maglia gialla, sempre più salda sulle sue spalle.

Vincenzo Nibali, leader della classifica generale del Tour de France

Vincenzo Nibali, leader della classifica generale del Tour de France

LA FUGA DELLE GRANDI FIRME – La frazione odierna era tra le più prestigiose della corsa gialla (sono stati scalati, tra gli altri, il Col du Lautaret e il Col d’Izoard). I cacciatori di fughe di giornata sono stati di conseguenza nomi prestigiosi, in avanscoperta per motivi diversi (chi per una tappa, chi per la maglia a pois). Il gruppo di fuggitivi vantava nomi del calibro di Sagan, De Marchi, Purito Rodriguez, Majka e Roche. In testa al gruppo è l’Astana di Nibali a fare l’andatura, non spinge sull’acceleratore, ma, nonostante ciò, i primi non riuscono a guadagnare più di quattro minuti circa.

LA SCREMATURA FINALE E L’IMPRESA DI MAJKA – Poche eccezioni a parte, il gruppo non si è scremato in modo rilevante fino all’ultima salita di giornata. Arrivati a nove chilometri dal traguardo con poco più di un minuto di vantaggio, non sembravano esserci speranze per i fuggitivi, ma qualcuno ci crede e tenta comunque l’impresa. Il primo a tentare di smuovere le acque è De Marchi, seguito a ruota da Rodriguez e Majka. È proprio il giovane polacco a fare la differenza, riuscendo persino a guadagnare qualche secondo sul gruppo. Nibali intanto controlla agevolmente la corsa, non sembra aver rivali e scatta a quattro chilometri dal traguardo, seguito coraggiosamente da Peraud. Valverde, secondo della generale, non è invece in giornata e viene staccato da Bardet e gli altri protagonisti della generale. Lo spagnolo della Movistar arriverà al traguardo con un minuto di ritardo da Nibali. Majka completa la sua impresa con la forza del cuore, più che delle gambe, tenendo a debita distanza il ritorno (in realtà poco convinto) di Nibali, che arriva secondo al traguardo. Terzo Peraud, quarto Pinot, quinto Bardet. Domani giornata tranquilla al Tour: sarà una tappa per velocisti.

Antonio Casu

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *