Giuseppe Landi
No Comments

Juventus, Allegri: “Pirlo un campione, Morata mi piace”

L'ex tecnico del Milan, dopo aver firmato un contratto biennale con la Vecchia Signora, si presenta alla stampa

Juventus, Allegri: “Pirlo un campione, Morata mi piace”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Massimiliano Allegri è il nuovo allenatore della Juventus. In programma alle ore 15, allo Stadium, la conferenza stampa di presentazione, dopo che l’ex tecnico del Milan ha firmato un contratto biennale a 2 milioni di euro a stagione più eventuali bonus. Allegri sostituisce il dimissionario Antonio Conte, che lascia i bianconeri dopo tre stagioni ricche di successi.

RIVIVI LA CONFERENZA LIVE CON SPORTCAFE24

15.05: Beppe Marotta e Max Allegri sono entrati nella sala stampa dello Juventus stadium

Marotta: Conte è un allenatore che ha dato tantissimo alla Juventus ed è un vincente, a lui riserviamo i migliori auguri

Marotta: Abbiamo dovuto agire in fretta visto l’inizio della stagione e reputiamo che Max Allegri sia il profilo ideale per continuare a vincere. Ha sempre vinto al primo anno i campionati a cui ha partecipato con Sassuolo in B e Milan in A

Allegri: è stato un onore oltre che un fulmine al ciel sereno. Da domani inizierò a lavorare con la squadra per andare incontro a una stagione importante e vincente. Sono stato chiamato qui perchè la Juve è una società con storia e tradizione che vuole costruire il presente e il futuro.

D: Oltre alla responsabilità c’è anche emozione in lei?

Allegri: Sono emozionato e arrugginito per le conferenze stampa che non faccio da sei mesi. E’ un onore e uno stimolo importante

D: Mister attorno a lei c’è lo scetticismo dei tifosi, come conquistarli?

A: Capisco lo scetticismo legato anche allo stravolgimento improvviso della guida tecnica, l’unico modo per conquistare i tifosi è con il lavoro e la professionalità per continuare a vincere.

D: Questa squadra è pronta per arrivare in fondo in Champions League? 

A: Bisognerà migliorare in champions, la società ha una strategia oculata per rinforzare la squadra per renderla competitiva sia in Italia che in Europa

Domanda a Marotta: Ha definito straordinario il rapporto nei tre anni con Conte, ma nelle ultime ore come è stato il confronto col tecnico?

Marotta: Noi abbiamo fatto di tutto per trattenerlo, sia io che Nedved che Agnelli. Ma la sua idea era diversa e dopo il primo giorno di raduno ci siamo re-incontrati e Conte ha manifestato di nuovo il suo disagio nel proseguire sulla panchina bianconera e abbiamo deciso di interrompere il rapporto.

Domanda ad Allegri: Come si evolverà la situazione con Pirlo?

A: Con Pirlo non mi sono sentito, Andrea è un campione che nell’ultimo anno con il Milan ha subito una serie di infortuni e ha fatto fatica a rientrare. Ma come ho spiegato tante volte la società Milan e il giocatore hanno deciso di interrompere il rapporto. Tra me e Andrea non ci sono mai stati problemi e non ho mai messo in discussione il suo valore, altrimenti sarei un matto.

D: La Juventus ha bloccato Patrice Evra cosa ne pensa del calciatore?

A: Evra è un giocatore di caratura internazionale e non si discute come non si discute il progetto tecnico della Juventus che era già imbastito prima del mio arrivo. Io non ho intenzione di stravolgerlo ma semplicemente metterò del mio per migliorarlo senza però ripeto, stravolgere un progetto vincente.

D: Come vede Pirlo, da mezzala o da regista? vuole continuare con la difesa a 3?

A: Il ruolo di Pirlo è davanti alla difesa nonostante io quattro anni fa lo abbia utilizzato anche da mezzala perchè come ha dimostrato nel mondiale poteva ricoprire anche quel ruolo ma ora è una situazione diversa. Io voglio creare i presupposti per vincere e mi baso sugli uomini che ho a disposizione poi la difesa a 4 è una variante tattica possibile.

Domanda a Marotta: E’ vero che alcuni giocatori han chiesto un confronto?

M: No è una falsità, semplicemente abbiamo informato i giocatori che era finito il rapporto con Conte. Il rapporto con i nostri giocatori è schietto e basato sulla fiducia reciproca, sono dei professionisti. Un confronto più analitico con i giocatori si farà quando torneranno dalle vacanze

Domanda ad Allegri: Ha già visto la squadra?

A: No perchè sono venuto direttamente qui, stasera li incontro e da domani si comincia a lavorare.

Marotta: Dopo la conferenza andremo a Vinovo e avremo il primo confronto con la squadra.

 M: Vidal è un giocatore della Juventus che ci è stato chiesto ma mai messo in vendita. E’ uno dei principali attori di questa squadra e non abbiamo intenzione di perderlo, però sapete che la linea deve essere comune con la volontà del giocatore che comunque ieri ha manifestato la sua volontà di stare qui.

Allegri: Vidal e Pogba sono due giocatori di livello internazionale, importanti per la Juve e sono felice di allenarli

D: Come si è arrivati ad Allegri e non ad altri profili come Mancini?

Marotta: Quando è stato certo l’addio di Conte abbiamo cercato un profilo simile, un vincente e per noi l’ideale era Allegri

Allegri: Noi dobbiamo continuare a vincere in campionato e migliorare in Champions anche se non sarà facile

Domanda ad Allegri: Cosa ne pensi di Morata?

A: è un giovane del Real Madrid e un potenziale campione, posso dare solo un giudizio positivo

Domanda a Marotta: Cosa può dirci di Iturbe?

M: Abbiamo avuto dei confronti col Verona ma la cosa via via si è spenta e ora abbiamo obiettivi differenti con la nuova guida tecnica.

15.36: Marotta e Allegri lasciano la sala stampa

A cura di Giuseppe Landi (@PepLandi) e Alex Rivolta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *