Alex Rivolta
No Comments

Juventus, parla Llorente: “Morata ha fatto grandi cose a Madrid. Conte un grandissimo”

Al via con le visite mediche di rito il ritiro estivo della Juventus, quarto e forse ultimo anno con Antonio Conte sulla panchina. Intanto in conferenza stampa ha parlato Fernando Llorente

Juventus, parla Llorente: “Morata ha fatto grandi cose a Madrid. Conte un grandissimo”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

17.00 – Fernando Llorente ha parlato in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni.

Sul Mondiale: “Credo sia stato emozionante fino alla fine, avrebbe potuto vincerlo chiunque. La Germania comunque ha meritato, ha fatto il miglior campionato di tutti, complimenti a loro. Io ho tifato per i miei compagni, mi dispiace che sia andata così. Ora impareremo da questa lezione che ci ha dato il calcio”.

Sulla conferma in bianconero: “Rimanere qui è qualcosa di incredibile, sono molto contento, speriamo che possa fare ancora una grande stagione”.

Su Morata: “E’ un giocatore classe ’92, molto giovane, che ha già fatto delle grandi cose a Madrid. Non ha giocato tantissimo, ma in una squadra come il Real non è facile per nessuno. Di mercato si occupano Marotta e la società, vedremo se arriva. Se mi ha chiamato? No ancora no”.

Sul 4-3-3: “Per me non cambia nulla, conta aiutare la squdra, farò quello che mi dice il mister. Dobbiamo lavorare tanto negli allenamenti, per vedere il modulo da usare”.

Sul 4-3-3 in Champions: “Bisogna avere la possibilità di giocare in altri modi. Dobbiamo lavorare in allenamento per vedere se cambiando sistema siamo ugualmente forti”.

Sulla Champions: “Confermarsi ancora in Serie A sarebbe importantissimo, è un campionato davvero difficile. Lo scorso anno abbiamo sofferto tantissimo, anche con squadre piccole. Ci sono squadre come la Roma, il Napoli, il nuovo Milan di Inzaghi, l’Inter, è un campionato molto difficile, quindi per noi sarà importante confermarci come i migliori”.

Sulle big europee: “Non ho paura, e’ vero che le altre grandi squadre spendono tanti soldi per i migliori giocatori, ma ci sono anche squadre tipo l’Atletico Madrid che vincono senza spendere tanti soldi. Dobbiamo seguire questo esempio, potrebbe essere per noi una bella strada”.

Sullo Scudetto o la Champions: “Non è giusto preferire una competizione ad un’altra. Dobbiamo concentrarci sul campionato, riuscendo a fare bene anche in Champions”.

Sull’Italia: “Mi dispiace, credo potesse arrivare più lontano. La partita contro l’Uruguay è stata molto equilibrata, si è risolta solo con un gran gol di testa di Godin. L’Italia ha avuto le occasioni per vincere, ma il calcio è così”.

Sul morso di Suarez: “Non è la prima volta, non va bene. Se è stato pagato quella cifra è perchè è un grandissimo giocatore”.

Su Conte in scadenza di contratto: “Anche altre volte ho giocato in squadre con allenatori in scadenza. In Italia siete abituati al fatto che un allenatore deve avere tanti anni di contratto, ma il mister magari rinnova in questa stagione. Conte è un grandissimo allenatore, darà tutto per la squadra come ha fatto sempre”.

Giuseppe Landi (@PepLandi)

Antonio Conte, la sua Juventus in Europa stenta

Antonio Conte, quarto anno sulla panchina bianconera

Dopo Milan e Inter è arrivato il momento dell’inizio del ritiro estivo dei campioni d’Italia della Juventus, un ritiro che parte fra tante incognite e novità di mercato.

CONTE IV – Sarà il quarto anno sotto la guida tecnica di Antonio Conte e forse anche l’ultimo visto che il tecnico leccese per ora non ha rinnovato il contratto in scadenza fra dodici mesi. Sul finire della scorsa stagione sembrava che l’addio potesse già arrivare con un anno d’anticipo e invece l’allenatore ha deciso di proseguire per almeno un’altra stagione con l’obiettivo di confermarsi in Italia e soprattutto migliorarsi notevolmente in Europa.

RIVOLUZIONE MERCATO – Conte non ha mai nascosto la stanchezza di molti uomini della sua rosa e di conseguenza la necessità di cambiare una grossa fetta della rosa per evitare il rischio di ritrovarsi con un parco giocatori stanchi e sazi dai tre scudetti consecutivi dell’ultimo triennio. Proprio su questa linea si sta muovendo Beppe Marotta che sta sfoltendo e ringiovanendo la squadra soprattutto nel reparto d’attacco: via i trentenni Vucinic (finito in Arabia) e Quagliarella (conteso fra Torino e Verona) dentro gli under 23 Morata e Iturbe entrambi a un passo dall’ufficialità che dovrebbe arrivare nelle prossime ore. Non solo giovani ma anche uomini di enorme esperienza europea come il neo-acquisto Patrice Evra che si renderà utile sia nello spogliatoio che come terzino nella nuova difesa a 4 altra grande novità della stagione alle porte.

352 o 433? – Come dicevamo il modulo sarà una delle principali novità della prossima stagione, l’idea del tecnico sembra quella di voler passare al 433 dopo tre annate con il 352 che tanto bene ha fatto tra i confini nazionali e che poco ha convinto in Europa. In questa ottica vanno viste le operazioni Evra e Iturbe ma anche i forti interessamenti per giocatori come Pereyra dell’Udinese, Sanchez ormai obiettivo sfumato visto il trasferimento all’Arsenal e Antonio Candreva, tutti calciatori che ben si adattano a questo tipo di modulo. Improbabile che Conte decida di abbandonare totalmente la difesa a 3 – soprattutto non se ne vedrebbe il motivo – però è necessario avere delle varianti tattiche che sia dall’inizio che a partita in corso possano modificare l’assetto della squadra in base all’avversario.

PARLA IL RE LEONE – Dalle 11 di questa mattina sono cominciate le visite mediche dei convocati ad eccezione ovviamente dei nazionali impegnati fino a pochi giorni fa al mondiale oltre agli esclusi De Ceglie e Quagliarella in procinto di essere ceduti. Primo fra tutti a tornare a Vinovo è stato Fernando Llorente che, ansioso di cominciare la stagione, già dalla scorsa settimana si è allenato in solitaria con un preparatore atletico. Grande voglia e spirito di sacrificio da parte del Re Leone che dopo l’ottima annata di debutto punta a migliorarsi e oggi inaugurerà in conferenza stampa la stagione bianconera alle ore 16.

Alex Rivolta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *