Redazione

L’Italia domina l’Inghilterra, la batte ai rigori e vola in semifinale

L’Italia domina l’Inghilterra, la batte ai rigori e vola in semifinale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

KIEV (UCRAINA), 24 GIUGNO – L’Italia batte l’Inghilterra ai calci di rigore per 4 – 2 e si qualifica per la semifinale dove incontrerà la Germania in quella che per i tedeschi è la rivincita della semifinale del Mondiale del 2006. La gara ha visto il dominio completo degli uomini di Prandelli che non sono riusciti a sbloccare il risultato a causa delle tante occasioni sbagliate ma che hanno dato dimostrazione di essere in decisa crescita, come già intuito nelle ultime 2 partite del girone contro Croazia e Irlanda. L’inghilterra ha deluso le attese, pensando quasi esclusivamente a difendersi, ed ha peccato di freddezza nei rigori decisivi uscendo quindi meritatamente dalla massima manifestazione continentale.

LA PARTITA – Gli schieramenti di partenza confermano le previsioni della vigilia con Welbeck che affianca Rooney nell’attacco degli inglesi mentre nell’Italia Montolivo è preferito a Thiago Motta come quarto di centrocampo alle spalle delle due punte Balotelli e Cassano. La prima emozione giunge al terzo minuto quando De Rossi calcia da quasi 30 metri di sinistro e colpisce in pieno il palo con il portiere inglese battuto. Passano due minuti e questa volta la grande occasione è per Johnson che riceve un centro rasoterra dalla destra e calcia in porta ma Buffon compie un mezzo miracolo ribattendo con la mano aperta la conclusione del difensore britannico. Con il passare dei minuti la squadra di Hodgson cresce e schiaccia gli azzurri nella loro area e al tredicesimo Parker ci prova al volo da fuori area, su respinta di pugni di Buffon, ma il suo tentativo non trova la porta e un minuto dopo è Rooney che di testa manda alto da buona posizione. La nostra nazionale riesce ad allentare la pressione degli avversari e il confronto diventa equilibrato senza che però ci siano da registrare grandi pericoli per le porte difese dai due estremi difensori. Bisogna infatti attendere il venticinquesimo per vedere un’azione pericolosa che arriva per merito di Pirlo che lancia alla perfezione Balotelli che evita il fuorigioco ma cincischia troppo e si fa recuperare da Terry quando si trovava ormai solo davanti ad Hart. Clamorosa l’occasione non concretizzata dall’attaccante del Manchester City che ha dimostrato ancora una volta come la zona centrale della terza linea inglese sia facilmente perforabile se presa in velocità. Al trentaduesimo è sempre Balotelli ad avere una buona opportunità ma la sua conclusione è bloccata da Hart mentre pochi secondi più tardi sull’altro fronte va al tiro Welbeck che cerca di piazzare la palla ma fortunatamente sbaglia la mira e la sfera termina alta sulla traversa. Sul finire del tempo l’Italia cresce e assume la supremazia a centrocampo. Ci prova Cassano al trentottesimo ma il portiere inglese blocca in due tempi e poi al quarantunesimo altra grande occasione per Balotelli che raccoglie un assist di testa dello stesso Cassano e da due passi manda clamorosamente alto sulla traversa. Sono le ultime occasioni del primo tempo che termina senza recupero sul risultato di 0 – 0 con gli azzurri che possono recriminare per le numerose occasioni da rete non concretizzate.

Nella ripresa dopo tre minuti altra clamorosa occasione per gli uomini di Prandelli: su azione di calcio d’angolo la difesa respinge, il pallone viene rimesso in area e De Rossi, solo a due passi dalla porta, manda a lato da ottima posizione. Al cinquantaduesimo ancora una grandissima opportunità per la nostra Nazionale con Hart che si supera su due tentativi consecutivi di Pirlo e Balotelli e poi, sulla seconda ribattuta, Montolivo calcia da distanza ravvicinata ma il pallone termina di poco alto sulla traversa. Netta la supremazia degli azzurri in questo avvio di seconda frazione ma è evidente il rimpianto per le numerose occasioni da rete non concretizzate, che avrebbero consentito all’Italia di ottenere un vantaggio che sarebbe assolutamente meritato. Al quarto d’ora Hodgson cerca di dare più incisività al suo reparto avanzato inserendo Carroll e Walcott in luogo di Welbeck e Milner e la mossa del ct inglese consente alla sua squadra di guadagnare campo e di avere un’occasione al sessantacinquesimo con Young che, dopo alcuni rimpalli, tira da dentro l’area ma un difensore devia la palla in angolo. Con il passare dei minuti la stanchezza comincia a farsi sentire nelle gambe degli azzurri e gli inglesi poco alla volta riescono ad avanzare il baricentro del gioco e a soffrire di meno il gioco dell’Italia, che cala fisiologicamente di intensità. Al settantasettesimo una punizione di Gerrard dalla tre quarti non viene toccata da nessuno e si rivela insidiosa ma Buffon blocca con sicurezza e un minuto dopo Prandelli prova la carta Diamanti al posto di Cassano mentre all’ottantesimo alza bandiera bianca De Rossi, per un problema muscolare, che viene rimpiazzato da Nocerino. All’ottantunesimo ci prova anche Diamanti ma la sua conclusione da fuori area è bloccata con sicurezza dall’estremo difensore inglese e all’ottantottesimo perfetto inserimento di Nocerino, servito da Montolivo, ma il tiro del centrocampista del Milan viene ribattuto da un difensore. E’ l’ultima azione pericolosa del secondo tempo che termina a reti bianche e porta quindi le due squadre ai tempi supplementari lasciando molto amaro in bocca all’Italia per le numerose occasioni da rete gettate al vento.

L’Italia entra in campo decisamente convinta nel primo tempo supplementare e riprende a premere e al novantatreesimo Nocerino cerca la botta dal limite ma la sfera termina alta sulla traversa della porta difesa da Hart. Diversi uomini di Prandelli hanno problemi fisici ma la nostra Nazionale continua a premere e Balotelli ci prova due volte: prima al novantaseiesimo non aggancia di un niente un perfetto lancio di Pirlo e poi al novantanovesimo impegna il portiere inglese che blocca in due tempi. Ma la grande occasione arriva al centoduesimo quando Diamanti cerca un lancio verso Nocerino ma la sfera, non toccata da nessuno, finisce la sua corsa sul palo alla destra dell’estremo difensore di Hodgson. Secondo legno colpito dagli azzurri e porta avversaria che sembra proprio stregata. Nel secondo tempo supplementare l’Italia domina ancora la scena cercando di segnare la rete che garantirebbe la semifinale e al centoquindicesimo Nocerino raccoglie un cross di Diamanti e mette in rete di testa ma l’arbitro annulla su corretta segnalazione di fuorigioco del guardalinee. E’ l’unico sussulto del secondo tempo supplementare che si conclude senza reti e costringe le due contendenti ai calci di rigore per decidere chi incontrerà in semifinale la Germania.

Ai rigori comincia L’Italia con Balotelli che insacca nonostante Hart abbia intuito il tiro del suo compagno di club. Tocca poi a Gerrard che fa centro e poi è la volta di Montolivo che non trova la porta calciando a lato alla destra del portiere inglese. Va poi sul dischetto Rooney che non sbaglia, spiazzando Buffon, mentre Pirlo segna con un cucchiaio, dimostrando una freddezza da campione. Young tira una gran botta che si spegne contro la traversa prima che Nocerino riporti in vantaggio l’Italia con un’esecuzione perfetta. E’ poi il turno di Cole che si fa parare il tentativo da Buffon e poi Diamanti non sbaglia e manda l’Italia in paradiso.

LE PAGELLE DI SPORTCAFE24.COM

UOMO PARTITA SPORTCAFE24.COM – BUFFON 7,5 – Compie solamente due interventi in tutto l’incontro ma sono entrambi decisivi perchè, dopo pochi minuti, salva il risultato su conclusione da distanza ravvicinata di Johnson e poi para il rigore decisivo di Cole. Si conferma uno dei più grandi portieri del mondo e il leader della nostra Nazionale oltre che il degno capitano di un gruppo a cui ogni traguardo, a questo punto, non è più precluso.

TABELLINO:

Rigori: Balotelli (goal), Gerrard (rete), Montolivo (fuori), Rooney (rete), Pirlo (rete), Young (traversa), Nocerino (rete), Cole (parato), Diamanti (rete)

INGHILTERRA 2

ITALIA 4

LE FORMAZIONI

INGHILTERRA (4-4-2): Hart; Johnson, Terry, Lescott, Cole; Milner (60′ Walcott), Gerrard, Parker (94′ Henderson), Young; Welbeck (60′ Carroll), Rooney A disp.: Green, Butland, Kelly, Baines, Jones, Jagelkia, Henderson, Downing, Oxlade-Chamberlain, Walcott,Carroll, Defoe All.: Roy Hodgson

ITALIA (4-3-1-2): Buffon; Abate (90′ Maggio), Barzagli, Bonucci, Balzaretti; De Rossi (80′ Nocerino), Pirlo, Marchisio; Montolivo; Balotelli, Cassano (78′ Diamanti) A disp.: Sirigu, De Sanctis, Chiellini, Ogbonna, Maggio, Motta, Giaccherini, Giovinco, Nocerino, Di Natale, Borini, Diamanti All.: Cesare Prandelli

Ammoniti: 82’ Barzagli (I), 93′ Maggio (I)

Espulsi: nessuno

Arbitro: Pedro Proenca (Portogallo)

A cura di Mauro Leone

Share Button

One Response to L’Italia domina l’Inghilterra, la batte ai rigori e vola in semifinale

  1. fiorenza.mantovani b 25 giugno 2012 at 1:37

    CARISSIMO GIGI DI SEI SCORDATO DI ME MA IO TI SEGUO SPESSO E QUESTA SERA SEI STATO GRANDIOSO PERCHE L'ITALIA HA GIOCATO VERAMENTE MA LA PALLA IN PORTA NON CI ENTRAVA VERAMENTE L'ITALI ANCORA UNA VOLTA HA VINTO PER MERITO TUO UN FORTE ABBRACCIO SEI SEMPRE BRAVISSIMO COME PORTIERE

    FIORENZA MANTOVANI

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *