Dario Di Ponzio
No Comments

Van Gaal contro la “finalina”: “Abolitela”

Van Gaal non manca di scagliarsi contro la Fifa, questa volta il motivo del contendere è la "finalina" per il 3°-4° posto

Van Gaal contro la “finalina”: “Abolitela”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sempre più “uomo-copertina” di questo mondiale, Louis van Gaal, non manca di far discutere gli addetti ai lavori e gli appassionati di calcio.
Questa volta però non si tratta di un cambio di modulo (come il tanto sorprendente quanto efficace 3-5-2 schierato con l’Olanda), o di una sostituzione tra portieri per sfruttare l’aura di pararigori di Krul a sfavore del titolare Cillesen.
Questa volta a far discutere è una sua uscita, ovviamente polemica, contro la “finalina” per il 3° e 4° posto.

Felipe Scolari, ct del Brasile

Felipe Scolari, ct del Brasile. A differenza di Van Gaal, è a favore della “finalina”

“ABOLITELA” – Ancora scosso dall’eliminazione ai rigori contro l’Argentina dopo 120 minuti in cui ancora una volta era riuscito a offrire una lezione di tattica maestosa nel neutralizzare gli avanti argentini, Louis van Gaal si è presentato in conferenza stampa attaccando la “finalina”. “Mi chiedo a cosa serva: è una partita inutile e secondo me andrebbe abolita”, con queste parole il futuro allenatore dello United ha “tuonato” contro la Fifa.
Tutto ciò mentre Felipe Scolari, altro grande deluso di questa competizione, invece cerca (almeno a parole) di mantenere la concentrazione attorno alla partita per il terzo e quarto posto, vero e proprio tentativo di salvagente per lui per evitare quella che sarebbe una disfatta su ogni fronte.

VAN GAAL VS FIFA – L’attacco contro la “finalina” per il terzo posto però non è stata la prima sfuriata di van Gaal contro la Federazione.
La conferenza stampa prima di Olanda – Cile probabilmente è quella che più di tutte rappresenta il personaggio Van Gaal, da sempre scorbutico e aggressivo, tanto sul campo da gioco quanto a parole.
La decisione di portarsi in conferenza stampa Martins Indi, motivandola con il fatto che “Far parlare i giocatori prima di un allenamento non è una cosa intelligente, quindi ho portato con me Martins che è uno di quelli sicuri di non giocare”.
Successivamente le polemiche sul calendario modificato, reo di favorire il Brasile, le polemiche contro gli arbitri rei di aver concesso rigori inesistenti contro l’Olanda o gialli forzati ai danni di Van Persie portandolo alla squalifica.

LA “FINALINA” – Di certo da un punto di vista della gloria personale pochi hanno dato importanza alla “finalina” per il terzo e quarto posto.
Spesso si fatica a ricordare addirittura la finalista perdente di un mondiale, quindi non c’è da sorprendersi se pochi si ricordano ad esempio che la Germania viene da due terzi posti, il primo ottenuto nel mondiale casalingo del 2006 contro il Portogallo e il secondo ottenuto contro l’Uruguay nel mondiale sudafricano del 2010
Discorso diverso, a livello anche di esultanze, si può ritrovare invece nel mondiale 2002, quando la Corea Del Sud e la Turchia si sono ritrovate a battagliare per la “finalina” offrendo una gran partita tra le due rivelazioni del torneo, vinta dalla Turchia di Guneç per 3-2 grazie a una ottima prestazione specialmente di Ilhan Mansiz.
Di certo però, sia per motivi di sport olimpico quale è il calcio (che necessità anche di un terzo posto oltre che di un primo e secondo) sia anche per motivi economici (più partite = più soldi) la spiegazione della presenza di questa partita è facilmente spiegabile.
Anche perchè, malgrado la delusione in questo momenti sia ancora molta dubitiamo fortemente che van Gaal domani scenderà in campo per perdere.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *