Walter Molino
No Comments

Pagelle Brasile-Germania 1-7: Muller ovunque, Fred inadeguato

Cronaca di una sfida surreale: i teutonici distruggono i verdeoro a casa loro ed adesso attendono la vincente di Argentina-Olanda per la Grande Finale. E' l'umiliazione peggiore nella storia del calcio?

Pagelle Brasile-Germania 1-7: Muller ovunque, Fred inadeguato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Brasile-Germania 1-7: Thomas Muller è il migliore

Brasile-Germania 1-7: Thomas Muller è il migliore

PAGELLE BRASILE

JULIO CESAR 4 – Ne prende sette. Non ha colpe specifiche su nessun gol – forse qualcuna sul secondo – e fa pure una bella parata nella ripresa. Ma se ne prendi 7 in una semifinale Mondiale il tuo voto non può essere superiore al 4.

MARCELO 5 – Tra i più volenterosi. Molla soltanto a 10 dalla fine, per il resto lotta e corre anche sotto di 5 gol. Nel disastro generale, si dimostra encomiabile.

DAVID LUIZ 3 – E’ un peccato. Con la fascia di capitano addosso, il difensore più simpatico e sorridente che c’è sfodera la prestazione peggiore della sua carriera. Bucato a destra e a manca, le sue sgroppate coraggiose si rivelano pure arma a doppio taglio. Esce in lacrime, chiedendo scusa al suo popolo. Un esempio anche nella più traumatica delle sconfitte.

DANTE 2,5 – Peggio di Luiz, con l’aggravante di aver mollato molto prima del previsto. Disastroso.

MAICON 3,5 – Parte bene, poi si spegne. E si fa beffare dai tedeschi palla dopo palla. Inerme.

L. GUSTAVO 2,5 – Imbarazzante per come si fa travolgere dal passo dei tedeschi. Un birillo.

FERNANDINHO 3 – Surclassato da chiunque. Dal 46′ PAULINHO 2,5 – A passo lento, nella ripresa ha un sacco di spazio ma cincischia sempre sul pallone: sembra che non sappia cosa farsene e va in confusione perenne.

BERNARD 2,5 – Non si capisce perchè giochi lui e non Willian. Sbaglia tutto.

HULK 3 – Terrificante, non riesce in questo Mondiale a dare linfa alla sua fama di top player. Esce a testa china. Dal 46′ RAMIRES 5 – Prova a portare un po’ di fosforo.

OSCAR 5,5 – Come gli altri, con la differenza che crea qualcosa e segna un gol. Quasi sufficiente.

FRED 2 – Semplicemente inadeguato. Scolari ha straperso la sua scommessa. Dal 70′ WILLIAN 6 – Crea, è vivace, porta tecnica e testa. Non aveva nessun senso lasciarlo in panchina, a maggior ragione in assenza di Neymar.

All. SCOLARI 1 – La Germania gliene fa sette. Lui sbaglia tutto, schierare Bernard e Fred in luogo di Ramires e Willian sembrava una follia già a prescindere, figuriamoci dopo. Uomo tutto d’un pezzo, si prende le sue responsabilità e questo gli fa onore. Ma si ricordava anche come un grandissimo allenatore. Proprio nel Mondiale di casa, subisce un’involuzione assurda.

PAGELLE GERMANIA

NEUER 7 – Dopo un primo tempo da senza voto o comunque da 6 politico si guadagna la “pagnotta” con una serie di interventi all’inizio del secondo tempo, quando il Brasile ha provato un disperato assalto d’oroglio. Degna di nota la sua parata su Paulinho. Anche in questa partita si fa vedere per la sua propensione ad uscire fuori area e a giocare da libero, anche se non ce n’è stato davvero bisogno. Non può praticamente nulla sul goal della bandiera di Oscar.

LAHM 7.5 – Torna a giocare sulla sua fascia e si vede. Non si passa da quella parte. Hulk ha provato a dribblarlo qualche volta, ma ha capito subito che non era serata. Anche per lui appena venti minuti di impegno e poi tutto in discesa a gestire.

BOATENG 7 – Anche per lui qualche buon intervento quando c’era ancora una partita. Con Jerome e Hümmels la Germania ha un’ottima retroguardia.

HÜMMELS 7 – In quei 26 minuti in cui c’è stata partita (gli unici praticamente), il centrale del Borussia Dortmund si fa trovare sempre e puntualmente spazza o chiude le prime offensive brasiliane. All’intervallo Löw decide di risparmiarlo per la finale a risultato già abbondantemente acquisito.

MERTESACKER 6 – Entra nel secondo tempo al posto di Hümmels, probabilmente già sapendo che la sua partita sarebbe stata facile, se non un allenamento.

HÖWEDES 7+ – Ottima prestazione per il terzino dello Schalke che riesce a chiudere anche le offensive del Brasile dalla destra. Bravo anche ad intervenire in chiusure centrali.

SCHWEINSTEIGER 6.5 – Il faticatore del centrocampo del Bayern Monaco è abituato a partite di ben altro tenore. Si limita ad intervenire in qualche occasione e a far girare la palla senza troppi affanni.

KHEDIRA 8 – Miglior partita del mondiale oggi per il mediano del Real Madrid. Al di là del goal si rende autore di una prestazione incredibile. Mostra addirittura numeri non del suo repertorio, portando palla e dribblando avversari all’altezza della linea mediana. Si porta avanti sfruttando gli enormi spazi lasciati dai Brasiliani e si è meritato anche di uscire a 15 minuti dalla fine per riposarsi per la finale.

MÜLLER 9 (IL MIGLIORE)  – Come si possono trovare gli aggettivi per questo giocatore totale? È ovunque. Nel secondo tempo c’è un super intervento difensivo di un giocatore tedesco. Vai a vedere ed è lui. Spaziale. In attacco è il one man show. Sempre decisivo, anche in questa gara ha marcato il tabellino, portandosi a cinque goal in questo mondiale; in finale potrà superare James Rodríguez che ha 6 goal. Fin qui ha giocato due mondiali mettendo a segno 10 reti, se continua così rischia di togliere il record appena siglato dal suo compagno di squadra. È probabilmente il simbolo della straordinaria grandezza di questa squadra.

KROOS 8 – Dei trequartisti tedeschi è quello che più gioca arretrato per dare una mano al centrocampo tedesco (come se poi ce ne fosse bisogno) e far girare meglio il pallone. Eccezionale a farsi trovare pronto in attacco, durante i 26 minuti di fuoco della sua squadra mette a segno una doppietta in due minuti.

SCHÜRRLE 7.5 – Entra al 58esimo del secondo tempo, praticamente due tiri due goal. Del suo secondo goal, in altre partite, probabilmente si sarebbe parlato a lungo, ma ovviamente l’argomento del giorno è un altro, ma resta comunque un goal di pregevole fattura.

ÖZIL 6 – Dire “il peggiore dei suoi” sarebbe ingeneroso dopo un 7-1, ma è stato comunque il giocatore che meno ha inciso in questo risultato. Con una partita diversa probabilmente avrebbe espresso il suo potenziale. Sbaglia clamorosamente l’occasione dell’8-0 a pochi minuti dalla fine.

KLOSE 6 – Il voto espresso è ovviamente dovuto alla prestazione, perché è chiaro che il suo sedicesimo goal ai campionati del mondo del calcio, record assoluto (superato Ronaldo a quota 15), varrebbe da solo un 10. All’inizio della partita era sembrato un po’ pesante e non adattissimo al gioco di questa brillante Germania: qualche palla persa e qualche passaggio fuori misura. Poi peró in questa serata stregata per i padroni di casa, riesce a metterci il suo zampino grazie alla collaborazione di Müller. Avrà ancora l’opportunità di marcare il tabellino nella finale ampliando il suo straordinario record.

LÖW 9 – Nella serata del tracollo del Brasile, si celebra al contrario il capolavoro di Joachim Löw. Allenatore assolutamente eclettico, è stato capace, durante il mondiale, di cambiare sistema di gioco, da Müller falso nueve (o meglio come direbbero loro Falscher Neun) a Klose punta centrale. Con qualsiasi modulo questa Germania ottiene comunque risultati eccezionali. Adesso manca l’ultimo tassello in finale contro la vincente tra Argentina e Olanda per potersi laureare campioni del mondo per la quarta volta e pareggiare il record dell’Italia.

Vincenzo Galdieri e Walter Molino (@matchbeth)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *