Matteo Masum
No Comments

E’ il mondiale dei portieri: i top 5 tra conferme e sorprese

Tanti gol, ma anche tante parate. Andiamo a vedere i migliori della competizione fino ad ora

E’ il mondiale dei portieri: i top 5 tra conferme e sorprese
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Manuel  Neuer, portiere della Germania

Manuel Neuer, portiere della Germania

Non solo Messi, Neymar, James e soci. Questo mondiale ci sta regalando tanti protagonisti, più o meno attesi. Tra questi, i numeri uno, i custodi dell’inviolabilità della rete, in altre parole, i portieri. Dagli estremi difensori delle più forti squadre europee ai disoccupati, stiamo assistendo a degli exploit clamorosi, che contribuiscono a rendere questa competizione iridata una delle più spettacolari di sempre. Proviamo a stilare una top 5, tenendo presente che, nella scelta dei portieri, non terremo conto del valore assoluto, ma delle prestazioni offerte in questo mondiale. Al contempo, l’andamento della nazionale sarà irrilevante ai fini della classifica. Ad esempio, non verrà inserito Courtois, che pure è uno degli estremi difensori del mondo, in quanto il Belgio, fino a questo momento, avendo incontrato squadre di livello nettamente inferiore, non ha richiesto gli straordinari al suo fenomenale numero uno. Al termine del mondiale, forse, i discorsi saranno differenti.

5) Tim Howard- Gli USA sono usciti a testa alta dal confronto con il fortissimo Belgio, ma se la squadra di Klinsmann è riuscita a portare il match fino al 120′ è soltanto grazie al suo estremo difensore. Vero e proprio paratutto, nonostante i suoi 35 anni, Tim Howard si è confermato portiere affidabilissimo. Era il suo ultimo mondiale, onorato alla grande.

4) Manuel Neuer- E’, insieme a Courtois, il miglior portiere al mondo. In questo mondiale sta mettendo in mostra le sue qualità tattiche nel saper leggere l’azione prima che si sviluppi, giocando sovente al limite della sua area, per anticipare i contropiedi avversari. Tra i pali, al solito, è insuperabile.

3) Rais M’Bolhi- Un autentico fenomeno. Formidabile contro il Belgio nella fase a gironi, favoloso contro la Germania, dove ha parato l’imparabile. Il lungo applauso tributato alla sua Algeria al termine del match contro la squadra di Loew è il giusto riconoscimento anche per il fortissimo estremo difensore attualmente in forza al CSKA Sofia.

2) Guillermo Ochoa- Una sorta di mascotte di questo mondiale. Portiere disoccupato, eroe del Messico che ha mancato per poco l’accesso ai quarti di finale. Con le sue parate, forse, si è guadagnato un contratto.

1) Keylor Navas- La cenerentola di Brasile 2014 è diventata una temuta mina vagante. Gran parte del merito va a Keylor Navas, fortissimo portiere costaricano, il quale, soprattutto contro la Grecia, ha messo in mostra tutto il suo repertorio, sia nei 120′, che nei calci di rigore. Van Persie e soci sono avvertiti.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *