Redazione
No Comments

Ogliastra: la Sardegna selvaggia ed incontaminata

Full immersion nella natura assicurata per i visitatori dell'Ogliastra

Ogliastra: la Sardegna selvaggia ed incontaminata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ogliastra: Cala Goloritzé

Ogliastra: Cala Goloritzé

Quando si sente parlare dell’estate in Sardegna, l’immaginario collettivo si immedesima in un mondo di spiagge cristalline, aperitivi al tramonto, locali esclusivi e vita mondana e lussuosa; ma quello che non tutti sanno, è quella parte di Sardegna non intaccata dal turismo di lusso, talvolta troppo movimentato, che negli anni ha deformato gli originari connotati dell’isola. Quest’angolo di paradiso è l’Ogliastra.
Sconosciuto fino a pochi decenni fa ai vacanzieri, è considerato uno dei luoghi più belli del mondo, l’arcipelago si affaccia sulla costa orientale dell’isola, poco sotto il golfo di Orosei, ed il suo territorio si estende fino alle pendici dei monti del Gennargentu. Chilometri di scogliere a picco sul mare, calette e spiagge tra le più suggestive del Mediterraneo, ettari di boschi incantati e selvaggi, regalano ai visitatori un’esperienza unica ed indimenticabile.

ITINERARIO MARITTIMO – La particolari caratteristiche di ogni spiaggia dell’Ogliastra rendono ogni caletta unica e diversa da tutte le altre. Il lido di Cea, famoso per i due faraglioni di roccia rossa, si estende per oltre un chilometro, un paradiso di sabbia bianca e acque limpide  per gli appassionati di tuffi. La spiaggia di Orrì è molto vasta, si trova appena fuori dal centro abitato di Tortolì, uno dei maggiori centri di questa provincia: la particolarità di questo lido sta nell’alternarsi di magnifiche calette separate da scogli di granito grigio levigati dal mare.
Imperdibile l’escursione in battello nel golfo di Baunei, trasferte organizzate di una giornata in cui è possibile visitare e sostare in alcune delle paradisiache calette disperse in una natura selvaggia ai piedi dei monti che cadono a picco sul mare. Tra queste Cala Goloritzé, Cala Mariolu, Cala Sisine, Cala Luna e Cala Biriola, una più sorprendente dell’altra.

ITINERARIO ENTROTERRA – Qualsiasi descrizione non renderebbe del tutto merito all’estimabile bellezza e unicità di questa terra. A piedi, in bicicletta, a cavallo o in quad o in fuoristrada si può percorrere un’area molto vasta, estesa oltre 1800 chilometri quadrati,composta di poche pianure di modesta altezza e di tanti rilievi montuosi che dominano sia la costa sia l’interno. Nella zona interna dell’Ogliastra si trovano molti nuraghi, domus de janas, fonti sacre, tombe dei giganti e menhir.

Ogliastra: Culurgiones ogliastrini

Ogliastra: Culurgiones ogliastrini

ITINERARIO CULINARIO – Da non perdere le degustazioni dei famosi piatti tipici della zona negli svariati agriturismi della zona. Il visitatore ha la possibilità di assaporare pietanze locali di terra e mare. Il gusto particolare delle carni è dovuto alla qualità dei pascoli naturali, quasi allo stato brado. Da non perdere sono i culurgiones ogliastrini, formati da sfoglia ripiena di patate e formaggio e le arrostite di carne di capra, pecora e porcetto.

Carol Deriu

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *