Redazione

Chiamati all’esame d’Inglese, superiamolo come sappiamo fare noi! L’editoriale di SportCafe24

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Editoriale prepartita Italia-Inghilterra. Ecco come vediamo questo quarto di finale contro i pragmatici uomini dell'amante del vino...

Cesare Prandelli

KIEV, 24 GIUGNO – Gli esami d’Inglese fanno sempre un sacco di paura, vuoi perchè ti chiedi sempre perchè siamo noi a dovere imparare la lingua della Regina Elisabetta, William Shakespeare, Isaac Newton ed Enrico VIII e non loro a dover far pratica, tra libri, audiocassette e cattivissime madre lingua, con la lingua del sommo poeta Dante e di tutte le altre grandi personalità della nostra Italia.

Al “The pen is on the table” ci siamo arrivati tutti, probabilmente anche Cassano, all’effettivo superamento dell’esame Inglese, lo scopriremo solamente domenica sera, quando sul campo da calcio di Kiev ci giocheremo, contro i leoni d’Inghilterra, l’accesso alle semifinali dell’Europeo. Ci basterebbe un 18, diciamo la verità, anche se puntiamo come sempre ad un bel 30, magari con lode, ma solo per una grande autostima necessaria per affrontare esami cosi terribilmente difficili. Il nostro calcio è poco talentuoso e probabilmente poco dinamico, ma terribilmente grintoso, tignoso ed efficace. Gli inglesi lo sanno, perchè bene o male nemmeno loro, con il vecchio volpone e amante del vino Roy Hodgson in panchina, sono dei giocolieri del pallone, che fanno divertire e rilassare i propri tifosi, che comunque saranno li ad urlare “God save the queen” e “Come on England”, perchè innamorati e sempre fedeli ai loro colori, alla loro nazionale, come noi siamo devoti e tifosissimi del nostro azzurro Italia.

Una grande partita, Italia-Inghilterra, una sofferenza di 90′ minuti e magari qualcosina di più, pronta a trasformarsi in gioia in caso di vittoria o in lacrima sul viso e sbuffata generale in caso di sconfitta. Noi scenderemo in campo insieme a Marchisio, Buffon, Cassano, Balotelli, De Rossi e tutti gli altri azzurri, perchè ci crediamo, perchè l’Inghilterra è forte ma non imbattibile, perchè Rooney, Young, Hart e compagni dovranno temere anche loro, almeno per un giorno, il terribile, non facile e complicato esame d’italiano!!!!

FORZA AZZURRI! “LA PENNA E’ SUL TAVOLO”.

a cura di Alberto Fumagalli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *